Greenway

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Una greenway (letteralmente strada verde) è un percorso chiuso al traffico a motore, indirizzato generalmente a tutte le tipologie di utenti: pedoni, ciclisti, escursionisti a cavallo, pattinatori ecc., anche se in situazioni particolari alcuni utenti possono essere esclusi.

Talvolta possono essere sottostanti o affiancate a linee di trasporto multiplo come tram o metropolitana leggera.

Terminologia[modifica | modifica sorgente]

Greenway è una parola inglese composta ed è usata per definire una pista ciclo-pedonabile immersa nel verde, ma non è solo questo: con una greenway si può ottenere un tipo di turismo particolare, verde, lento, sostenibile, con la possibilità di valorizzare dei contenuti storici e culturali che si possono riscontrare lungo il percorso, altrimenti non valorizzabili.

Tom Turner ha teorizzato il termine greenway nella pubblicazione Greenways, blueways, skyways and other ways to a better London Landscape and Urban Planning, definendolo come un percorso piacevole dal punto di vista ambientale. Lo stesso termine è stato poi utilizzato nella Dichiarazione di Lille approvata nel settembre 2000, sulla quale si baserà la futura grande rete europea.

Il primo storico teorizzatore delle greenway, fu Frederick Law Olmsted, architetto paesaggista della seconda metà del XIX secolo.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Il tracciato può essere disegnato su un terreno vergine, ma di solito è la ristrutturazione di qualcosa già esistente come: sentieri naturali, linee ferroviarie dismesse, alzaie dei fiumi, strade di campagna o declassate e in rari casi anche strade statali.

Alcune greenway attraversano parchi pubblici o parchi paesaggistici, lungo questi percorsi deve essere introdotta, mantenuta o incrementata la vegetazione dove eventualmente sia carente.

Si può intendere come greenway anche un percorso al di fuori delle aree urbane e carente di vegetazione e la percorrenza può essere anche contigua alle arterie stradali consentendo il pendolarismo urbano in bicicletta e a piedi, il tutto però implica anche un uso ricreativo rispetto ad una tipica strada.

Le zone in cui sono più diffuse le greenway sono Nord America ed Europa del Nord.

Scopi di una greenway[modifica | modifica sorgente]

Una greenway serve a valorizzare il territorio e a rendere utilizzabili delle arterie riqualificandole per adeguarle alle seguenti caratteristiche, codificate a livello mondiale:

  • la sicurezza, in quanto sono percorsi fisicamente separati dalla rete stradale ordinaria dedicati esclusivamente a utenti non motorizzati;
  • l'accessibilità, per tutte le tipologie di utenti con diverse caratteristiche e abilità (bambini, anziani ecc.);
  • la circolazione dolce, legata ad esempio alle pendenze moderate, che consente di fruire "lentamente" i percorsi offrendo un diverso punto di vista sui paesaggi circostanti;
  • la multiutenza, in quanto le greenway sono generalmente percorsi aperti a tutte le tipologie di utenti (pedoni, ciclisti, escursionisti a cavallo ecc.), anche se in situazioni particolari alcuni utenti possono essere esclusi;
  • il recupero di infrastrutture e strutture esistenti, quali sentieri, strade storiche, alzaie, linee ferroviarie dismesse, strade rurali minori ecc., per la realizzazione dei percorsi e delle strutture di servizio (luoghi di sosta e ristoro, punti informativi ecc.);
  • l'integrazione con l'ambiente naturale, che permette alle greenways di offrire un accesso rispettoso alle aree di particolare pregio naturale e svolgere un'importante funzione educativa consentendo una conoscenza e una fruizione sostenibile del territorio.

Greenway nel mondo[modifica | modifica sorgente]

Possiamo trovare una rete di percorsi codificati con le caratteristiche delle Greenways in molti paesi del mondo:

  • in Italia le greenway italiane

I progetti italiani[modifica | modifica sorgente]

Greenway Milano-Varzi[modifica | modifica sorgente]

Un progetto recente è la realizzazione di una pista ciclabile che colleghi Milano a Varzi; la prima parte, cioè Milano-Pavia, è già stata realizzata diverso tempo fa. Il progetto prevede di collegare Pavia a Voghera, Voghera a Rivanazzano e infine Rivanazzano a Varzi. Per il tratto finale si è proposto di utilizzare il percorso della ex ferrovia Voghera-Varzi, perché il percorso è abbastanza regolare, diretto, è già privo dei binari ed eviterebbe di far passare la pista ciclabile vicino alla provinciale diretta a Varzi, forse l'unica alternativa all'ex ferrovia; per la sua realizzazione però si dovrà aspettare l'expo di Milano perché a parte eventuali finanziamenti privati sarà l'unica possibilità di finanziamento.

Greenway S. Stefano di Magra-Sarzana[modifica | modifica sorgente]

Il progetto propone la riconversione in pista ciclabile del tratto di ferrovia dismesso che corre dalla stazione ferroviaria di Santo Stefano di Magra alla corrispondente stazione di Sarzana. Il recupero di questa infrastruttura non rappresenta soltanto la riappropriazione da parte della cittadinanza di un suolo da anni abbandonato, ma anche un'importante occasione per ricucire due parti di territorio attualmente divise. Questo progetto si inserisce nel progetto europeo EuroVelo, il programma prevede che tutte le nazioni europee siano attraversate almeno da un itinerario ciclabile di qualità, e questa tratto rappresenta un nodo strategico per la fruizione dell'intera ciclovia dei Pellegrini BI3 EV5 che collega Parma a Lucca, transitando proprio lungo la ex-ferrovia.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]