Guido Canali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Pochi architetti come Canali hanno alla base del proprio operare il dialogo,composto e quasi defilato, con la materia del progetto e della costruzione; un dialogo che parte dalla lettura delle tracce fisiche dell’architettura per ridefinire, attraverso un paziente laborioso rimontaggio, i segni dello spazio, della città e del territorio, accettando e traducendo i continui rimandi e memorie che quei segni evocano. »
(Elisabetta Pieri)

Guido Canali (Sala Baganza, 24 ottobre 1935) è un architetto italiano. Si è laureato al Politecnico di Milano, lavorando poi in Italia ed in Europa.
Già docente universitario presso l'Università di Parma, poi presso lo IUAV di Venezia, è attualmente professore di composizione architettonica alla Facoltà di Architettura dell'Università di Ferrara. Gli incarichi professionali hanno riguardato principalmente il ripristino degli insiemi storico-urbano-architettonici e nell'organizzazione di allestimenti e complessi museali (si ricordano le mostre del "il Parmigianino e il manierismo europeo", "Duccio di Buoninsegna, alle origini della pittura senese" a Siena, "Il Correggio" a Parma, l'allestimento del Museo Storico Archeologico di Savona nella sede della fortezza Priamar). Studioso dell’architettura neoclassica parmigiana, ha sviluppando ricerche sulle città emiliane e sui possibili recuperi, documentati nella mostra “La Città Latente” allestita a Parma, nel Palazzo della Pilotta, nel 1995.

Asciutto, sintetico ed elegante,
il linguaggio che Canali ha istituzionalizzato nel suo consapevole uso della tecnologia
riflette una profonda riflessione sulla storicità della città italiana,
fuori da ogni moda o effimera convenzione stilistica.
[senza fonte]

Ha ricevuto numerosi premi tra cui:
Inarch (1989-1990, 1991/92),
Constructa Preis Hannover (1992),
Fritz Schumacher Preis (2004),
Compasso D’oro (2004)
e la menzione d’onore alla medaglia d’oro dell’architettura italiana (Triennale di Milano) per gli anni 2003, 2006 e 2009.
Negli anni i suoi lavori hanno avuto riscontro nazionale ed internazionale attraverso mostre personali in Italia e all’estero, tra cui la Biennale di Venezia, Padova, Monaco, Meinz.
Dal 2008 è Accademico di San Luca

Selezione di opere e progetti[modifica | modifica wikitesto]

Date Progetto Luogo Note
1967 Casa sul colle Mucciatella, (Reggio Emilia) con: Leopoldo Ficarelli
1967/71 "Casa Rossa" Parma  
1967-74 Case a schiera Parma  
1970-90 Palazzo della Pilotta, Galleria Nazionale Teatro Farnese, Parma  
1975 Casa privata in via Duomo Parma  
1977-83 Nuova sede del Consorzio Parmigiano Reggiano Reggio Emilia  
1978/83 Centro Convegni S. Elisabetta - Campus universitario Parma  
1982/87 Casa-magazzino Parma  
1985 Casa-museo in Borgo Du Tillot Parma  
1985/86 Dipartimento di scienze della terra Parma  
1985/96 Galleria commerciale, uffici e sede Comunale Sassuolo, (Modena)  
1988/90 Progetto archittonico della nave da crociere Costa Marina   con: Salsoglass snc
1990/92 Progetto archittonico della nave da crociere Costa Allegra   con: Salsoglass snc
1991 Casa per un collezionista d'arte Parma  
1994/95 Edificio industriale Como  
1996/06 Bayrische HypoVereinsbank immagini Monaco di Baviera con: Gilberto Botti, Maurizio Pappalardo,
Florian Jost, Hanns Michael Küpper, Burkard Franke,
Doerte Baecker, Ulrich Peter Hackl,
Valentina Colonna
1997/00 Casa Museo nel Mulino del Maglio Sassuolo, (Modena)  
1997/01 Stabilimento calzaturiero Prada (Prada Shoes Factory) Montegranaro, (Ascoli Piceno) Studio Canali, Mimma Caldarola
1998/00 Museo archeologico di Complesso museale di Santa Maria della Scala Siena Studio Canali, Francesco Canali, Mimma Caldarola, Claudio Bernardi
1999/00 Progetto di recupero dello zuccherificio Mirandola, (Modena)  
2002 Restauro dell'ex Convento di San Paolo Parma (Progetto di concorso - Vincitore)
con: Giorgio A. Bertani,
Domenica Caldarola,
Maurizio Pappalardo,
Gianfranco Zanafredi,
Pietro Zanlari
2002 Restauro dell'ex Ospedale della Misericordia Parma (Progetto di concorso)
con: Giorgio A. Bertani,
Domenica Caldarola,
Maurizio Pappalardo,
Gianfranco Zanafredi,
Pietro Zanlari
2002 Riqualificazione edifici del centro storico area ex Gondrand, Parma (Progetto di concorso)
2002/03 Allestimento della mostra "Parmigianino e il manierismo europeo" Palazzo della Pilotta, Parma "Un labirinto che ricuce sale, corridoi,
nicchie, in un suggestivo gioco di luci ed ombre.
«La nostra intenzione era quella di realizzare
uno spettacolo piacevole e avvincente»
ha spiegato l’architetto parmense.
(da: Gazzetta di Parma)
2003 Nuovo polo museale "Città delle Culture" Area Ansaldo, Milano (Progetto di concorso)
2004 Uffici SMEG San Girolamo di Guastalla (Reggio Emilia) Canali Associati Srl
2004 Recupero e valorizzazione della Villa Reale Monza (Progetto di concorso)
2004 Coperture per la Villa del Casale Piazza Armerina, (Enna)
2007 Riqualificazione del complesso ospedaliero di Santa Chiara Pisa (Progetto di concorso)
con: Ufficio Progetti Arch. Ass., Nicola Serafino,
Leopoldo Sdino, Marco Rossi (bs),
Roberto Melai, Gianfranco Franz,
Romeo Farinella, Paolo Ceccarelli, Pietro Zanlari
2007 Riqualificazione Piazza Buondelmonti Impruneta, (Firenze) (Progetto di concorso - Vincitore)
2007/08 Progetto di 5 torri residenziali nel recupero del quartiere Portello Milano  
2008 Allestimento della mostra "Correggio" Palazzo della Pilotta, Parma  
2008 Stabilimento ed uffici Prada Valvigna, (Arezzo)  
2008 Progetto per un Poliambulatorio Napoli  
2008 Progetto per un centro museale Kyong Ky, (Seul)  
2008 Recupero dell' edificio dell'ex Collegio Carlo Alberto Moncalieri, (Torino) con: Luca Deabate, Marina Deabate,
Favero Milan, Prodim srl, Francesco Canali
2008 Nuovo stabilimento Maglificio Gran Sasso Sant'Egidio alla Vibrata, Teramo con Maurizio Pappalardo
(Menzione d'onore Medaglia d'oro dell'architettura Italiana 2009)
2013 Restauro di Palazzo Reale e Museo del Duomo Milano con: Francesco Canali, Claudio Bernardi, Gianfranco Zanafredi

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dal rudere di un castello medioevale una casa moderna, in «Domus», n. 447, febbraio 1967, pp. 38-44.
  • G. Canali, A Parma sei esempi di vecchie case ristrutturate: rispetto per il passato, creatività per il presente, in «Abitare» n. 125, 1974.
  • La Pilotta: segno di una città, in «Casabella» n. 454, 1980, , G. Canali, A. C. Quintavalle, pp. 12–35.
  • Tre quarti di secolo, avventure nel tempo di un uomo qualunque: Guido Canali, Edizioni italiane di letteratura e scienze; 1985.
  • Fra architettura e restauro: il centro Santa Elisabetta, in «Abitare», n. 232, 1985.
  • M. Baracco, Restauro delle ex-carceri di Sassuolo, in “Domus”, n. 677, 1986.
  • Progetti di Guido Canali, in «Casabella» n. 591, 1992, pp. 50–57.
  • Guido Canali a Sassuolo, in «Abitare» n. 401, dicembre 2000.
  • V.Savi, Guido Canali a Parma, nella Pilotta: le Sale Ottocentesche, in «Abitare» n. 306, 1992.
  • «Guido Canali a Siena», in «Abitare» n. 319, 1993.
  • G. F. Brambilla, Centro S. Elisabetta a Parma, in “Costruire in Laterizio” n. 47, 1995.
  • Sorprese italiane: le antiche scuderie ducali a Parma, divenute gallerie d'arte, in «Domus» n. 429, agosto 1965, pp. 52-54.
  • numero monografico di «Costruire in Laterizio» n. 87, Maggio giugno 2002,disponibile on-line in formato .pdf.
  • Intervista al Corriere della sera
  • Museo del Duomo, Milano, in «Domus», n. 976, gennaio 2014, pp. 52-65.