Guala Bicchieri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guala Bicchieri
cardinale di Santa Romana Chiesa
CardinalCoA PioM.svg
Nato ca1150
Creato cardinale 1205 da papa Innocenzo III
Deceduto 1227

Guala Bicchieri, o anche Giacomo Guala Beccaria (Vercelli, 1150 circa – Roma, 1227), fu cardinale e diplomatico al servizio dello Stato della Chiesa. Fu legato pontificio in Inghilterra dal 1216 al 1218 e svolse un ruolo politico importante negli ultimi anni di regno di Giovanni d'Inghilterra e nei primi anni di reggenza di Guglielmo il maresciallo (data la giovane età di Enrico III).

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La sua famiglia proveniva da Vercelli, nella cui cattedrale si trovano i primi testi nei quali viene citato (nel 1187).

Entrò nella congregazione dei Canonici regolari di San Pietro in Pavia e si laureò in utroque jure a Bologna. Fu canonico del capitolo della Cattedrale di Sant'Eusebio a Vercelli.

Nel 1205 divenne cardinale con il titolo di Cardinale diacono di Santa Maria in Portico Octaviae, servendo come legato pontificio del nord Italia, prima di diventare legato pontificio in Francia nel 1208. Nel 1211 divenne cardinale prete con il titolo dei Santi Silvestro e Martino ai Monti. Papa Innocenzo III lo nominò legato pontificio in Inghilterra nel 1216; la guerra civile ostacolava i piani pontifici per una crociata.

Guala Bicchieri arrivò in Inghilterra nel mezzo della prima guerra baronale, mentre i baroni ribelli tentavano di rovesciare re Giovanni e l'esilio (nonché sospensione) dell'arcivescovo di Canterbury, Stephen Langton, aveva privato la chiesa inglese di una guida. Guala Bicchieri si schierò a fianco di re Giovanni contro i baroni, che appoggiavano le mire del principe francese Luigi (il futuro Luigi VIII di Francia) al trono d'Inghilterra.

La figura del legato pontificio fu determinante per stabilizzare la situazione dopo la fine della guerra e per la nuova stesura della Magna Charta. Oltre a mediare fra i baroni ribelli ed il re, a supervisionare l'elezione del clero ed a punire quello ribelle, amministrare i possedimenti monastici il legato pontificio partecipò all'organizzazione del quarto concilio laterano. Nel 1217 promosse la nomina di Richard Poore a vescovo di Salisbury, in sostituzione del fratello Herbert, appena deceduto..[1]

Guala tornò in Italia nel 1219, dopo la firma del trattato di Lambeth. Fondò la basilica di Sant'Andrea a Vercelli.

Conclavi[modifica | modifica sorgente]

Durante il cardinalato di Guala Bicchieri ebbero luogo due conclavi, ai quali egli partecipò:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Philippa Hoskin, Poor, Richard (d. 1237) in: Oxford Dictionary of National Biography, Oxford University Press, 2004 Online Edition. (Controllato il 26 novembre 2007).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Marjorie Chibnall, Review of: The letters and Charters of Cardinal Guala Bicchieri, Papal Legate in England, 1216-1218. in The English Historical Review, vol. 114, nº 457, giugno 1999?, pp. 687-688, ISSN 00138266.
  • Guala Bicchieri in: Dizionario biografico degli Italiani, Roma, Ed. Istituto della Enciclopedia Italiana, 1968
  • (EN) Krapp George, The Vercelli Book, New York, Columbia University Press, 1932.
  • (EN) Guala Bicchieri in Oxford Biography Index, Oxford, Oxford University Press, 2004.
  • Enrica; Simonetta Castronovo, Simone Baioco Pagella, Arte in Piemonte 2, il Gotico, Torino, Priuli & Verlucca, 2004, ISBN 88-8068-225-3.
  • Ricerche sulla familia Bicchieri e la società vercellese dei secoli XII e XIII, Contributi dell’istituto di storia medioevale, 3rd ser., 1, Milan, Istituto di storia medioevale, 1981, pp. 207-259.
  • (EN) Ralph W. Turner, Review of: The letters and Charters of Cardinal Guala Bicchieri, Papal Legate in England, 1216-1218. in Speculum, vol. 47, nº 1, gennaio 1999, pp. 124-126, ISSN 00387134.
  • (EN) Nicolas Vincent, (editor), The letters and Charters of Cardinal Guala Bicchieri, Papal Legate in England, 1216-1218., Rochester, New York; Woodbridge, Suff., Canterbury and York Society, 1996, ISBN 0-907239-53-6.
  • Guala Bicchieri: Libellus de formis petitionum secundum cursum Romane curie, a cura di. v. Rudolf v. Heckel, in: AUF 1 1908, S. 502-511.
  • Cosimo D. Fonseca: Guala Bicchieri, in: DBI X, p. 313-324 online
  • (DE) Bruno W. Häuptli: BICCHIERI, Guala, in: Biographisch-Bibliographisches Kirchenlexikon (BBKL) XXX (2009) col. 120-124 online

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Cardinale diacono di Santa Maria in Portico Octaviae Successore CardinalPallium PioM.svg
Gregorio Galgano
11881202
1205 - 1211 vacante
fino al 1262
Predecessore Cardinale presbitero dei Santi Silvestro e Martino ai Monti Successore CardinalPallium PioM.svg
Ugo Bobone (o Uguccione Thieneo)
11901209
1211 - 1227 vacante
fino al 1261

Controllo di autorità VIAF: 27205818