Grus nigricollis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Gru dal collo nero
Stavenn Grus nigricollis 00.jpg
Grus nigricollis
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Gruiformes
Famiglia Gruidae
Genere Grus
Specie G. nigricollis
Nomenclatura binomiale
Grus nigricollis
Przhevalsky, 1876

La gru dal collo nero (Grus nigricollis Przhevalsky, 1876), conosciuta anche come gru tibetana, è un uccello della famiglia Gruidae.[2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

È una gru di medie dimensioni, lunga fino a 139 cm, dall'apertura alare di 235 cm e dal peso di 5,5 kg[senza fonte]. È una gru grigio-biancastra con la testa nera, la sommità del capo rossa, la parte superiore del collo e le zampe nere, e una macchia bianca dietro l'occhio. Ha le primarie e le secondarie nere. Entrambi i sessi sono simili.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

La gru dal collo nero è diffusa in Cina, India, Bhutan e Vietnam. Nidifica sull'altopiano tibetano e, in piccolo numero, sull'adiacente Ladakh, in India. Ha sei aree di svernamento, la maggior parte delle quali in Cina, ad altitudini più basse, specialmente sul lago Caohai, ma sverna anche in Bhutan. In India, la gru nidifica presso i laghi alpini del Ladakh, come lo Tso Kar. La gru dal collo nero è una delle creature più spirituali per i popoli dell'area ed è rappresentata insieme a molti dei nei monasteri della regione.

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

La popolazione stimata della specie è di 5600-6000 individui. La minaccia maggiore per la sua sopravvivenza deriva dalla bonifica delle zone di riproduzione per fare posto alle coltivazioni. Anche l'apertura al turismo della valle del Ladakh ha influito negli ultimi anni sulle popolazioni di questa gru. È protetta legalmente in Cina, India e Bhutan.

La gru dal collo nero viene classificata come vulnerabile dall'IUCN.[1] La CITES la protegge nelle Appendici I e II.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) BirdLife International 2012, Grus nigricollis in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Gruidae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 13 maggio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli