Gregório de Matos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gregório de Matos Guerra

Gregório de Matos Guerra (Salvador, 23 dicembre 1636[1]Recife, 26 novembre 1696) è stato un poeta e avvocato brasiliano, considerato il maggiore poeta barocchi del Brasile coloniale e il più importante poeta satirico in lingua portoghese del periodo[2].

Nonostante il fatto che scrisse numerose poesie liriche e religiose, è rinomato per quelle satiriche, che gli hanno valso il soprannome "Boca do Inferno" (bocca d'inferno).

È stato uno dei membri originari dell'Accademia Brasiliana delle Lettere.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

A causa del forte contenuto delle sue satire, le opere di de Matos non furono pubblicate o comunque conosciute fino al XIX secolo. Durante la sua vita, le sue poesie si potevano trovare solo in diari privati.

L'Accademia Brasiliana delle Lettere ha pubblicato un'edizione completa delle sue poesie in sei volumi:

  • Vol. 1: Sacra (1923)
  • Vol. 2: Lírica (1923)
  • Vol. 3: Graciosa (1930)
  • Voll. 4-5: Satírica (1930)
  • Vol. 6: Última (1933)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (PT) Fundação Gregório de Mattos
  2. ^ (PT) Gregório de Matos e Guerra. Notação Biográfica

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 122323020 LCCN: n82084310