Grande Giudizio universale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Giudizio Universale
Il Giudizio Universale
Autore Pieter Paul Rubens
Data 1614-1617
Tecnica olio su tela
Dimensioni 605 cm × 460 cm 
Ubicazione Alte Pinakothek, Monaco di Baviera

Il Giudizio Universale, anche detto Il grande Giudizio Finale, è un dipinto olio su tela realizzato dall'artista fiammingo Pieter Paul Rubens tra il 1614 e il 1617.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

L'opera, che nacque come pala d'altare, fu eseguita su committenza di Wolfgang Wilhelm, Conte del Palatinato-Neuburg, per la chiesa dei Gesuiti di Neuburg.[1] Rubens realizzò nello stesso periodo altre tre pale d'altare per la chiesa dei Gesuiti.[1] Successivamente l'opera fu acquisita nella collezione privata del Principe elettore Giovanni Guglielmo del Palatinato.

L'intera realizzazione risente del clima controriformistico di inizio Seicento, caratterizzato, in campo artistico, dall'ostentata celebrazione della potenza della Chiesa e dalla volontà di censurare le licenze e gli abusi iconografici contrastanti con la dottrina ufficiale.

Nel dipinto è riscontrabile lo sforzo di esaltazione della teologia della resurrezione, con un'attenzione particolare rivolta alla certezza della salvezza dei giusti durante la parusia di Cristo. Questi ultimi, raffigurati nella parte sinistra del dipinto, ascendono al cielo, verso la parte alta della tela, dove il Cristo giudice, sovrastato da Dio e attorniato da Maria e dai santi, compie l'insindacabile ripartizione tra eletti e reprobi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Reinhold Baumstark e Erich Steingräber, L'Alte Pinakothek di Monaco in books.google.it. URL consultato il 13 ago 2011.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura