Ground Control: Dark Conspiracy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ground Control: Dark Conspiracy
Titolo originale Ground Control: Dark Conspiracy
Sviluppo
Pubblicazione Sierra Studios
Serie Ground Control
Data di pubblicazione 14 dicembre 2000
Genere Strategia in tempo reale
Modalità di gioco Singleplayer, Multiplayer
Piattaforma Microsoft Windows
Supporto CD-ROM

Ground Control: Dark Conspiracy è un'espansione del videogioco di strategia in tempo reale o meglio di tattica in tempo reale RTT ("Real Time Tactics") "Ground Control" (con paesaggio ed unità 3D), ambientata durante una guerra su pianeti lontani in un immaginario futuro e sviluppata da "Massive Entertainment" e distribuita nell'anno 2001.

Le maggiori addizioni sono la nuova fazione Mercenari Fenice e 15 nuove missioni che espandono la storia originale.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono 15 missioni per il gioco in singolo ed alcuni scenari per il gioco in gruppo, relative alle fazioni: "Crayven", "Ordine della Nuova Alba" ed una terza aggiuntiva rispetto al videogioco iniziale, i Mercenari Fenice; inoltre sono fornite altre unità di tutti i tipi per i tre gruppi e altri terreni ed ambienti. Si ha poi a disposizione un editor di mappe, che sono poi utilizzabili soltanto per il gioco in gruppo su LAN o su Internet.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La campagna inizia qualche mese dopo gli eventi di Ground Control, con la maggiore Sarah Parker e i suoi compagni che trovano un modo per uscire dal pianeta Krig-7b dove sono bloccati. Lottando a fianco dell'Ordine della nuova Alba e dei nuovi arrivati della Corporazione Crayven, si potrà giocare le missione iniziali, dove alla fine si scopre che il Diacono Jared Stone è stato apparentemente ucciso. Sarah vendica la sua morte, ma sente perdere di mano la situazione, giacché il sistema di comunicatione è stato distrutto.

Arriva un aiutante sotto forma di un improbabile incrociatore dell'Ordine che, sbucando all'improvviso dall'iperspazio, distrugge la sua controparte Crayven, per poi inviare sulla superficie del pianeta rinforzi per Sarah. A bordo dell'incrociatore è presente la cardinale Kila Balor che spiega le intenzioni del suo arrivo: vuole che la stessa Sarah la aiuti a combattere e sconfiggere una fazione separata all'Ordine, la Seconda Alba, la quale non riconosce l'autorità della Cardinale come leader dell'Ordine ed è coinvolta in una Conspirazione Oscura; tuttavia, l'Ordine, temendo una guerra civile, non vuole dichiararle immediatamente guerra, ma grazie alle insperate informazioni di Sarah, può rintracciarla senza che il nemico venga a conoscenza dei suoi piani. Sarah accetta e grazie al contratto fonda una nuova fazione, i Mercenari Fenice (Phoenix Mercenaries).

Dopo una campagna di successo su tre differenti pianeti, Sarah e compagni distruggono la Seconda Alba, ma appena questo accade, trova imprigionata Henrica Hayes, in precedenza direttrice delle forze Crayven del pianeta Krig-7b ed una degli antagonisti del gioco originale. Sarah le risparmia la vita, ed Helena in cambio le rivela che il Diacono Stone è ancora vivo, imprigionato sulla luna di Calliope. Sarah e compagni vanno quindi sulla luna per liberarlo, ma come segno di tradimento, la Cardinale Balor interviene nell'invasione per tentare di uccidere l'ostaggio e distruggere le forze di Sarah.

Ha inizio così una battaglia su tre fronti, tra l'Ordine della Nuova Alba, la Corporazione Crayven e i Mercenari Fenice. Sarah riesce a liberare Stone, mentre la stessa Cardinale Balor muore nella disputa mentre combatte direttamente sul campo di battaglia.

Nella scena che segue, si scopre che la Cospirazione Oscura di cui la Balor parlava non era altro che una menzogna creata da un certo M un uomo dai segreti molto profondi.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Videogiochi