Grandi virus nucleo-citoplasmatici a DNA

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Grandi virus nucleo-citoplasmatici a DNA
Immagine di Grandi virus nucleo-citoplasmatici a DNA mancante
Classificazione dei virus
Dominio Acytota
Gruppo Gruppo I (Virus a dsDNA)

I grandi virus nucleo-citoplasmatici a DNA o NCLDV sono un raggruppamento di virus comprendente circa sei famiglie di virus a DNA caratterizzati dalle grandi dimensioni di capside e genoma e la tendenza ad avere ospiti eucarioti (mono e pluri cellulari).
Girus (da giant virus = virus gigante) è un nome proposto nel 2006 [1]. In alternativa, si usa il termine di virus gigante. I termini potrebbero comprendere categorie diverse ("grandi" e "giganti") oppure essere equivalenti; si tenga conto che la conoscenza di questo argomento e conseguentemente le valutazioni dei ricercatori sono a oggi imperfette e in rapida evoluzione.

Famiglie[modifica | modifica wikitesto]

  1. Poxviridae
  2. Asfarviridae
  3. Iridoviridae
  4. Phycodnaviridae
  5. Coccolithoviridae
  6. Mimiviridae
  7. Pandoraviridae

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il primo virus gigante individuato è il Mimivirus, che fu scoperto nel 1992 come parassita dell'ameba Acanthamoeba polyphaga, ma fu erroneamente considerato un batterio fino al 2003 [2][3]. È stato chiamato così perché sembra mimare un microbo, da cui il prefisso "mi-mi". È largo circa 400 nm (diametro del capside).

Oltre al Mimivirus, si conoscevano già nel 2003 pochi altri virus di dimensioni rilevanti [4], tra i quali citiamo il Coccolithovirus della famiglia dei Phycodnaviridae

Sono stati poi scoperti (o riconosciuti) ulteriori virus a DNA di dimensioni molto superiori a quelle dei virus più comuni[5], tra i quali Heterocapsa circularisquama DNA (HcDNAV) [6], con un diametro di circa 200 nm e un genoma di circa 356000 nucleotidi.

Nel 2013 è stato scoperto un genus di virus ancora più massicci, i Pandoravirus, delle dimensioni di 1 micron, privi di capside, e con un genoma composto da 1,9 a 2,5 megabasi di DNA, il doppio di quelle riscontrabili nei Megavirus[7].

Queste scoperte hanno indotto gli scienziati a proporre l'introduzione di una nuova categoria. Tutti questi virus possiedono in comune caratteristiche uniche e peculiari sia nel patrimonio genetico che nella struttura del capside. Rimane comunque incerto se le similitudini riscontrabili nelle differenti famiglie del gruppo degli NCLDV si siano originate dalla "cattura" di geni identici o omologhi dal genoma della loro cellula ospite durante la replicazione virale (processo riscontrato in molti altri virus, per esempio nei batteriofagi) o se essi semplicemente posseggano un reale antenato comune, ipotesi questa da sempre vittima di pesanti polemiche e controversie.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ J.M.Claverie et al. - Mimivirus and the emerging concept of "giant" virus (2006)
  2. ^ CNRS Press release (2003)
  3. ^ C.Xiao et al. - Structural studies of the giant mimivirus (2009)
  4. ^ News in Science: Bizarre giant virus rewrites the record book
  5. ^ Giant viruses in the oceans: the 4th Algal Virus Workshop (2005)
  6. ^ H.Ogata et al. - Remarkable ... similarity between ... marine girus and ... (2009)
  7. ^ Brumfiel, Geoff, World's Biggest Virus May Have Ancient Roots in National Public Radio, 18 luglio 2013. URL consultato il 18 luglio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lakshminarayan M. Iyer, L. Aravind, and Eugene V. Koonin. "Common Origin of Four Diverse Families of Large Eukaryotic DNA Viruses.", Journal of Virology, December 2001, Vol. 75, No. 23, p. 11720-11734.
  • James L. Van Etten, "Virus Giganti", Le Scienze, n. 520, dicembre 2011, pp. 86–91.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]