Großglockner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Großglockner
Großglockner from South.jpg
Il versante sud
Stato Austria Austria
Land Carinzia Carinzia
Tirolo Tirolo
Altezza 3.798 m s.l.m.
Catena Alpi
Coordinate 47°04′30″N 12°41′40″E / 47.075°N 12.694444°E47.075; 12.694444Coordinate: 47°04′30″N 12°41′40″E / 47.075°N 12.694444°E47.075; 12.694444
Data prima ascensione 28 luglio 1800
Autore/i prima ascensione Sepp e Martin Klotz, Martin Reicher, Matthias Hautzendorfer e un altro
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Austria
Großglockner
Mappa di localizzazione: Alpi
Dati SOIUSA
Grande Parte Alpi Orientali
Grande Settore Alpi Centro-orientali
Sezione Alpi dei Tauri occidentali
Sottosezione Alti Tauri
Supergruppo Gruppo del Glockner
Gruppo Massiccio del Glockner i.s.a.
Sottogruppo Massiccio del Glockner p.d.
Codice II/A-17.II-C.7.b

Il Großglockner è una montagna delle Alpi, la più elevata dell'Austria con i suoi 3.798 metri s.l.m.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Situato al confine fra la Carinzia e il Tirolo orientale è la vetta più alta del massiccio chiamato Gruppo del Glockner che si trova sul versante principale degli Alti Tauri.

Ai piedi del Großglockner si trova il ghiacciaio Pasterze, il maggiore delle Alpi Orientali.

Nel parco naturale degli Alti Tauri è possibile percorrere una strada panoramica a pedaggio, la Grossglockner-Hochalpenstrasse, che collega Heiligenblut (in Carinzia) con Fusch (nel Salisburghese). Lungo i circa 48 km del suo percorso, consente di vedere da vicino la vetta, da una quota attorno ai 2500 metri s.l.m.

Prima ascensione[modifica | modifica wikitesto]

La prima ascensione fu realizzata il 28 luglio 1800 da Sepp e Martin Klotz, Martin Reicher, Matthias Hautzendorfer e un altro.

Ciclismo[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 maggio 2011 ha ospitato l'arrivo della 13ª tappa del Giro d'Italia 2011. La tappa è stata vinta dal venezuelano José Rujano.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il Großglockner fu visitato anche dall'imperatrice Sissi insieme al marito l'imperatore Francesco Giuseppe d'Austria durante il loro viaggio in Carinzia del settembre del 1856. Soggiornarono nel vicino paese di Heiligenblut e salirono fino al ghiacciaio Pasterze. Elisabetta si trattenne presso la Wallner-Sennhütte che oggi però non esiste più. Al suo posto c’è la "Pasterzenhaus" e dove Elisabetta si riposò, una piazzetta che in sua memoria oggi prende il nome di "Elisabethruhte" (in italiano "riposo di Elisabetta"), è sorto l'albergo di montagna "Glocknerhaus" che è diventato una popolare meta turistica sulla strada alpina del Grossglockner (chiamata Großglockner Hochalpenstrassen).

Quest'ultima è la strada alpina più famosa d'Europa, e porta direttamente nel cuore del Parco Nazionale degli Alti Tauri. Il panorama è di 48 chilometri su strada ed include 36 tornanti. All’inizio del XX secolo portava il nome dell'imperatrice Elisabetta ed infatti si chiamava Kaiserin Elisabeth - GlocknerStrasse. Nel punto raggiunto da Francesco Giuseppe venne eretto un monumento che lo rappresenta non come un ragazzo giovane, ma come è rimasto impresso nell'immaginario collettivo: un vecchio uomo con i tipici folti baffi.

Ad Heiligenblut è stato realizzato un albergo chiamato Hotel Kaiservilla, esattamente nel punto in cui sorgeva il vecchio maso alpino, nel quale i servitori della coppia imperiale si fermarono per passare la notte.

Il versante sud del Großglockner ha fatto da scenografia per il film tv "Heidi" del 1993, per la regia di Michael Ray Rhodes con Jason Robards, Jane Seymour, Patricia Neal e Siân Phillips.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marianne Klemun: "... mit Madame Sonne konferieren. Die Großglockner-Expeditionen 1799 und 1800." Das Kärntner Landesarchiv 25, Klagenfurt 2000, ISBN 3-900531-47-1.
Il ghiacciaio Pasterze con il Großglockner sulla sinistra
Ghiacciaio Pasterze

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]