Gregorio di Lorenzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Madonna col Bambino, Louvre

Gregorio di Lorenzo (1436 circa – 1504) è stato uno scultore italiano, già identificato come Maestro delle Madonne di marmo, secondo l'espressione coniata da Wilhelm von Bode.

Note biografiche e opere[modifica | modifica wikitesto]

Documentato a Firenze dal 1455 al 1495, fu un attivo scultore la cui produzione più tipica è appunto quella di rilievi di Madonne col Bambino in uno stile elegante e ornato riconducibile alla lezione di Mino da Fiesole e Desiderio da Settignano. Tipici sono i sorrisi trattenuti dall'aspetto leggermente forzato, gli sguardi "felini", le labbra serrate e le guance gonfie.

La sua identità è stata chiarita solo recentemente (dopo aver proposto i nomi di Domenico Rosselli, Tommaso Fiamberti e Giovanni Ricci) e gli sono attribuiti vari lavori oggi in vari musei italiani ed esteri. Una sua Madonna col Bambino è nella chiesa di Santo Stefano al Ponte a Firenze, due al Museo Nazionale del Bargello, tre nella Galleria Nazionale delle Marche di Urbino, un'altra al Louvre di Parigi[1], una alla National Gallery of Australia di Canberra[2], una al Columbia Museum of Art di Columbia (South Carolina) e una ancora alla National Gallery of Canada di Ottawa. Ben sei lavori al Bode-Museum di Berlino.

Un San Giovannino si trova nella National Gallery of Art di Washington e una lunetta della Madonna col Bambino e due angeli è nella Pinacoteca civica di Forlì, insieme con una trabeazione. Il lavabo della Badia Fiesolana è opera di collaborazione con Francesco di Simone Ferrucci, che ne curò il disegno architettonico.

Lavorò anche ad Urbino, dove scolpì alcuni peducci con imprese di Federico da Montefeltro, sfingi, putti e cherubini, in due sale dell'appartamento degli ospiti del Palazzo Ducale.

A lui si riconducono anche i bassorilievi con il Profilo di Antonino Pio e di Marco Agrippa a Casa Romei di Ferrara, di Adriano al Musée du Louvre di Parigi e Sulpicio Galba al Seminario Vescovile di Rovigo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Vierge et l'Enfant entre deux anges
  2. ^ Madonna and Child of c. 1480

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Silvia Blasio (a cura di), Marche e Toscana, terre di grandi maestri tra Quattro e Seicento, Pacini Editore per Banca Toscana, Firenze 2007.
  • Alfredo Bellandi, Gregorio di Lorenzo, il maestro delle Madonne di marmo, Selective Art Edizioni, 2010.
  • Linda Pisani, Per il "Maestro delle Madonne di marmo" : una rilettura ed una proposta di identificazione in Prospettiva, n.106/107, pp. 144-165, 2003.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]