Gran Rabbinato d'Israele

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Il Gran Rabbinato d'Israele (in ebraico: הרבנות הראשית לישראל‎[?]) è l'organo religioso supremo ebraico dello stato di Israele. Sono sempre attivi due Rabbini Capo di Israele, un ashkenazita e un sefardita, detto Rishon L'Tzion .

Il Rabbinato è l'autorità per l'halakha dello Stato. Le questioni sotto la giurisdizione del Gran Rabbinato d'Israele comprendono matrimoni, divorzi e sepolture ebraiche, Kashrut e la certificazione kosher, la vigilanza di luoghi santi ebraici, in collaborazione con vari mikvaot e yeshivot.

Eventi[modifica | modifica sorgente]

Nel gennaio 2009, il Jerusalem Post ha annunciato che il Gran Rabbinato d'Israele aveva interrotto i legami ufficiali con il Vaticano indefinitamente in segno di protesta, perché il papa ha deciso di sollevare la scomunica del vescovo Richard Williamson, un membro della Fraternità Sacerdotale di San Pio X e un noto negazionista della Shoah.[1] Successivamente la notizia è stata corretta, ed è stato precisato che l'interruzione degli incontri dei rappresentanti del Gran Rabbinato con la Commissione per i Rapporti Religiosi con gli Ebrei, prevista per il 2-4 marzo, è stata rimandata, essendo necessario che le parti decidano come affrontare la questione della posizione di Williamson, la cui scomunica è stata revocata proprio in occasione della Giornata della Memoria.[2]

Mercoledì 12 marzo 2009 viene resa pubblica la lettera del Papa sulla remissione della scomunica ai lefevbriani,[3] lo stesso giorno Benedetto XVI riceve la delegazione del Gran Rabbinato d'Israele e della Commissione per i Rapporti con l'Ebraismo.[4]

Elenco dei membri del Consiglio del Gran Rabbinato d'Israele[modifica | modifica sorgente]

Elezioni interne tenutesi il 23 settembre, 2008..[5][6]

I cinque membri permanenti
Rappresentanti ashkenaziti
Rappresentanti sefarditi

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Chief Rabbinate cuts ties with Vatican
  2. ^ Sky tg24: Caso Williamson, rabbinato: apprezziamo parole del Papa. Il Pontefice ha espresso la sua indiscutibile "solidarietà" agli ebrei. Questa la risposta ai religiosi israeliani che avevano condannato la revoca della scomunica al vescovo negazionista 28-01-2009.
  3. ^ Benedetto XVI, Lettera di Sua Santità Benedetto XVI ai Vescovi della Chiesa Cattolica riguardo alla remissione della scomunica dei quattro Vescovi consacrati dall’Arcivescovo Lefebvre, 12 marzo 2009. URL consultato il 12 marzo 2009.
  4. ^ (EN) Bollettino della Sala Stampa della Santa Sede, Udienza alla delegazione del Gran Rabbinato d'Israele e della Commissione per i Rapporti con l'Ebraismo, 12 marzo 2009. URL consultato il 12 marzo 2009.
  5. ^ Chief Rabbinate:Rabbi Elituv in First Place, 23 settembre 2008. URL consultato il 23 settembre 2008.
  6. ^ Ashkenazi haredim lose majority in Chief Rabbinate membership vote, Jerusalem Post, 23 settembre 2008. URL consultato il 23 settembre 2008.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]