Guerra dell'acqua

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Guerra dell'acqua è una terminologia usata per descrivere un conflitto tra paesi, stati o gruppi per l'accesso alle risorse idriche[1][2][3]. L'Organizzazione delle Nazioni Unite riconosce che le controversie per l'acqua sono il risultato di opposti interessi dei consumatori di acqua, pubblica o privata[4]. Nella storia si sono susseguiti diversi conflitti per l'acqua, anche se raramente tali guerre si sono combattute solo per l'acqua[5], mentre, l'acqua è stata storicamente una fonte di tensione e un fattore di conflitti che si aprono per altri motivi. Tuttavia, i conflitti per l'acqua sorgono per diversi motivi, tra cui le controversie territoriali, la lotta per le risorse, e il vantaggio strategico[6]. Questi conflitti si verificano sia per l'acqua dolce che per l'acqua salata, e tra i confini internazionali. Tuttavia, la maggior parte di questi riguardano l'acqua dolce e questo perché le risorse d'acqua dolce sono necessarie, ma limitate, e al centro di controversie derivanti dalla necessità di avere acqua potabile[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ James Tulloch, Water Conflicts: Fight or Flight?, Allianz, 26 agosto 2009. URL consultato il 14 gennaio 2010.
  2. ^ Patricia Kameri-Mbote, Water, Conflict, and Cooperation: Lessons from the nile river Basin in Navigating Peace, nº 4, Woodrow Wilson International Center for Scholars, gennaio 2007.
  3. ^ Wolf A., et al.
  4. ^ United Nations Potential Conflict to Cooperation Potential, accessed November 21, 2008
  5. ^ Peter Gleick, 1993. "Acqua e conflitto". sicurezza internazionalevol. 18, No. 1, pp 79-112 (estate 1993).
  6. ^ Heidelberg Institute for International Conflict Research (Dipartimento di Scienze Politiche, Università di Heidelberg); Conflict Barometer 2007: Crisi - Guerre -. Colpi di Stato - Nagotiations - Mediazioni - Pace Settlements, 16 di analisi del conflitto annuale, 2007
  7. ^ [1] Freshwater: lifeblood of the planet, accessed November 21, 2008