Gregorio Mattei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gregorio Mattei (Montepaone, 3 giugno 1761Napoli, 28 novembre 1799) è stato un giornalista e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gregorio Mattei nacque a Montepaone il 3 giugno 1761 da Saverio Mattei, musicista e critico musicale (amico e biografo del Metastasio) nonché letterato, giureconsulto e poeta di corte. Avviato alla carriera di avvocato, successivamente Mattei divenne magistrato.

Nel 1799 era a Napoli, dove partecipò all'attività politica, entrando a far parte dell’alta Commissione Militare in sostituzione di Giorgio Pigliacelli. Fu tra i redattori e i promotori del Veditore Repubblicano, uno dei molti giornali fioriti nel semestre rivoluzionario a Napoli, scagliandosi contro i facili estremismi e il radicalismo giacobino di Vincenzo Russo.

Dopo la caduta della Repubblica Napoletana, fu processato ed impiccato il 28 novembre 1799, in piazza del Mercato a Napoli.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • F. Pitaro, Gregorio Mattei e Luigi Rossi, martiri della Repubblica partenopea, L'Orsa Maggiore, 1999;
  • A. Simioni, Le origini del Risorgimento politico dell’Italia meridionale, ristampa anastatica con indice dei nomi e dei luoghi a cura di I. Del Bagno, Napoli, Società Napoletana di Storia Patria, 1995, vol. I, pp. 258-259