Gruppo Sportivo FIAT

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sisport Fiat
Dati societari
Città Torino
Sede Via Olivero, 40
Paese Italia Italia
Fondazione 1922
Presidente
Discipline
  • calcio
  • pallacanestro
  • tamburello
  • rugby
  • canottaggio
  • atletica leggera
  • pallanuoto
 sisportfiat.it


Il Gruppo Sportivo FIAT, anche noto come FIAT Torino era una società polisportiva di Torino appartenente alla FIAT.

Venne fondato il 5 febbraio 1922 da dirigenti FIAT. Per decisione delle autorità fasciste, cambiò poi nome in Dopolavoro FIAT. Con la caduta del fascismo, nel 1945 riprese la denominazione di Gruppo Sportivo FIAT, poi Centro Sportivo FIAT e quindi Sisport Fiat dal 1976.

Calcio[modifica | modifica sorgente]

La sezione calcio vinse il campionato piemontese di Terza Divisione 1924-25 e venne promossa in Seconda Divisione 1925-1926 (paragonabile all'incirca alla Serie B di adesso). I torinesi debuttarono benissimo in campionato, ma vennero alla fine beffati da una riforma dei campionati. Infatti, nonostante un buon sesto posto nel girone C, i piemontesi per pochissimo non riuscirono a accedere al nuovo campionato cadetto (l'ex Seconda Divisione ridenominata dalla stagione successiva Prima Divisione) e vennero retrocessi nella nuova Seconda Divisione (la Serie C dei giorni nostri). In poche stagioni i torinesi scesero dai campionati di tipo interregionale a quelli regionali; ritornarono in Serie C nella stagione 1938-39 ma furono subito retrocessi, dopo appena una stagione, in Prima Divisione Regionale. Da allora non riuscirono più a risalire tra i professionisti.

Pallacanestro femminile[modifica | modifica sorgente]

Risultati di molto migliori li ottenne la sezione pallacanestro. La squadra femminile di basket vinse più volte lo scudetto, ben cinque - nel 1962, 1963, 1964, 1979, 1980 - e una Coppa dei Campioni d'Europa nel 1980. Al suo attivo anche 2 titoli nazionali giovanili: Allieve 1969 e Ragazze 1975.

Cronistoria[modifica | modifica sorgente]

Silvana Grisotto, campionessa d'Italia con la Fiat Torino tra il 1961 e il 1964.
  • 1945-46 - in Serie A, girone B; eliminata
  • ...
  • 1955-56 - 5° in Serie A
  • 1956-57 - 5° in Serie A
  • 1957-58 - 3° in Serie A
  • 1958-59 - 4° in Serie A
  • 1959-60 - 5° in Serie A
  • 1960-61 - 1° in Serie A, girone B; 2° nel girone finale
  • 1961-62 - Scudetto.svg Campione d'Italia - 1° in Serie A, girone B; 1° nel girone A (seconda fase); vince le finali con l'A.P. Udinese
  • 1962-63 - Scudetto.svg Campione d'Italia
  • 1963-64 - Scudetto.svg Campione d'Italia
  • 1964-65 - 2° in Serie A, dopo aver perso lo spareggio scudetto con il Portorico Vicenza
  • 1965-66 - 3° in Serie A
  • 1966-67 - 2° in Serie A, dopo aver perso lo spareggio scudetto con il Recoaro Vicenza
  • 1967-68 - 5° in Serie A
  • 1968-69 - 5° in Serie A
  • 1969-70 - 7° in Serie A
  • 1970-71 - 8° in Serie A
  • 1971-72 - 6° in Serie A
  • 1972-73 - 9° in Serie A
  • 1973-74 - 8° in Serie A, dopo aver vinto gli spareggi salvezza con Ignis Varese, CUS Cagliari e GBC Sesto San Giovanni
  • 1974-75 - 5° in Serie A
  • 1975-76 - 5° in Serie A
  • 1976 - La società assume la denominazione di Sisport Fiat.
  • 1976-77 - 2° in Serie A, girone A (come Teksid); 5° nella Poule scudetto
  • 1977-78 - 1° in Serie A, girone A (come Teksid); 2° nella Poule scudetto
  • 1978-79 - Scudetto.svg Campione d'Italia (come Teksid) - 1° in Serie A, girone B; 1° nella Poule scudetto
  • 1979-80 - Scudetto.svg Campione d'Italia (come Fiat) - 1° in Serie A, girone A; 1° nella Poule scudetto. Vince la Coppa dei Campioni d'Europa
  • 1980-81 - 4° in Serie A1, girone A (come Accorsi[1]); 4° nella Poule scudetto
  • 1981-82 - 1° in Serie A1, girone A (come Accorsi); 1° nella Poule finale; perde le finali dei play-off con lo Zolu Vicenza
  • 1982-83 - 8° in Serie A1, girone A (come Accorsi); 7° nella Poule recupero; retrocesso in Serie A2
Al termine della stagione, cessa l'attività maggiore, dedicandosi solo a quella giovanile.

Pallanuoto maschile[modifica | modifica sorgente]

La squadra di pallanuoto del Centro Sportivo Fiat ha partecipato a sei edizioni del campionato di Serie A[2], raggiungendo i migliori risultati nel 1971 e nel 1980, classificandosi al 2º posto. Al termine di quest'ultimo campionato cessò l'attività e la sua eredità venne raccolta da una nuova società, Torino 81, attualmente (2009) militante in Serie A2[3].

Cronistoria[modifica | modifica sorgente]

  • 1969 - in Serie B, promosso in Serie A
  • 1970 - 5° in Serie A
  • 1971 - 2° in Serie A
  • 1972 - 10° in Serie A, retrocesso in Serie B
  • 1973 - in Serie B
  • 1974 - in Serie B
  • 1975 - in Serie B, Girone A, promosso in Serie A
  • 1976 - 11° in Serie A, retrocesso in Serie B
  • 1977 - in Serie B, Girone A
  • 1978 - in Serie B, Girone A, promosso in Serie A
  • 1979 - 5° in Serie A (Sisport Fiat Ricambi)
  • 1980 - 2° in Serie A (Sisport Fiat Ricambi)

...

  • 2009-10 - 4° in Serie A2 Girone Nord
  • 2010-11 - 2° in Serie A2 Girone Nord

Pallavolo maschile[modifica | modifica sorgente]

Della squadra di pallavolo maschile si ha solo notizia di una sua partecipazione al primo campionato nazionale nel 1946[4], classificandosi al 4º posto del girone finale.

Rugby[modifica | modifica sorgente]

La squadra di rugby ha partecipato a due campionati di serie A nel 1929-30, classificandosi al 4º posto (ultimo) del Gruppo B, e nel 1930-31, venendo eliminato al primo turno.

Altri sport[modifica | modifica sorgente]

Altre sezioni degne di nota sono quella dei canottieri (inaugurata il 29 ottobre 1922; vinse il campionato italiano nel 1932 e nel 1933) e quella ginnastica (che al Concorso internazionale di Ginnastica, svoltosi a Firenze nel 1924, ricevette la corona di alloro per eccellenza essendosi piazzata al primo posto tra le Squadre Aziendali e al decimo nella graduatoria generale).

Il CSR FIAT è stato inoltre Campione d'Italia di tamburello nel 1960[5] e più volte campione d'Italia di società di atletica leggera, sia tra gli uomini che tra le donne.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ da non confondere con l'omonima squadra che ha partecipato alla Serie A1 nel 1979-80, che è da riferirsi invece alla società Basket Torino '73 sponsorizzata Accorsi.
  2. ^ per le classifiche vedi [1]
  3. ^ vedi scheda della società su [2] e [3]
  4. ^ vedi scheda della società (incompleta) su [4]
  5. ^ Albo d'Oro del campionato italiano di tamburello

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]