Gruppo PAM

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gruppo PAM
Logo
Stato Italia Italia
Tipo Società per azioni
Fondazione 1958
Sede principale Spinea
Settore
  • grande distribuzione
  • ristorazione
Fatturato 2.599.049 migliaia di (2009)
Dipendenti 557 (2005)
Sito web www.gruppopam.it

Il Gruppo PAM è un'azienda che fa capo alla GECOS SPA la quale raggruppa al suo interno molti altri marchi in campi differenziati. La sede del gruppo è a Spinea in provincia di Venezia; il nome PAM è acronimo di "Più A Meno".

PAM s.p.a. nasce il 5 marzo 1958 ad opera di Tito Bastianello (morto nel settembre 2005), Giovanni Paolo Giol e Giancarlo Dina, aprendo il suo primo supermercato in Veneto, successivamente grazie ad acquisizioni di altri marchi ha allargato l'area operativa in undici regioni italiane con 521 punti vendita. il marchio oltre ai supermercati e ipermercati, è titolare anche di discount.
Il capitale dell'azienda è tutt'oggi totalmente nelle mani delle tre famiglie fondatrici.

Marchi del Gruppo PAM[modifica | modifica sorgente]

Settore Ipermercati: Panorama[modifica | modifica sorgente]

Panorama
Logo
Stato Italia Italia
Tipo Società per azioni
Fondazione 1984
Sede principale Spinea (Ve)
Filiali 23
Settore
  • grande distribuzione
Fatturato 839.429 migliaia di (2005)
Dipendenti 3.404 (2005)
Slogan «Di tutto per farti risparmiare»
Sito web www.e-panorama.it

Già dai primi anni '80 il Gruppo operava nel settore dei piccoli ipermercati (da circa 3000 m2) con un punto vendita ad insegna "Ipermercato Pam" a Vicenza. Questo qualche anno dopo venne ribattezzato "Silos", il cui slogan inizialmente era "Oltre la massima convenienza", per poi diventare "L'ipermercato tutto sì". Fino ai primissimi Anni Novanta, se ne aggiunsero altri per un totale di sette punti vendita: Vicenza, Treviso, Latina, Roma Aurelia, Roma Laurentina, Roma Tiburtina e Parma (quest'ultimo era l'unico ad essere inserito in un centro commerciale).

Nel 1984 il Gruppo Pam costituisce una joint venture paritetica con il gruppo Selefin (Coin-Oviesse) che prevede la realizzazione di ipermercati e centri commerciali a marchio "Panorama" al Nord e Centro Italia e "Mongolfiera" in Puglia. Questi ultimi vengono ceduti nei primi anni novanta alla Coop, dopo un duro testa a testa con Continente (oggi divenuto Carrefour). Il marchio "Mongolfiera" identifica ancora oggi i centri commerciali presenti in Puglia, all'interno dei quali però si trovano degli Ipercoop.

Il primo punto vendita a marchio "Panorama" viene aperto a Marghera nel 1984, seguito nel 1988 da San Mauro Torinese. Il Gruppo decide che per poter assumere questa insegna, la superficie dev'essere di almeno 4500 m2 per 20.000 referenze (contro i 3000 m2 e 10.000 referenze per l'insegna Silos).

Nel 1990 falliscono i tentativi di aprire punti vendita a Garbagnate (MI), Sestri Ponente (GE) e Collegno (TO).

Negli anni successivi l'azienda comincia ad espandersi nell'Italia centrale, aprendo nel 1992 a Roma un primo ipermercato all'interno del centro commerciale "I Granai".

Nel 1995 si inaugura l'ipermercato di Formia presso il centro commerciale "Itaca".

Nel 1996 si aprono i punti vendita di Sassuolo e del centro commerciale "Latinafiori" di Latina.

Nel 1997 è il turno del centro commerciale I Gigli a Campi Bisenzio e dell'ipermercato di Udine, che originariamente era stato previsto a marchio Silos: quell'anno infatti si decide di unificare tutti gli ipermercati del Gruppo sotto l'insegna "Panorama", convertendo quindi tutti i Silos d'Italia ad eccezione del negozio di Latina (ceduto al gruppo Sigma, poi riceduto alla Supermercati GS per divenire infine un centro bricolage OBI così da evitare la sovrapposizione con il più grande "Panorama" inaugurato a poca distanza qualche mese prima) e quelli di Treviso e Vicenza che mantengono la denominazione "Silos" ancora fino al 2005, quando il negozio di Treviso viene infine convertito in "Panorama" in prospettiva di un successivo ampliamento e quello di Vicenza assume la denominazione "Pam Superstore".

Nel 1998 un nuovo punto vendita è aperto a Ostia (Roma).

Nel 1999 viene ampliato il punto vendita di Roma Tiburtina (nato Silos).

Nel 2000 vengono aperti ipermercati ad Alatri e Pontedera.

Nel 2003 si inaugura l'ipermercato all'interno del Parco Commerciale "Willorba" di Fontane di Villorba, chiuso il 6 ottobre 2013 per essere trasferito a Castrette di Villorba, nel nuovo centro Commerciale di 20.000 m².

Nel 2004 viene aperto il punto vendita di Roma Boccea.

Nel 2006 si aprono tre centri commerciali: uno a Pistoia, uno ad Ariccia (questo punto vendita è stato chiuso da parte del Comune il giorno seguente l'inaugurazione per un sospetto abuso edilizio ed è ancora sotto sequestro) e uno a Castrette di Villorba, all'interno del quale è stato inizialmente ospitato un "+ x - Panorama". Quest'ultimo rappresentava un nuovo format per il Gruppo, ideato da Oliviero Toscani, a metà strada tra un ipermercato tradizionale ed un cash&carry, in cui i clienti ricevono uno sconto proporzionale al numero di pezzi acquistati. Il format però non riscontra il successo sperato e così il punto vendita viene chiuso nei primi mesi del 2008. La superficie, situata nell'ambito di una galleria commerciale di 20.000 m²., è stata riaperta con la formula Panorama il 24 ottobre 2013.

Nel 2007 vengono inaugurati l'ipermercato all'interno del centro commerciale "Romaest" di Lunghezza e il centro commerciale "Cassino" nell'omonima città in provincia di Frosinone.

Nel 2008 l'ipermercato di Treviso (nato Silos) viene profondamente ristrutturato, con una superficie di vendita ampliata di 2.000 m².

Il 2009 segna l'apertura di un ipermercato ad Alessandria e di un secondo negozio a Udine (attualmente di 2500 m2 , ma è previsto un futuro ampliamento di altri 1000 m2, oltre alla realizzazione di un bar interno e di una lavanderia).

A fine 2009, la Guardia di Finanza avrebbe accertato una presunta evasione fiscale di circa 600 milioni di euro da parte del gruppo PAM[1]: tale notizia pare però essersi rivelata infondata, a seguito dell'immediata smentita[2].

Nel 2011 è stato aperto un nuovo punto vendita in franchising a Crotone, gestito da Surgel Jonica.

Nel 2013 è stato chiuso l'ipermercato di Fontane di Villorba per essere trasferito nel centro Commerciale di Castrette di Villorba, a poce centinaia di metri.

Tra il 2013 e 2014 apertura di nuovi punti vendita nei centri città, sotto l'insegna PamLocal, nuovo marchio di negozi di piccole dimensioni che offrono una copertura base, ma completa, con alta frequentazione di consumatori (esempio PamLocal, Via Santo Stefano a Bologna).

Altre aperture previste in futuro sono: Roma Magliana, Roma Sorgente Appia, Roma Acilia e Collegno (TO) (oltre alla riapertura dell'Ipermercato di Ariccia).

Questo è il dettaglio della presenza di Panorama:[3]

Regione Numero
di negozi
Emilia-Romagna Emilia-Romagna 2
Friuli-Venezia Giulia Friuli-Venezia Giulia 2
Lazio Lazio 11
Piemonte Piemonte 2
Toscana Toscana 3
Veneto Veneto 3

Settore Discount: IN'S MERCATO[modifica | modifica sorgente]

IN'S
Logo
Stato Italia Italia
Fondazione 1993
Settore discount
Fatturato 452.612 migliaia di (2005)
Dipendenti 1 (2005)
Sito web www.insmercato.it

IN’s Mercato, è il marchio di discount del gruppo PAM, presente nell'Italia del nord (ad eccezione della Valle d'Aosta e del Trentino-Alto Adige) e del centro con 304 negozi, il che lo rende la quinta insegna a livello nazionale ed il terzo tra i gruppi italiani del settore. Il primo In's Discount (La dicitura "In's Mercato e il logo a tre colori furono adottati successivamente) ha aperto i battenti a Mestre (Ve) in via Don Sturzo nel 1993. È successivamente seguito un rapido sviluppo della rete, per la quale il Gruppo Pam ha voluto una totale differenziazione: diversi i depositi (In's non usa, diversamente dalle altre catene del Gruppo, i Depositi di gruppo Pam ma una propria rete di depositi), diversa la sede (Pianiga, separata dalla sede di Gruppo Pam). La catena fu fondata e diretta per lunghi anni grazie all'intuito ed all'esperienza di Renzo Aldrighetti, capace manager della Centrale Acquisti di Pam, scomparso alcuni anni fa. Molti punti vendita IN's erano originariamente appartenenti alla catena di superette "Metà Supernegozi", appartenente allo stesso Gruppo Pam. Un'altra consistente quota di punti vendita In's proviene dall'acquisizione dei discount "Plus", dal Gruppo tedesco Tengelmann avvenuta alla fine degli anni 90. Il marchio originale "IN's" è di proprietà di Gruppo Pam fin dagli anni '70: In'S era infatti una catena di Supermercati romani a suo tempo assorbita dal Gruppo Pam e convertita in Supermercati Pam.

Questo è il dettaglio della presenza di In's Mercato:[4]

Regione Numero
di negozi
Abruzzo Abruzzo 13
Emilia-Romagna Emilia-Romagna 20
Friuli-Venezia Giulia Friuli-Venezia Giulia 19
Lazio Lazio 59
Liguria Liguria 15
Lombardia Lombardia 59
Piemonte Piemonte 73
Veneto Veneto 61

Settore Supermercati: PAM (Supermercati e Superstore)[modifica | modifica sorgente]

PAM
Logo
Stato Italia Italia
Fondazione 1958
Settore grande distribuzione
Fatturato 949.318 migliaia di (2005)
Dipendenti 4.579 (2005)
Sito web www.e-pam.it

Il Gruppo PAM è da sempre particolarmente attivo nel settore dei supermercati, che costituiscono peraltro la prima iniziativa nella Grande Distribuzione dei tre fondatori: Il primo supermercato Pam fu aperto infatti nel 1958 a Padova. L'acronimo "Pam" significa "Più a Meno", slogan recentemente ripreso dalla catena: i primi colori sociali erano il giallo e il blu, scelti anche perché colori del gonfalone della città di Spinea, da sempre quartier generale del Gruppo. Nel 1970 Supermercati Pam avvia una politica di sviluppo aprendo punti vendita, oltre che in Veneto, anche in Emilia-Romagna, Friuli, Lombardia, Piemonte. In queste ultime due regioni lo sviluppo avviene grazie all'acquisizione della catena "MaxiMarket". Negli anni '80 Pam giunge in Lazio (assorbendo una catena locale denominata In's: marchio che il Gruppo riutilizzerà poi, nel 1993, per la propria catena di hard discount) e Liguria, regione nella quale vengono utilizzate le posizioni strategiche di Genova via Manuzio e Genova via Voltri (precedentemente con insegna della consociata "Metà Supernegozi"). Supermercati Pam acquisì nel 1999 la catena di supermercati Superal (allora presente con più di 50 punti vendita in Toscana, Umbria, Abruzzi e Lazio) con il chiaro intento di completare la copertura territoriale nell'Italia Centrale. Successivamente, nel 2004, Pam diede inizio ad un intenso programma di ristrutturazione dei Supermercati toscani convertendone l'insegna da Superal a Pam, che nel frattempo stava adottando il nuovo marchio con la foglia verde in tutti i punti vendita. L'operazione di cambio insegna ha per il momento volutamente escluso due punti vendita, che mantengono l'insegna Superal nonostante tutti i materiali di comunicazione siano a marchio Pam.

Nel 2005 la Supermercati Pam ha ripreso il proprio sviluppo territoriale inaugurando il primo punto vendita con a marchio "Pam Superstore" a Livorno, seguito di poco da Spinea (VE) e Vicenza (riconversione dell'esistente Silos) e da altre 23 tra nuove aperture e ristrutturazioni della rete Pam e Superal. La formula Superstore identifica i punti vendita con superfici tra i 2500 e i 3500 m2 (sebbene l'insegna sia adottata anche da negozi di superficie leggermente inferiore).

I 107 Supermercati e Superstore sono presenti in 53 città di undici regioni (Lombardia, Piemonte, Liguria, Veneto, Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Toscana, Lazio, Abruzzo, Umbria). Nel 2011 il Gruppo apre, in franchising, il primo punto vendita a marchio Pam nelle Marche, in provincia di Macerata. In Calabria i supermercati sono controllati da surgel jonica, tranne per la Provincia di Reggio Calabria.

Come riportava il sito della centrale d'acquisto del Gruppo (Intermedia1990), il Pam più esteso d'Italia è quello di Chiusi (SI) di circa 3500 m2, seguito da Sansepolcro (AR) di circa 3200 m2 e Scandicci (FI) e Vicenza entrambi da 3000 m2.

Erano presenti anche dei punti vendita in Sicilia, e precisamente nelle provincie di Siracusa e Ragusa (affiliate al Gruppo Radenza di Modica). Nel 2012 questi punti sono stati acquisiti da Conad. Stessa sorte è toccata nel 2013 ai due punti vendita presenti a Lucca, in Toscana.

Punti vendita[modifica | modifica sorgente]

L'insegna è presente nel centro-nord dell'Italia con 108 supermercati, di seguito il dettaglio della presenza di Pam:[5]

Regione Numero
di negozi
Abruzzo Abruzzo 1
Emilia-Romagna Emilia-Romagna 4
Friuli-Venezia Giulia Friuli-Venezia Giulia 8
Lazio Lazio 14
Liguria Liguria 3
Lombardia Lombardia 16
Piemonte Piemonte 15
Toscana Toscana 30
Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige 1
Umbria Umbria 3
Veneto Veneto 13

Loghi storici[modifica | modifica sorgente]

Settore Franchising: PAM Franchising[modifica | modifica sorgente]

PAM Franchising
Stato Italia Italia
Fondazione 1975
Settore grande distribuzione
Fatturato 165.718 migliaia di (2005)
Dipendenti 57 (2005)

Pam Franchising è la società del Gruppo Pam che gestisce le affiliazioni commerciali con le formule di franchising diretto (agli imprenditori vengono fornite le merci e il marchio), somministrazione (mediante la semplice cessione delle merci) e il maser Franchising (formula alla quale possono accedere intere catene, che utilizzano i marchi e le condizioni d'acquisto di Pam con possibilità di affiliare, a loro volta, altri imprenditori locali). A fine 2006 si contavano 178 punti vendita affiliati che operano con le insegne "Pam Express" o "Metà Supermercati" (nata dalla ex catena di Superette Metà Supernegozi, in gestione diretta fino al 1999 e gradualmente passata in affiliazione) per le piccole superfici e "Pam Club" per le più grandi (con eventuale declinazione in "Pam Club Superstore").

Brek Caffè, Brek Focacceria, Brek Ristorante, Bareostato, De Gustibus Bar & Cucina, Tosto[modifica | modifica sorgente]

Sono i marchi con cui il gruppo Pam gestisce dal 1975 il settore della ristorazione. Brek Caffè è un bar caffetteria tradizionale, Brek Focacceria è una caffetteria specializzata in pizze e focacce cotte al momento, Brek Ristorante è un tradizionale ristorante self service free flow. De Gustibus "amici della griglia" invece è un innovativo ristorante/wine bar specializzato in carne e verdure grigliate al momento nonché in aperitivi. Tosto infine è una caffetteria/cioccolateria rivolta ai palati più delicati.

De Gustibus "amici della griglia" è aperto inoltre a Padova.

Le statistiche del gruppo PAM[modifica | modifica sorgente]

In totale il Gruppo PAM nel 2004 ha fatturato 2.597.934 migliaia di Euro con 11.225 dipendenti. Il GRUPPO PAM ha un totale di 378 punti vendita a gestione diretta, 143 in Franchising, per un totale di 521 punti vendita distribuiti per la penisola. Il gruppo ha:

Regione Numero
di negozi
Abruzzo Abruzzo 14
Emilia-Romagna Emilia-Romagna 26
Friuli-Venezia Giulia Friuli-Venezia Giulia 29
Lazio Lazio 84
Liguria Liguria 18
Lombardia Lombardia 75
Piemonte Piemonte 90
Toscana Toscana 33
Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige 1
Umbria Umbria 3
Veneto Veneto 77

Inoltre possedeva in franchising alla Eurologistik company, alcuni p.v. a Reggio Calabria con le insegne Quiper e Qui per te alcuni dei quali passeranno al Gruppo AZ che opera con le insegne Auchan e Sidis.

Nel 2009 il gruppo Pam ha fatturato 2599.049 migliaia di euro con 676 punti vendita ( di cui 450 a gestione diretta, e 226 affiliati ) con 9.426 dipendenti

Location cinematografiche[modifica | modifica sorgente]

  • Nel film "Arrivano i gatti" (1980) con i Gatti di Vicolo Miracoli, gli ultimi venti minuti sono ambientati all'interno d'un ipermercato "Silos" a Roma, dove volutamente sbagliando, dicono: "sulla Via Cassia"; in realtà, l'ipermercato in questione, è in Via dei Boccabelli a Roma ed è oggi a marchio "Panorama". Nelle inquadrature esterne viene spesso ripresa l'insegna "Silos" e lo stesso Jerry Calà nomina l'ipermercato in un suo discorso.
  • Nel film "Da grande" (1987), Renato Pozzetto va in un supermercato a fare la spesa. Successivamente quando viene investito, si può notare che nei sacchetti c'è scritto "Supermercati In's - Nuova gestione". Queste scene, furono girate nel supermercato sito all'interno del centro commerciale "Le Terrazze" nel quartiere di Casalpalocco in Roma.
  • Nel film "Il mostro" (1994), Roberto Benigni ha l'abitudine di rubare nel supermercato "Silos" (oggi a marchio "Panorama") di Roma in via dei Boccabelli (via Laurentina).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Venezia: evasione fiscale da 600 milioni per il Gruppo Pam, indagati i vertici Il Corriere della Sera, 11 novembre 2009
  2. ^ Smentita ufficiale gruppo Pam
  3. ^ Elenco punti vendita sul sito aziendale
  4. ^ Elenco punti vendita sul sito aziendale
  5. ^ Elenco punti vendita sul sito aziendale

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]