Guerra d'indipendenza dell'Eritrea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Guerra di indipendenza eritrea)
Guerra di indipendenza eritrea
Eritrean Independence War.gif

Data 1º settembre 1961 - 29 maggio 1991
Luogo Eritrea, Etiopia
Esito Vittoria eritrea
Proclamazione nel 1993, a seguito di referendum, dell'indipendenza; in Etiopia viene abbattuta la Repubblica Popolare Democratica d'Etiopia e proclamata una repubblica federale
Schieramenti
Comandanti
Perdite
60.000 militari
90.000 civili (stime)[1]
180.000 / 500.000 militari etiopi
5.000 cubani (stime)[1]
Voci di guerre presenti su Wikipedia

La guerra di indipendenza eritrea fu un conflitto che ebbe luogo tra il 1961 e il 1991, sorto a seguito dell'annessione dell'Eritrea da parte del governo etiope. Dopo la Seconda guerra mondiale, le Nazioni Unite avevano stabilito che l'Eritrea (colonia italiana fino al 1941 e poi, fino al 1950, occupata dai britannici) fosse federata con l'Etiopia, mantenendo la propria autonomia. Gradualmente il governo di Addis Abeba trasformò la federazione in una vera e propria annessione, che ebbe effettivamente luogo nel 1962. L'Eritrea, decisamente più sviluppata dell'Etiopia, si trovò in pratica ad essere oggetto di un Colonialismo perpetrato da un altro paese africano. Il conflitto vide le truppe etiopi contrapposte dapprima al Fronte di Liberazione Eritreo e successivamente al Fronte Popolare di Liberazione Eritreo.

Negli anni settanta il regime etiope ricevette un importante aiuto logistico dall'URSS e il diretto appoggio sul campo di soldati cubani.

Cronologia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Case Study