Guido Podestà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guido Podestà

Presidente della
Provincia di Milano
In carica
Inizio mandato 22 giugno 2009
Predecessore Filippo Penati

Vicepresidente del Parlamento Europeo
Durata mandato 10 giugno 1997 –
25 maggio 2004
Presidente José María Gil-Robles
Nicole Fontaine
Pat Cox
Predecessore Roberto Formigoni
Successore Luigi Cocilovo

Dati generali
Partito politico Nuovo Centrodestra
(2013-presente)
Precedenti:
Forza Italia
(1994-2009)
Il Popolo della Libertà
(2009-2013)
Alma mater Politecnico di Milano
Guido Podestà
Monogramma del Parlamento Europeo
Unione europea
Parlamento europeo
Luogo nascita Milano
Data nascita 1º aprile 1947
Titolo di studio Laurea in Architettura
Professione Dirigente di azienda privata
Partito Forza Italia
(1994-2009)
Il Popolo della Libertà
(2009-2013)
Nuovo Centrodestra
(2013-)
Legislatura IV, V, VI

Guido Podestà (Milano, 1º aprile 1947) è un politico italiano, Presidente della Provincia di Milano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nasce a Milano, quinto di sette tra fratelli e sorelle, da papà Alfredo, dirigente della Pirelli e mamma Irma, insegnante di scuola materna. Si è laureato in Architettura al Politecnico di Milano ed è padre di quattro figli: Marco, Francesca, Arianna ed Annasole. La sorella Flavia era giornalista de Il Giornale e La Stampa.[1]

Nel 1976 viene assunto nella Società Edilnord di Silvio e Paolo Berlusconi, diventandone nel giro di qualche anno amministratore delegato.[1]

In gioventù pratica il nuoto agonistico e fonda in seguito il Gruppo Sportivo Lombardo a Cinisello Balsamo.[2]

Eurodeputato di Forza Italia (1994-2009)[modifica | modifica sorgente]

Alle Elezioni europee del 1994 Podestà viene eletto per Forza Italia nella circoscrizione Nord-Ovest, ed è stato rieletto nel 1999 e nel 2004. Nell'Europarlamento ha fatto parte del gruppo del Partito Popolare Europeo - Democratici Europei.[3]

Eletto nel 1997 membro dell’Ufficio di Presidenza del Parlamento europeo come uno dei 14 Vicepresidenti, è stato riconfermato due volte nell’incarico, nel giugno 1999 e nel gennaio 2002.[3]

In qualità di membro titolare della Commissione Bilancio, è stato Relatore al Bilancio dell'Unione nel 2002 e nel 2003.[3]

È stato Presidente dell’Intergruppo del Parlamento europeo per la Terza e la Quarta Età, con il quale è stato promotore di varie iniziative tra cui il progetto ENEA, finalizzato a finanziare iniziative di mobilità per le persone anziane.[4]

Dal 2004 al 2009 è stato presidente della delegazione del Parlamento Europeo alla commissione parlamentare mista UE-Romania in vista dell'adesione della Romania all'Unione Europea e successivamente Presidente della Delegazione del Parlamento Europeo per i rapporti con l'Afghanistan.[3]

Incarichi di partito in Forza Italia[modifica | modifica sorgente]

Negli anni 2000, parallelamente al lavoro di eurodeputato, è commissario per Forza Italia nelle province di Varese e di Brescia.[1]

Dal 2004 al 2008 è commissario per Forza Italia della Provincia di Milano.[1]

Dal maggio 2008 è coordinatore regionale per la Lombardia di Forza Italia. Con la nascita del Popolo della Libertà diventa il primo coordinatore regionale in Lombardia del nuovo partito.[1]. Si dimette il 25 gennaio 2011 dal ruolo di coordinatore regionale del Pdl lombardo per "sovraccarico di ruoli istituzionali ricoperti", in primis quello di Presidente della Provincia di Milano. Gli subentra il Sottosegretario alle Infrastrutture del Governo Berlusconi Mario Mantovani.[5].

Presidente della Provincia di Milano (2009-attualità)[modifica | modifica sorgente]

Nel 2009 è candidato alla presidenza della Provincia di Milano per il Popolo della Libertà, risultando eletto al ballottaggio contro il presidente uscente Filippo Penati.

Passaggio al Nuovo Centrodestra[modifica | modifica sorgente]

Legato da sempre a Forza Italia, prima, e poi, al Pdl, il 14 dicembre 2013, Guido Podestà formalizza il suo passaggio al Nuovo Centrodestra guidato da Angelino Alfano.

Si candida alle Elezioni europee del 2014 (Italia) nella Circoscrizione Italia nord-occidentale (che raccoglie i collegi di Lombardia, Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta) per NCD-UDC ma con 7.898 preferenze non è eletto.

Note[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Presidente della Provincia di Milano Successore Provincia di Milano-Stemma.png
Filippo Penati dal 22 giugno 2009 in carica