Grand Prix 4

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Grand Prix 4
Grand Prix 4 screenshot.jpg
Immagine di una gara a Monza
Sviluppo MicroProse e Simergy
Pubblicazione Infogrames
Serie Grand Prix
Data di pubblicazione Europa 20-21 giugno 2002
Stati Uniti 10 settembre 2002
Genere Formula 1
Tema Contemporaneo
Modalità di gioco 1 o più giocatori
Piattaforma Microsoft Windows
Supporto CD-ROM
Requisiti di sistema Processore Intel Pentium II 400 MHz o equivalente
64 MB RAM
Fascia di età ACB: G
ESRB: E
PEGI: 3
USK: 0
Periferiche di input Tastiera, joystick, volante

Geoff Crammond's Grand Prix 4 (noto anche come Grand Prix 4 e GP4) è un videogioco di guida pubblicato da Infogrames, basato sul Campionato mondiale di Formula 1 2001. È il seguito di Grand Prix 3 ed è stato pubblicato il 20 giugno 2002 per PC. Era prevista una versione per Xbox, ma è stata annullata. Il gioco ha ricevuto il premio come miglior videogioco sportivo del 2002 dalla British Academy of Film and Television Arts, superando 2002 FIFA World Cup, Pro Evolution Soccer 2 e V-Rally 3.[1]

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Si tratta dell'ultimo videogioco della serie Grand Prix di Geoff Crammond e allo stesso tempo l'ultimo ad essere sviluppato dall'etichetta MicroProse, allora di proprietà dell'azienda francese Infogrames, in seguito divenuta Atari; gli studi responsabili della produzione sono stati infatti chiusi in parte nel settembre 2002 e in parte nel 2003.[2] In copertina appare anche il logo della Simergy Limited, società fondata nel 1999 dallo stesso Crammond per sviluppare tali giochi.[3]

I tempi di pubblicazione del gioco erano stati ristretti per la volontà da parte di Infogrames di farlo uscire in anticipo rispetto al concorrente F1 2002 di EA Sports, riducendo però in questo modo le possibilità di rifinirlo e testarlo, tanto che al momento dell'uscita GP4 era caratterizzato dalla presenza di numerosi bug;[4] un certo numero di essi è stato corretto con le due patch ufficiali, la patch v4.0, disponibile dal settembre 2002[5] e poi sostituita a novembre dalla patch v9.6, che ha portato il gioco alla versione 1.02.[6]

Oltre alla versione per PC, era stato annunciato anche il porting per Xbox, previsto per l'autunno del 2002, ma la pubblicazione è stata in seguito cancellata.[7]

Non è dunque presente un sequel di Grand Prix 4, vista anche l'acquisizione della licenza esclusiva sulla Formula 1 negli anni successivi da parte della Sony Computer Entertainment e successivamente dalla Codemasters.[8]

Modalità di gioco[modifica | modifica sorgente]

Grand Prix 4 rispetto ai capitoli precedenti mantiene sostanzialmente invariate la struttura e le modalità di gioco, che sono Gara rapida,cioè una corsa di pochi giri su un circuito a scelta, Gara extra-campionato, un singolo ma completo week-end di gara, Campionato, la stagione completa 2001, Prove, vale a dire prove libere, e Giri veloci.

Il gioco in multiplayer è possibile sullo stesso computer con il sistema sedia rovente, che consiste nella turnazione dei diversi giocatori, che quindi non giocano contemporaneamente. È invece possibile giocare su diversi computer solamente via LAN, anche se erano inizialmente previste anche connessioni tramite cavo seriale e modem.[9]

Mentre la fisica di Grand Prix 4 è pressoché invariata rispetto al capitolo precedente, il gioco si discosta invece dal predecessore per quanto riguarda il comparto grafico, che ha visto l'introduzione di un nuovo motore grafico 3D; in più sono stati effettuati interventi sull'intelligenza artificiale dei piloti avversari, resi maggiormente aggressivi. La riproduzione dei tracciati è stata effettuata avvalendosi del sistema GPS, ed è stato implementato l'audio 3D, campionato dalle vetture reali.

All'interno del gioco è anche presente una sorta di guida, denominata GPaedia, già introdotta in GP3 2000, che descrive i piloti, le scuderie e i circuiti presenti in Grand Prix 4, oltre a toccare diversi argomenti riguardanti la Formula 1 in generale, come il pit-stop o le modifiche all'assetto di una vettura.

Scuderie e piloti[modifica | modifica sorgente]

Grand Prix 4 include i 22 piloti e le 11 scuderie del campionato mondiale di Formula 1 2001; l'elenco dei piloti del gioco rispecchia quello degli ultimi Gran Premi di quella stagione, infatti altri piloti presenti all'inizio o nel corso dell'anno, come Ricardo Zonta, Luciano Burti, Tarso Marques e Gastón Mazzacane non sono inclusi.

Scuderia # Piloti
Italia Ferrari 1 Germania Michael Schumacher
2 Brasile Rubens Barrichello
Regno Unito McLaren-Mercedes 3 Finlandia Mika Häkkinen
4 Regno Unito David Coulthard
Regno Unito Williams-BMW 5 Germania Ralf Schumacher
6 Colombia Juan Pablo Montoya
Italia Benetton-Renault 7 Italia Giancarlo Fisichella
8 Regno Unito Jenson Button
Regno Unito BAR-Honda 9 Francia Olivier Panis
10 Canada Jacques Villeneuve
Irlanda Jordan-Honda 11 Italia Jarno Trulli
12 Francia Jean Alesi
Regno Unito Arrows-Asiatech 14 Paesi Bassi Jos Verstappen
15 Brasile Enrique Bernoldi
Svizzera Sauber-Petronas 16 Germania Nick Heidfeld
17 Finlandia Kimi Räikkönen
Regno Unito Jaguar-Cosworth 18 Regno Unito Eddie Irvine
19 Spagna Pedro de la Rosa
Italia Minardi-European 20 Malesia Alex Yoong
21 Spagna Fernando Alonso
Francia Prost-Acer 22 Germania Heinz-Harald Frentzen
23 Rep. Ceca Tomáš Enge

Circuiti[modifica | modifica sorgente]

Grand Prix 4 include tutti i 17 circuiti della stagione 2001.

N. Gara Gara Circuito
1 Australia Gran Premio d'Australia Circuito Albert Park
2 Malesia Gran Premio della Malesia Circuito di Sepang
3 Brasile Gran Premio del Brasile Circuito di Interlagos
4 San Marino Gran Premio di San Marino Autodromo Enzo e Dino Ferrari
5 Spagna Gran Premio di Spagna Circuit de Catalunya
6 Austria Gran Premio d'Austria A1-Ring
7 Monaco Gran Premio di Monaco Circuito di Monaco
8 Canada Gran Premio del Canada Circuit Gilles Villeneuve
9 Europa Gran Premio d'Europa Nürburgring
10 Francia Gran Premio di Francia Circuito di Magny Cours
11 Regno Unito Gran Premio di Gran Bretagna Circuito di Silverstone
12 Germania Gran Premio di Germania Hockenheimring
13 Ungheria Gran Premio d'Ungheria Hungaroring
14 Belgio Gran Premio del Belgio Circuito di Spa-Francorchamps
15 Italia Gran Premio d'Italia Autodromo di Monza
16 Stati Uniti Gran Premio degli Stati Uniti Indianapolis Motor Speedway
17 Giappone Gran Premio del Giappone Circuito di Suzuka

Note[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Serie Grand Prix Successore
Grand Prix 3 - 2000 Season 2002 -