Grand Pilier d'Angle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Grand Pilier d'Angle
Parete nord del Grand Pilier d'Angle
Parete nord del Grand Pilier d'Angle
Stato Italia Italia
Regione Valle d'Aosta Valle d'Aosta
Altezza 4.234 m s.l.m.
Catena Alpi
Coordinate 45°49′26.98″N 6°52′58.87″E / 45.82416°N 6.88302°E45.82416; 6.88302Coordinate: 45°49′26.98″N 6°52′58.87″E / 45.82416°N 6.88302°E45.82416; 6.88302
Data prima ascensione 3 agosto 1957
Autore/i prima ascensione Walter Bonatti
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Grand Pilier d'Angle
Grand Pilier d'Angle
Mappa di localizzazione: Alpi
Grand Pilier d'Angle
Dati SOIUSA
Grande Parte Alpi occidentali
Grande Settore Alpi Nord-occidentali
Sezione Alpi Graie
Sottosezione Alpi del Monte Bianco
Supergruppo Massiccio del Monte Bianco
Gruppo Gruppo del Monte Bianco
Sottogruppo Monte Bianco
Codice I/B-7.V-B.2.b
« È senza dubbio la parete mista, roccia e ghiaccio, più selvaggia e più pericolosa che io abbia mai osservato nelle Alpi »
(Walter Bonatti, Montagne di una vita)

Il Grand Pilier d'Angle (4.234 m s.l.m. - che significa Grande pilastro d'angolo) è una vetta[1] del Massiccio del Monte Bianco.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Si trova sotto il Monte Bianco di Courmayeur e sopra il Col de Peuterey (3.934 m).

Ascensioni[modifica | modifica wikitesto]

Prima ascensione[modifica | modifica wikitesto]

La prima ascensione alla vetta può essere stata di James Eccles con le guide Michel Payot e Alphonse Payot quando salirono la Cresta del Peuterey il 30 e 31 luglio 1877 (essi sono per lo meno passati in prossimità della vetta salendo il couloir Eccles).

La prima ascesa del Pilier propriamente detto fu compiuta dal primo al 3 agosto 1957 da Walter Bonatti e Toni Gobbi per la parete nord-est.[2]

Concatenamenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Grand Pilier d'Angle e Pilone Centrale del Freney - 13 marzo 1983 - Concatenamento di Eric Escoffier della Via Boivin-Vallençant sul Grand Pilier d'Angle in tre ore e della via classica sul Pilone Centrale in dieci ore.[3]
  • Grand Pilier d'Angle, Pilone Centrale del Freney, Cresta dell'Innominata - 22 luglio 1984 - Concatenamento in giornata di Christophe Profit e Thierry Renault della parete nord del Grand Pilier d'Angle, delle vie Jöri Bardill e classica sul Pilone Centrale e della cresta dell'Innominata.[4]

Vie alpinistiche[modifica | modifica wikitesto]

La parete est del Grand Pilier d'Angle, il grande triangolo roccioso al centro-sinistra nella foto.

Parete nord[modifica | modifica wikitesto]

  • Via Bonatti-Zappelli - 22-23 giugno 1962 - Prima salita di Walter Bonatti e Cosimo Zappelli.[5][6]
  • Via Cecchinel-Nominé - 16-17 settembre 1971 - Prima salita di Walter Cecchinel e Georges Nominé.[7]
  • Via Dufour-Fréhel - 11 agosto 1973 - Prima salita di Guy Dufour e Jean Fréhel.[8]
  • Variante Boivin-Vallençant - 23 luglio 1975 - Prima salita di Jean-Marc Boivin e Patrick Vallençant (variante alla Cecchinel-Nominé, con uscita sulla Dufour-Fréhel)[9]

Parete est[modifica | modifica wikitesto]

  • Via Bonatti-Gobbi - 1-3 agosto 1957 - Prima salita di Walter Bonatti e Toni Gobbi.[10][11]
  • Via Polacca - 15-20 luglio 1969 - Prima salita di Eugeniusz Chroback, Tadeusz Laukajtys e Andrey Mroz.[12]
  • Divine Providence - 5-8 luglio 1984 - Prima salita (non in libera) di Patrick Gabarrou e François Marsigny.[13]
  • Via diretta Cecoslovacca - 19-22 luglio 1984 - Prima salita di Rudolf Haiducik, Jaroslav Jasko e Ondrej Pochyly.[12]

Parete est-sud-est[modifica | modifica wikitesto]

  • Via Bonatti-Zappelli - 11-12 ottobre 1963 - Prima salita di Walter Bonatti e Cosimo Zappelli.[12]

Base jumping[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 luglio 2011 l'alpinista e Base jumper russo Valery Rozov ha effettuato per la prima volta il salto dalla parete est del Grand Pilier d'Angle, indossando una tuta alare.[15]

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Questa elevazione è stata inserita nella lista delle 82 Vette alpine superiori a 4000 metri anche se con prominenza topografica modesta per la sua importanza morfologica ed alpinistica.
  2. ^ Labande, p. 56
  3. ^ Roberto Mantovani, Informazioni alpinistiche in Rivista della Montagna, nº 58, settembre 1983, p. 343.
  4. ^ Roberto Mantovani, Informazioni alpinistiche in Rivista della Montagna, nº 65, novembre 1984, p. 435.
  5. ^ Chabod, Grivel e Saglio, pp. 226-227
  6. ^ Damilano, p. 206
  7. ^ Damilano, p. 208
  8. ^ Damilano, p. 207
  9. ^ Labande, p. 54
  10. ^ Chabod, Grivel e Saglio, pp. 224-226
  11. ^ Bonatti, pp. 159-163
  12. ^ a b c (EN) North east side of Grand Pilier d'Angle, summitpost.org. URL consultato il 24 maggio 2012.
  13. ^ a b c d Divine Providence, up-climbing.com, 28 ottobre 2008. URL consultato il 28 dicembre 2011.
  14. ^ Jean-Christophe Lafaille, planetmountain.com. URL consultato il 24 maggio 2012.
  15. ^ Valery Rozov, BASE jump dal Grand Pilier d‘Angle, Monte Bianco, planetmountain.com, 6 luglio 2011. URL consultato il 9 giugno 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]