Gran maestro dell'Ordine teutonico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stemma del Gran Maestro dell'Ordine Teutonico

Col titolo di gran maestro si definiscono i supremi comandanti dell'Ordine teutonico. Il titolo è equivalente a quello di qualsiasi altro gran maestro di ordine dinastico o militare o di superiore generale. Hochmeister, letteralmente "alto maestro", è utilizzato solo in riferimento all'Ordine teutonico, mentre Großmeister ("gran maestro") usato generalmente per tutti gli altri ordini.

Una versione del titolo in tardo latino fu Magister Hospitalis Sancte Marie Alemannorum Jerosolimitani. Dal 1216, venne utilizzato comunemente il titolo completo di Magister Hospitalis Domus Sancte Marie Theutonicorum Jerosolimitani ("maestro dell'ordine ospitaliero di Santa Maria dei Germani di Gerusalemme").

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sin dal Medioevo, il passaggio del titolo fu estremamente efficiente. Dalla morte di un gran maestro, il vice maestro convoca il consiglio generale per l'elezione del successore. Il capitolo generale è composto da dodici persone: sette cavalieri, quattro sergenti e un sacerdote. Una volta scelto il candidato a maggioranza, anche la minoranza deve prestargli fede. L'elezione si conclude solitamente tre mesi dopo la morte del gran maestro.

I candidati devono dimostrare di avere spiccate doti d'amministrazione e vengono scelti per i propri meriti, non per il lignaggio. Questa clausola venne revocata solo dall'elezione dei duchi Federico di Sassonia e Alberto di Brandeburgo-Ansbach, membri delle potenti casate dei Wettin e degli Hohenzollern.

Quando l'Ordine teutonico aveva sede ad Acri in Terra Santa, i gran maestri risiedevano principalmente alla corte papale o a quella imperiale. Il potere dei gran maestri aumentò notevolmente nel corso del XIII secolo quando venne conquistata la Prussia orientale, durante le crociate del Nord, portando alla creazione di uno stato monastico, che perdurò sino al 1525. Dopo che la capitale dell'ordine venne trasferita da Venezia al castello di Malbork (Marienburg) nel 1309, il potere del gran maestro era al suo apice. Essi ottrennero infine il controllo dell'intera regione della Prussia, che li pose come supremi comandanti delle forze tedesche prussiane. Il gran maestro aveva inoltre il ruolo di castellano di Marienburg ed era il tesoriere dell'ordine. Egli era inoltre membro della Lega anseatica, che gli accreditava i benefici di questa associazione.

Il gran maestro Alberto di Brandeburgo-Ansbach si convertì al luteranesimo e fece ritorno a Ordenstaat nel secolare e luterano ducato di Prussia, nel 1525. L'ordine sopravvisse ad ogni modo in Germania e nella provincia autonoma della Livonia. Per limitare i loro possessi in altre aree della Germania, i titoli di Hochmeister e Deutschmeister vennero uniti durante il regno di Walter von Cronberg, che venne nominato dall'imperatore Carlo V. Questo doppio titolo perdurò sino al 1923. Per secoli il reggimento dei "Cacciatori di Vienna" (Jägerregiment Wien) dell'esercito austriaco venne conosciuto con il nome di "Hoch- und Deutschmeister Regiment".

L'Ordine teutonico, ancora oggi esistente, è guidato ancora da un gran maestro (attualmente da Bruno Platter) ed è oggi un ordine del clero della Chiesa cattolica romana.

Elenco dei gran maestri dell'Ordine teutonico[modifica | modifica wikitesto]

Capi del primo ordine (1190-1198)[modifica | modifica wikitesto]

L'Ordine teutonico aveva la gestione di un ospedale in Terra Santa:

Gran maestri dell'ordine (1198-1525)[modifica | modifica wikitesto]

Hermann von Salza, quarto gran maestro dell'Ordine teutonico

L'Ordine teutonico venne classificato come ordine spirituale.

Hoch - und Deutschmeister (1530-1929)[modifica | modifica wikitesto]

1929 - oggi[modifica | modifica wikitesto]

L'Ordine Teutonico diviene un ordine della Santa Sede

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Gli Hochmeister dell'Ordine teutonico