Guerra d'Ira

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Lo scontro tra le armate dell'Ovest e quelle del Nord è detto Grande Battaglia nonché Guerra dell'Ira. »
(J.R.R. Tolkien, Il Silmarillion)

La Guerra d'Ira è una guerra dell'universo immaginario fantasy creato dallo scrittore inglese John Ronald Reuel Tolkien, e si tratta della battaglia decisiva contro Morgoth, combattuta alla fine della Prima Era.

La storia[modifica | modifica wikitesto]

La Guerra d'Ira, con l'intervento dei Valar, chiude la serie di battaglie del Beleriand, combattute dagli Elfi contro l'Oscuro Signore Morgoth.

Gli eventi precedenti[modifica | modifica wikitesto]

Durante la Prima Era, Morgoth aveva seriamente colpito e messo in difficoltà la Terra di Mezzo, agevolato in ciò anche dalle continue lotte fratricide tra i Noldor. Eärendil, guidato dalla luce del suo Silmaril, partì alla volta di Valinor in rappresentanza delle due razze, Elfi e Uomini, e chiese per loro perdono ed aiuto contro Morgoth. I Valar furono commossi dalla preghiera di Eärendil, e, insieme ai Vanyar, ai Noldor rimasti a Valinor e ad alcuni Maiar, mossero verso la Terra di Mezzo. Anche i Teleri offrirono le loro navi in prestito all'esercito dei Valar, ma non andarono a combattere, ricordando il massacro del loro popolo da parte dei Noldor. L'esercito attraversò il Beleriand e si scontrò con le forze di Morgoth sulla pianura dell'Anfauglith. Si dice che lo splendore delle loro armi illuminasse la pianura.

La battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Come nelle precedenti battaglie contro Morgoth, la terra tremava violentemente e i lampi della battaglia erano visibili da lontano. L'esercito dei Valar distrusse completamente le armate di Orchi di Morgoth e i Balrog, tranne pochi che fuggirono e si nascosero in caverne profonde. Mentre le tre case degli Uomini lottarono al fianco dei Valar, molti altri uomini dell'est combatterono al servizio di Morgoth e furono uccisi, oppure fuggirono nei territori all'estremo oriente della Terra di Mezzo, dove divennero re di uomini selvaggi. Temendo la sconfitta finale, Morgoth, in un tentativo disperato, scatenò le sue armi segrete, i draghi alati, mai usati prima, che per un poco riuscirono a respingere l'esercito dei Valar.

In quel momento però giunse Eärendil con la sua nave volante Vingilot, insieme alle aquile di Manwë, che lottarono contro i draghi, uccidendone molti tra cui il loro capo, Ancalagon il Nero, che nella caduta distrusse le torri di Thangorodrim.

Gli esiti[modifica | modifica wikitesto]

Morgoth fu infine catturato mentre si nascondeva nelle segrete più profonde di Angband e legato nuovamente con la catena Angainor; i due Silmaril in suo possesso furono presi dal Maia Eönwë, l'araldo di Manwë, e sorvegliati (tuttavia in seguito caddero nelle mani di Maedhros e Maglor). Le gambe di Morgoth furono tagliate fino al ginocchio e la sua corona di ferro gli fu messa come collare. Infine i Valar lo scagliarono «attraverso la Porta della Notte, oltre le Mura del Mondo, nel Vuoto Atemporale», dove sarebbe rimasto fino all'Ultima Battaglia e al Giorno della Sorte, e queste porte sono sorvegliate per sempre da Ëarendil. Solo allora Morgoth potrà essere completamente distrutto.

Conseguenze della guerra[modifica | modifica wikitesto]

A causa dell'enorme forza usata dall'esercito dei Valar, i danni derivati dalla guerra furono immensi. Gran parte delle terre a ovest degli Ered Luin furono devastate e sprofondarono nel mare. Il Beleriand scomparve per sempre e la geografia della Terra di Mezzo ne fu profondamente alterata.

Gli Elfi furono pregati da Ëonwë di tornare con lui nelle terre di Aman. La maggior parte di loro lo seguì, ma alcuni rifiutarono l'offerta e si recarono verso oriente, dove diventarono re dei restanti Noldor e Sindar, e degli altri Elfi che vivevano nell'est, come gli Elfi Silvani. Galadriel e Celeborn furono tra questi, così come Gil-galad.

Coloro tra gli Uomini che lottarono nell'esercito dei Valar ottennero la terra di Númenor (in Quenya chiamata Númenórë). Quest'isola non faceva parte né di Aman né della Terra di Mezzo, ma era la più vicina ad Aman di tutte le terre mortali.

Dopo la sconfitta del suo padrone, il maggiore servo di Morgoth, Sauron, si arrese ad Ëonwë e fu convocato a Valinor per essere giudicato dai Valar. Tuttavia, preferì scappare ad est, per poi tormentare – ciò sarà più compiutamente narrato nel Signore degli Anelli – Uomini ed Elfi in altre Ere.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Gli Ainur, gruppo progressive rock italiano, hanno composto un brano intitolato War of Wrath, contenuto nel loro primo disco From Ancient Times del 2006.
  • I Blind Guardian hanno composto un brano intitolato "War Of Wrath" nel loro album Nightfall In Middle Earth del 1998
Tolkien Portale Tolkien: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Tolkien