Gros Michel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La varietà di banana chiamata Gros Michel, negli Stati Uniti conosciuta anche come Big Mike, fu la prima banana destinata all'esportazione in massa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Cominciò a diffondersi nel diciannovesimo secolo[1] e rimase la varietà più famosa fino alla fine degli anni cinquanta.[2]

In questo periodo, le piantagioni di questa varietà subirono un collasso a causa della malattia di Panama, un'infezione fungina. È del resto normale che a causa della riproduzione per talea le piante di questa varietà rischiassero di essere attaccate quasi tutte dallo stesso agente patogeno come appunto accadde a partire dall'inizio del Novecento. I tardivi tentativi di salvare la varietà finirono in un disastro finanziario ed il frutto sparì rapidamente dai giri internazionali di commercio.

Proprio in quel periodo, però, fu diffusa la forma attuale della banana Cavendish, che resisteva meglio alle muffe e che all'ultimo momento garantì la continuazione del commercio internazionale di banane. Nel frattempo, la Fundación Hondureña de Investigación Agrícola si occupava di perpetuare alcune forme della Gros Michel, divenuta ormai rara.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La denominazione ufficiale è Musa acuminata Colla (Gruppo AAA), cultivar Gros Michel.

Dotata di buccia relativamente spessa, è più grande e più dolce della Cavendish, la varietà oggi a noi conosciuta come banana comune. È opinione assai diffusa che la Gros Michel, oggi quasi irreperibile, fosse di gusto decisamente superiore alla Cavendish,[3][4] ancor oggi indiscussa regina dei mercati internazionali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "The Sterile Banana", Fred Pearce, Conservation Magazin, Vol. 9 N°. 4, ottobre-dicembre 2008
  2. ^ Dan Koeppel: "Yes, We Will Have No Bananas", New York Times, 18. giugno 2008
  3. ^ Dan Koeppel: "Yes, We Will Have No Bananas", New York Times, 18. giugno 2008
  4. ^ "The Sterile Banana", Fred Pearce, Conservation Magazin, Vol. 9 N°. 4, ottobre-dicembre 2008

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Botanica