Gran Premio del Bahrein 2012

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Gran Premio del Bahrain 2012)
Bahrein Gran Premio del Bahrein 2012
862º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 4 di 20 del Campionato 2012
Bahrain International Circuit--Grand Prix Layout.svg
Data 22 aprile 2012
Nome ufficiale VIII Gulf Air Bahrain Grand Prix
Circuito Circuito di Manama
Percorso 5,412 km / 3,37 US mi
Pista permanente
Distanza 57 giri, 308,238 km/ 191,530 US mi
Clima Sereno
Risultati
Pole position Giro più veloce
Germania Sebastian Vettel Germania Sebastian Vettel
Red Bull Racing-Renault in 1'32"422 Red Bull Racing-Renault in 1'36"379
(nel giro 41)
Podio
1. Germania Sebastian Vettel
Red Bull Racing-Renault
2. Finlandia Kimi Räikkönen
Lotus-Renault
3. Francia Romain Grosjean
Lotus-Renault

Il Gran Premio del Bahrein 2012 è stata la quarta prova della stagione 2012 del campionato mondiale di Formula 1. Si è disputata domenica 22 aprile 2012 sul circuito di Manama che è tornato ad ospitare un Gran Premio di Formula 1 dopo che la gara dell'edizione 2011 fu annullata dagli organizzatori a causa delle coeve proteste nel mondo arabo. La gara è stata vinta da Sebastian Vettel su Red Bull Racing-Renault, autore anche del giro più veloce, davanti a Kimi Räikkönen su Lotus-Renault e al suo compagno di squadra Romain Grosjean.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Proteste in Bahrein[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Primavera Araba e Sommosse popolari in Bahrein del 2011-2013.

La travagliata situazione politica del Bahrein mette in pericolo lo svolgimento del Gran Premio, già saltato nel 2011. Damon Hill, ex campione del mondo di Formula 1 e ex presidente del British Racing Drivers’ Club (BRDC) ha invitato la FIA a riconsiderare l'opportunità di correre a Sakhir.[1] Già nel corso del fine settimana del Gran Premio del Giappone 2011 molte scuderie espressero dubbi sull'opportunità di tornare a correre nel Bahrein, e il Bahrain Centre for Human Rights chiese alle stesse di boicottare la gara.[2] A febbraio il raggruppamento politico d'opposizione The February 14 Youth Coalition scrisse a Bernie Ecclestone minacciando azioni contro lo svolgimento della gara.[3]

Il 28 marzo 2012 il patron del circus confermò la tenuta della gara,[4] anche se, successivamente al prolungarsi delle proteste, ammise di non avere il potere di forzare i team a correre il Gran Premio.[5]

La FIA, dal proprio canto, nella sua prima bozza di calendario per il 2012, aveva fissato la gara a novembre, proprio nella speranza di una pacificazione nel paese.[6] Solo nella versione definitiva del calendario il Gran Premio venne spostato al 22 aprile 2012.[7]

Il 13 aprile 2012 la FIA ha ufficializzato la disputa del Gran Premio nella data prevista.[8] Tale scelta ha portato il gruppo d'opposizione Al-Wefaq a indire delle manifestazioni di protesta nella zona dell'aeroporto all'arrivo dei team. Per tale ragione una decisione definitiva sulla gara verrà presa entro giovedì.[9] Il leader del Bahrain Centre for Human Rights ha affermato che non vi sono pericoli per il personale del Circus, anche se la protesta viene condotta contro la decisione di correre il Gran Premio.[10] Il personale della Force India è comunque coinvolto in un incidente stradale dovuto al lancio di una bomba molotov.[11]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

La Pirelli, fornitore unico degli pneumatici, annuncia per questo gran premio coperture di tipo medio e morbido.[12] Al termine della gara, le mescole saranno aspramente contestate da Schumacher.[13]

Dopo che solo nell'edizione 2010 fu utilizzata la configurazione del tracciato da 6,299 km denominata Endurance Circuit, da questo Gran Premio ritorna la configurazione da 5,412 km, presente dal 2004 al 2009.

La FIA determina la zona per l'uso del DRS in gara lungo il rettilineo di partenza, per una lunghezza totale di 650 m. Il punto di determinazione del distacco fra le vetture è stabilito all'ultima curva. Essendo saltata l'edizione del 2011, questa è la prima volta che tale meccanismo viene utilizzato sulla pista di Manama.[14]

La Ferrari annuncia l'ingaggio di Ben Agathangelou, tecnico aerodinamico con esperienza in Red Bull, HRT e Marussia.[15]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Emanuele Pirro è confermato quale commissario aggiunto dalla FIA. Aveva già svolto questa funzione nel Gran Premio di Cina.[16] Nelle prime prove del venerdì Valtteri Bottas sostituisce Bruno Senna alla Williams-Renault.[15]

Prove[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Nelle prime prove del venerdì il tempo migliore è fatto da Lewis Hamilton, che precede Sebastian Vettel e Paul di Resta.[15] Il primo pilota a far segnare un tempo è Nico Hülkenberg, dopo venti minuti dall'inizio della sessione. Si portano nelle prime posizioni poi Kimi Räikkönen e Sebastian Vettel, successivamente battuti da Hamilton. Di Resta ottiene il terzo miglior tempo negli ultimi minuti della sessione, con gomme morbide.[17]

La Force India non prende parte alle seconda sessione di prove del venerdì per motivi logistici. L'effettuazione delle prove della GP2, disputate fra le due sessioni della Formula 1 consente di ripulire la pista dalla sabbia, tanto che i team decidono di montare subito gomme morbide. Dopo i primi venti minuti Jenson Button fa segnare il tempo migliore, battuto poi da Mark Webber. Anche Michael Schumacher, Sebastian Vettel e Nico Rosberg guidano successivamente la lista dei tempi.

Al termine della sessione è Rosberg a fare segnare il tempo migliore, davanti a Vettel e Webber.[18]

Nella sessione del sabato nuovamente Nico Rosberg della Mercedes fa segnare il giro più veloce, precedendo i due piloti della Red Bull Sebastian Vettel e Mark Webber. Rosberg ha ottenuto il tempo migliore negli ultimi minuti della sessione, utilizzando gomme medie. Alla sessione ha preso parte anche la Force India.[19] Al termine della sessione Pastor Maldonado della Williams è costretto a sostituire il cambio, perdendo così cinque posizioni sulla griglia.[20]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione del venerdì[21] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 4 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 1'33"572 11
2 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull Racing-Renault 1'33"877 +0"305 21
3 11 Regno Unito Paul di Resta India Force India-Mercedes 1'34"150 +0"578 26

Nella seconda sessione del venerdì[22] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 8 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'32"816 35
2 2 Australia Mark Webber Austria Red Bull Racing-Renault 1'33"262 +0"446 26
3 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull Racing-Renault 1'33"525 +0"709 28

Nella sessione del sabato mattina[23] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 8 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'33"254 14
2 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull Racing-Renault 1'33"401 +0"147 14
3 2 Australia Mark Webber Austria Red Bull Racing-Renault 1'33"663 +0"409 15

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

In Q1 il miglior tempo è del messicano Pérez su Sauber, che precede Daniel Ricciardo e Mark Webber. Vengono eliminati, oltre ai piloti di HRT e Marussia, Vitalij Petrov della Caterham, Jean-Éric Vergne della Toro Rosso e Michael Schumacher. Il tedesco è penalizzato da un problema al DRS nel suo ultimo tentativo.[24] Al termine della sessione Vergne non si reca presso i commissari per le operazioni di peso. Il pilota non viene comunque sanzionato in quanto i tecnici della Toro Rosso hanno spinto la sua vettura presso la postazione dei commissari.[25]

Nella seconda parte delle qualifiche non segna tempi Maldonado per un problema al KERS. Il miglior tempo è di Lewis Hamilton, mentre vengono eliminati Kimi Räikkönen, Kamui Kobayashi, Nico Hülkenberg, i brasiliani Felipe Massa e Bruno Senna, assieme a Heikki Kovalainen. Räikkönen rinuncia a compiere un ulteriore tentativo con gomme morbide, per salvare un set di pneumatici per la gara.[26]

Nella fase decisiva Sebastian Vettel ha conquistato la pole (la numero 31 nel mondiale) solo all'ultimo tentativo, precedendo Lewis Hamilton e Mark Webber; non hanno fatto segnare tempi Fernando Alonso e Paul di Resta.[27] Al termine delle prove Michael Schumacher è costretto a sostituire il cambio, venendo così retrocesso di cinque posizioni sulla griglia.[20]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualifica[28] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia
1 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull Racing-Renault 1'34"308 1'33"527 1'32"422 1
2 4 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 1'34"813 1'33"209 1'32"520 2
3 2 Australia Mark Webber Austria Red Bull Racing-Renault 1'34"015 1'33"311 1'32"637 3
4 3 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'34"792 1'33"416 1'32"711 4
5 8 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'34"588 1'33"219 1'32"821 5
6 16 Australia Daniel Ricciardo Italia STR-Ferrari 1'33"988 1'33"556 1'32"912 6
7 10 Francia Romain Grosjean Regno Unito Lotus-Renault 1'34"041 1'33"246 1'33"008 7
8 15 Messico Sergio Pérez Svizzera Sauber-Ferrari 1'33"814 1'33"660 1'33"394 8
9 5 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'34"760 1'33"403 senza tempo 9
10 11 Regno Unito Paul di Resta India Force India-Mercedes 1'34"624 1'33"510 senza tempo 10
11 9 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito Lotus-Renault 1'34"552 1'33"789 11
12 14 Giappone Kamui Kobayashi Svizzera Sauber-Ferrari 1'34"131 1'33"806 12
13 12 Germania Nico Hülkenberg India Force India-Mercedes 1'34"601 1'33"807 13
14 6 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 1'34"372 1'33"912 14
15 19 Brasile Bruno Senna Regno Unito Williams-Renault 1'34"466 1'34"017 15
16 20 Finlandia Heikki Kovalainen Malesia Caterham-Renault 1'34"852 1'36"182 16
17 18 Venezuela Pastor Maldonado Regno Unito Williams-Renault 1'34"639 senza tempo 21[20]
18 7 Germania Michael Schumacher Germania Mercedes 1'34"865 22[20]
19 17 Francia Jean-Éric Vergne Italia STR-Ferrari 1'35"014 17
20 21 Russia Vitalij Petrov Malesia Caterham-Renault 1'35"823 18
21 25 Francia Charles Pic Russia Marussia-Cosworth 1'37"683 19
22 22 Spagna Pedro de la Rosa Spagna HRT-Cosworth 1'37"883 20
23 24 Germania Timo Glock Russia Marussia-Cosworth 1'37"905 23
24 23 India Narain Karthikeyan Spagna HRT-Cosworth 1'38"314 24
Tempo limite 107%: 1'40"380

Con i tempi in grassetto sono visualizzate le migliori prestazioni in Q1, Q2 e Q3.

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Sebastian Vettel prende il comando della gara al via, seguito da Lewis Hamilton, poi Mark Webber, Romain Grosjean e Fernando Alonso, autore di un'ottima partenza.

Al terzo giro Grosjean passa Webber, mentre anche Massa recupera posizioni portandosi settimo, con un sorpasso su Kimi Räikkönen. Il finlandese recupera la sua posizione due giri dopo. Al settimo giro il francese della Lotus passa anche Lewis Hamilton, conquistando così la seconda piazza. Prosegue il recupero di Räikkönen che tra il quinto e nono giro passa Button, Alonso e Webber.

Romain Grosjean ha conquistato il suo primo podio in F1.

Iniziano intanto i primi pit stop per il cambio degli pneumatici. Nico Rosberg conquista così una posizione su Massa, mentre un piccolo ritardo nel cambio gomme di Hamilton consente ad Alonso di recuperare una posizione. Al ritorno in pista Hamilton si trova a battagliare con Rosberg che lo chiude vigorosamente, costringendo il britannico a mettere la vettura oltre il limite della pista, ma realizza comunque il sorpasso sul tedesco. Al giro 12 Kimi Räikkönen ripassa Webber, mentre Jenson Button passa Fernando Alonso. Dopo la prima tornata di pit stop la classifica vede in testa sempre Vettel, seguito da Grosjean, Räikkönen, Webber, Button, Hamilton, Alonso, Rosberg e Massa.

Al ventiduesimo passaggio inizia il secondo turno di cambi gomme. Vanno ai box Jenson Button e Rosberg e mettono le medie, così come Massa che però monta gomme morbide. Al giro 24 Räikkönen è secondo, dopo aver passato il compagno di scuderia Romain Grosjean. All'uscita dal pit stop Fernando Alonso è dietro Rosberg, con lo spagnolo che tenta il controsorpasso ma viene chiuso da una dura manovra di difesa del tedesco. Lo spagnolo chiede via radio la comminazione di una penalità per il pilota della Mercedes. Il pit stop di Lewis Hamilton è nuovamente penalizzato da un ritardo, che fa perdere al britannico una posizione a favore di Massa. La classifica è sempre guidata da Sebastian Vettel, seguito dal duo della Lotus Räikkönen-Grosjean, poi Paul di Resta, che non ha cambiato gli pneumatici, Mark Webber, Button, Kobayashi (anche lui non ha ancora cambiato gomme), Rosberg, Alonso, Massa e Hamilton. Al giro 29 Webber passa di Resta mentre il giro dopo Kobayashi va al cambio gomme, facendo scalare di una posizione chi lo segue.

Kimi Räikkönen mette sotto pressione Vettel, tentando anche il sorpasso ma senza successo. Inizia così il terzo cambio gomme: al trentasettesimo giro è il turno di Lewis Hamilton e Rosberg che montano le medie. Anche Button e Alonso vanno ai box, col pilota della Ferrari che monta le medie, così come l'inglese e Massa. Al 41º giro tocca a Vettel fare la sosta così come Räikkönen, entrambi scelgono le medie. Hamilton passa Massa, conquistando il nono posto.

Il ritmo di Vettel diventa più rapido di quello degli inseguitori, che non riescono più ad avvicinarsi. Dietro al tedesco vi sono sempre i due della Lotus, poi Webber, di Resta (che ha effettuato la seconda sosta al giro 34), poi Rosberg, Button, Alonso e Hamilton.

Negli ultimi giri Rosberg passa di Resta, mentre Button è costretto a una nuova sosta per una foratura. Rientrato in pista l'inglese si ritira dopo un giro. Vince così Sebastian Vettel, per la ventiduesima volta nel mondiale, davanti a Kimi Räikkönen (primo podio dal Gran Premio d'Italia 2009) e Romain Grosjean, al suo primo arrivo a podio, primo francese dai tempi di Jean Alesi nel Gran Premio del Belgio 1998. Per la Lotus, anche se con una diversa denominazione, è il primo podio dal Gran Premio d'Australia 1988 con Nelson Piquet. Vettel conquista anche il giro più veloce: per lui è il quarto hat trick.[29] Mark Webber conquista il quarto posto per la quarta volta consecutiva; è la striscia più lunga di quarti posti nella storia del mondiale.[30]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del gran premio[31] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull Racing-Renault 57 1h35'10"990 1 25
2 9 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito Lotus-Renault 57 +3"333 11 18
3 10 Francia Romain Grosjean Regno Unito Lotus-Renault 57 +10"194 7 15
4 2 Australia Mark Webber Austria Red Bull Racing-Renault 57 +38"788 3 12
5 8 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 57 +55"460 5 10
6 11 Regno Unito Paul di Resta India Force India-Mercedes 57 +57"543 10 8
7 5 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 57 +57"803 9 6
8 4 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 57 +58"984 2 4
9 6 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 57 +1'04"999 14 2
10 7 Germania Michael Schumacher Germania Mercedes 57 +1'11"490 22 1
11 15 Messico Sergio Pérez Svizzera Sauber-Ferrari 57 +1'12"702 8
12 12 Germania Nico Hülkenberg India Force India-Mercedes 57 +1'16"539 13
13 14 Giappone Kamui Kobayashi Svizzera Sauber-Ferrari 57 +1'30"334 12
14 17 Francia Jean-Éric Vergne Italia STR-Ferrari 57 +1'33"723 17
15 16 Australia Daniel Ricciardo Italia STR-Ferrari 56 +1 giro 6
16 21 Russia Vitalij Petrov Malesia Caterham-Renault 56 +1 giro 18
17 20 Finlandia Heikki Kovalainen Malesia Caterham-Renault 56 +1 giro 16
18 3 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 55 Scarico/Differenziale[32] 4
19 24 Germania Timo Glock Russia Marussia-Cosworth 55 +2 giri 23
20 22 Spagna Pedro de la Rosa Spagna HRT-Cosworth 55 +2 giri 20
21 23 India Narain Karthikeyan Spagna HRT-Cosworth 55 +2 giri 24
22 19 Brasile Bruno Senna Regno Unito Williams-Renault 54 Freni[32] 15
Rit 18 Venezuela Pastor Maldonado Regno Unito Williams-Renault 25 Foratura 21
Rit 25 Francia Charles Pic Russia Marussia-Cosworth 24 Motore 19

Classifiche Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Decisioni della FIA[modifica | modifica wikitesto]

La FIA non attribuisce nessuna sanzione a Nico Rosberg, indagato per le manovre effettuate durante la gara in difesa da Lewis Hamilton e Fernando Alonso[33] perché secondo i commissari le macchine degli attaccanti non erano sufficientemente affiancate a quella di Rosberg al momento dell'azione[34]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La FIA 'monitora costantemente' la situazione in Bahrain, gpupdate.net, 7 aprile 2012. URL consultato l'8 aprile 2012.
  2. ^ (EN) Claire Ferris-Lay, F1 teams urged to boycott Bahrain Grand Prix, arabianbusiness.com, 8 gennaio 2012. URL consultato il 25 marzo 2012.
  3. ^ (EN) Simeon Kerr, Bahrain youth group targets Formula 1, ft.com, 8 aprile 2012. URL consultato il 9 aprile 2012.
  4. ^ (EN) Will Buxton, On Bahrain, willthef1journo.wordpress.com, 29-3-2012. URL consultato il 30-3-2012.
  5. ^ (EN) Ecclestone steps back over Bahrain, thetimes.com, 9 aprile 2012. URL consultato il 10 aprile 2012.
  6. ^ (EN) FIA reveals 21-race calendar for 2012, gpupdate.net, 3 giugno 2011. URL consultato il 25 marzo 2012.
  7. ^ (EN) Keith Collantine, United States Grand Prix remains on unchanged 2012 F1 calendar, f1fanatic.co.uk, 7 dicembre 2011. URL consultato il 25 marzo 2012.
  8. ^ FIA, ufficiale: il GP Bahrain si correrà, f1grandprix.motorionline.com, 13 aprile 2012. URL consultato il 13 aprile 2012.
  9. ^ Settimana di proteste in Bahrain-La FOM ci ripensa, giovedì la decisione, italiaracing.net, 16 aprile 2012. URL consultato il 16 aprile 2012.
  10. ^ 'Nessuno in F1 si farà male', dice il leader di Diritti Umani, gpupdate.net, 19 aprile 2012. URL consultato il 20 aprile 2012.
  11. ^ Meccanico Force India lascia il Bahrain, gpupdate.net, 19 aprile 2012. URL consultato il 20 aprile 2012.
  12. ^ Pirelli, le mescole per le gare di F1 in Bahrain, Spagna e Monaco, f1grandprix.motorionline.com, 3 aprile 2012. URL consultato il 3 aprile 2012.
  13. ^ Schumacher al veleno contro Pirelli: “Le gomme contano troppo”, F1WEB.it. URL consultato il 12 maggio 2012.
  14. ^ Una sola "DRS Zone" per il Gp del Bahrein, omnicorse.it, 18 aprile 2012. URL consultato il 19 aprile 2012.
  15. ^ a b c Al Sakhir - Libere 1-Hamilton si conferma al top, italiaracing.net, 20 aprile 2012. URL consultato il 20 aprile 2012.
  16. ^ (FR) Olivier Ferret, F1 - Pirro de nouveau 4ème commissaire à Sakhir, motorsport.nextgen-auto.com, 19 aprile 2012. URL consultato il 19 aprile 2012.
  17. ^ (EN) Will Wood, Hamilton quickest in FP1 despite running fewest laps, f1fanatic.co.uk, 20 aprile 2012. URL consultato il 20 aprile 2012.
  18. ^ (EN) Will Wood, Rosberg fastest on Friday as Force India abandon second session, f1fanatic.co.uk, 20 aprile 2012. URL consultato il 20 aprile 2012.
  19. ^ GP Bahrain, Prove Libere 3: Rosberg ancora al top, f1grandprix.motorionline.com, 21 aprile 2012. URL consultato il 23 aprile 2012.
  20. ^ a b c d Penalizzazione di cinque posizioni in griglia per Pastor Maldonado, f1grandprix.motorionline.com, 21 aprile 2012. URL consultato il 21 aprile 2012.
    GP Bahrain, Schumacher penalizzato di cinque posizioni in griglia, f1grandprix.motorionline.com, 22 aprile 2012. URL consultato il 22 aprile 2012.
  21. ^ Prima sessione di prove libere del venerdì
  22. ^ Seconda sessione di prove libere del venerdì
  23. ^ Sessione di prove libere del sabato
  24. ^ Un problema con il DRS ha rallentato Schumi, omnicorse.it, 21 aprile 2012. URL consultato il 21 aprile 2012.
  25. ^ Vergne se la cava solo con una reprimenda, omnicorse.it, 21 aprile 2012. URL consultato il 21 aprile 2012.
  26. ^ Räikkönen: “Fuori dalla Q3 per scelta”, f1grandprix.motorionline.com, 21 aprile 2012. URL consultato il 21 aprile 2012.
  27. ^ Matteo Nugnes, Sakhir: Vettel e la Red Bull tornano in pole position, omnicorse.it, 21 aprile 2012. URL consultato il 21 aprile 2012.
  28. ^ Sessione di qualifica
  29. ^ GP Bahrain: Vettel trionfa davanti alle Lotus, Alonso 7°, f1grandprix.motorionline.com, 22 aprile 2012. URL consultato il 23 aprile.
  30. ^ (EN) Consecutive 4th Place Finishes, chicanef1.com. URL consultato il 24 aprile.
  31. ^ Risultati del gran premio
  32. ^ a b Jenson Button e Bruno Senna sono classificati avendo coperto, come previsto dal regolamento, almeno il 90% della distanza totale.
  33. ^ Nessuna penalità per Rosberg dopo gli incidenti, gpupdate.net, 23 aprile 2012. URL consultato il 24 aprile 2012.
  34. ^ Bahrain, i commissari assolvono Rosberg. E Alonso replica via Twitter, F1WEB.it. URL consultato il 12 maggio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2012
Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of India.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2010
Gran Premio del Bahrein
Edizione successiva:
2013
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1