Guerra russo-turca (1686-1700)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guerra russo-turca (1686–1700)
Pietro il Grande (a cavallo) conquista Azov
Pietro il Grande (a cavallo) conquista Azov
Data 1686-1700
Luogo Crimea e Azov
Esito Vittoria russa
Schieramenti
Voci di guerre presenti su Wikipedia

La guerra russo-turca del 1686-1700 venne combattuta dallo zar Pietro il Grande contro l'Impero Ottomano contribuendo a frenarne l’avanzata in Europa.

Nel 1686 la Russia decise di aderire alla coalizione anti-turca composta da Confederazione Polacco-Lituana, Austria e Repubblica di Venezia

La guerra si concluse con il trattato di Costantinopoli del 1700 con il quale il Sultano cedeva allo zar le fortezze di Azov e di Taganrog e confermava il diritto dei russi ad effettuare pellegrinaggi in Terra Santa. Il trattato poneva inoltre le basi per l’apertura di un’ambasciata russa a Costantinopoli. In cambio lo zar si impegnava ad impedire che i Cosacchi attaccassero l’Impero Ottomano.