Gran Premio d'Ungheria 2013

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ungheria Gran Premio d'Ungheria 2013
888º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 10 di 19 del Campionato 2013
Hungaroring.svg
Data 28 luglio 2013
Nome ufficiale XXIX Magyar Nagydíj
Circuito Hungaroring
Percorso 4,381 km / 2,722 US mi
Pista permanente
Distanza 70 giri, 306,630 km/ 190,531 US mi
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito Lewis Hamilton Australia Mark Webber
Mercedes in 1'19"388 Red Bull Racing-Renault in 1'24"069
(nel giro 61)
Podio
1. Regno Unito Lewis Hamilton
Mercedes
2. Finlandia Kimi Räikkönen
Lotus-Renault
3. Germania Sebastian Vettel
Red Bull Racing-Renault

Il Gran Premio d'Ungheria 2013 è stata la decima prova della stagione 2013 del campionato mondiale di Formula 1. Si è disputato domenica 28 luglio 2013 sul circuito dell'Hungaroring. La gara è stata vinta dal britannico Lewis Hamilton su Mercedes; per il vincitore si è trattato del ventiduesimo successo nel mondiale. Ha preceduto sul traguardo il finlandese Kimi Räikkönen su Lotus-Renault e il tedesco Sebastian Vettel su Red Bull-Renault.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppi futuri[modifica | modifica wikitesto]

Viene raggiunto l'accordo tra Ferrari e Marussia per la fornitura a quest'ultima dei motori turbo creati a Maranello per la stagione 2014.[1]

Il 23 luglio, tramite una dichiarazione congiunta, Bernie Ecclestone e Dietrich Mateschitz, titolare della Red Bull Racing, annunciano il ritorno, dal 2014, del Gran Premio d'Austria nel calendario iridato. La data è per ora fissata al 6 luglio. Il tracciato che ospiterà l'evento sarà il Red Bull Ring, nome attuale del circuito sito a Spielberg bei Knittelfeld, già sede della gara coi nomi di Österreichring e A-1 Ring, anche se diversamente rimaneggiato.

La gara, valida 26 volte per il campionato Mondiale, manca in calendario dal 2003.[2]

Test di Silverstone[modifica | modifica wikitesto]

Sul Circuito di Silverstone si tengono dei test, tra il 17 e il 19 luglio. Inizialmente riservato a piloti che non abbiano effettuato più di due Gran Premi in stagione, successivamente è aperto anche ai piloti titolari. Al fine però di garantire che questi test abbiano come principale obiettivo quello di migliorare la sicurezza degli pneumatici la FIA ha stabilito che sarà utilizzato un solo tipo di gomme, con costruzione 2012, ma con mescole di tipo hard, medium e soft 2013.[3] Inoltre, nel caso di utilizzo dei piloti titolari la monoposto non potrà veder modificati gli assetti durante i test. Ciò ha portato alla reazione di alcuni piloti, tra cui Fernando Alonso, che hanno deciso di non partecipare alla sessione stessa.[4]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Dopo che nel GP di Germania la Pirelli, fornitrice unica degli pneumatici, aveva deciso di reintrodurre le gomme posteriori con l'anima in kevlar (che ha sostituito l'acciaio, utilizzato da inizio stagione)[5] da questa gara la casa italiana introduce dei nuovi pneumatici che hanno una costruzione analoga a quella delle gomme del 2012 ma usano mescole già utilizzate in questa stagione. Inizialmente, per questo Gran Premio, la Pirelli aveva deciso di fornire pneumatici di mescola dura e media ma, successivamente, ha deciso di fornire gomme a mescola media e mescola soft.[6]

A seguito dell'incidente occorso nel Gran Premio di Germania a un cameraman, colpito da una gomma nella pit lane, la FIA introduce nuove norme di sicurezza. Tutti gli addetti al pit stop dovranno indossare un casco; la velocità nella pit lane è limitata a 80 km/h (60 a Monaco, Singapore e Melbourne).[7] D'ora in avanti inoltre i cameraman dovranno seguire le stesse misure di sicurezza previste per i fotografi e non avranno più libero accesso alla pit lane.[8][9] Analoghe regole sono stabilite per i giornalisti: solo 25 persone, tra giornalisti e fotografi, avranno accesso alla pit lane durante le prove libere, mentre la loro presenza sarà interdetta nelle altre fasi del weekend di gara. Per le televisioni sarà ammesso un solo giornalista e un solo operatore per ognuna delle reti televisive.[10]

Pat Symonds abbandona la Marussia e diventa responsabile tecnico della Williams, dove sostituisce Mike Coughlan.[11]

La FIA decide di raddoppiare le zone in cui può essere utilizzato il DRS: oltre al rettilineo di partenza da questa stagione l'uso è concesso anche tra la curva 1 e la curva 2. È stabilito un solo detection point.[12]

Durante il GP di Silverstone la McLaren aveva segnalato alla FIA la sospensione anteriore della Lotus E21 come non regolare. Il regolamento vieta che ci siano più di tre punti di attacco al portamozzo infulcrati nello stesso punto. Sulla E21, il braccio dello sterzo si ancora al portamozzo dove si infulcrano anche il puntone della sospensione push rod e il triangolo inferiore. La FIA ha concesso alla scuderia britannica la possibilità di utilizzare questa soluzione fino al GP di Spa di fine agosto.[13]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Il pilota tedesco Nico Hülkenberg si svincola dalla sua scuderia, la Sauber che, dati i problemi finanziari, non gli versa lo stipendio da maggio. Il pilota tedesco però non ha abbandonato il volante del team elvetico.[14]

Il 15 luglio viene annunciato il sostegno alla scuderia elvetica da parte dell'Investment Cooperation International Fund, fondo di Stato della Federazione Russa, e del National Institute of Aviation Technologies, che lo scopo di favorire e sviluppare la Formula 1 sul prossimo tracciato in realizzazione a Soči.[15]

Il 27 luglio la FIA e la Formula One Group annunciano la firma sul rinnovo del Patto della Concordia, accordo che regola tutti gli aspetti del Campionato mondiale di Formula 1. L'accordo entrerà in vigore dopo che i rispettivi organismi decisionali delle due strutture daranno il loro beneplacito.[16]

Allan McNish è nominato commissario aggiunto nel collegio degli steward nominati dalla FIA per la gara. L'ex pilota di Formula 1 aveva già svolto tale funzione in passato, l'ultima nel Gran Premio di Singapore 2012.[17] Rodolfo González prende il posto di Max Chilton alla Marussia nella prima sessione di prove del venerdì.[18] La Federazione decide di penalizzare con dieci posizioni in meno sulla griglia di partenza il pilota al quale, durante un pit stop, non venissero montate correttamente le ruote. L'annuncio è avvenuto in seguito all'incidente occorso a Mark Webber durante il Gran Premio di Germania quando uno pneumatico staccatosi dalla sua monoposto colpì un cameraman.[19]

Fernando Alonso affronta il weekend di gara esponendo il lutto al braccio in onore delle vittime dell'incidente ferroviario di Santiago di Compostela.[20]

Prove[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Sebastian Vettel è risultato il più rapido nelle prime prove libere del venerdì. Il pilota tedesco ha preceduto per meno di tre decimi il suo compagno di scuderia Mark Webber. Il tre volte campione del mondo è stato anche penalizzato da un problema all'impianto frenante che lo ha costretto a restare ai box nella prima fese della sessione. Ben nove piloti hanno chiuso nel tempo di un secondo. Il terzo tempo è fatto segnare da Kimi Räikkönen, mentre quarto è Fernando Alonso. Felipe Massa ha chiuso nelle retrovie, essendo concentrato in test aerodinamici con carico di benzina.[18]

Vettel ha confermato il suo primato anche nella seconda sessione. Il pilota della Red Bull ha sopravanzato per meno di un decimo il suo compagno di scuderia Mark Webber. Al terzo posto si è classificato Romain Grosjean. Oltre la Red Bull anche la Ferrari ha effettuato dei long run per simulare le prestazioni delle gomme sulla lunga distanza, vista anche l'alta temperatura riscontrata sulla pista.[21]

La sessione del sabato ha visto primo Grosjean su Lotus; il francese ha preceduto Fernando Alonso e Sergio Pérez. Pérez ha ottenuto nei primi minuti il tempo, poi è stato protagonista di un'uscita di pista, con danneggiamento della vettura. Anche l'altro messicano Esteban Gutiérrez ha accusato dei problemi al motore della sua Sauber C32, e non ha fatto segnare giri validi. Ben dodici piloti sono rinchiusi nello spazio di un secondo di tempo dal primo.[22]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione del venerdì[23] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull Racing-Renault 1'22"723 19
2 2 Australia Mark Webber Austria Red Bull Racing-Renault 1'22"982 +0"259 24
3 7 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito Lotus-Renault 1'23"010 +0"287 20

Nella seconda sessione del venerdì[24] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull Racing-Renault 1'21"264 34
2 2 Australia Mark Webber Austria Red Bull Racing-Renault 1'21"308 +0"044 42
3 8 Francia Romain Grosjean Regno Unito Lotus-Renault 1'21"417 +0"153 40

Nella sessione del sabato mattina[25] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 8 Francia Romain Grosjean Regno Unito Lotus-Renault 1'20"730 20
2 3 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'20"898 +0"168 13
3 6 Messico Sergio Pérez Regno Unito McLaren-Mercedes 1'21"052 +0"322 10

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

In Q1 le Mercedes con un solo tentativo con gomme morbide ottiene i primi due posti della graduatoria. Terzo è Romain Grosjean. In questa fase sono esclusi Esteban Gutiérrez, Paul di Resta, i due piloti della Caterham e i due della Marussia.

Anche nella seconda fase le due vetture tedesche confermano la loro competitività accaparrandosi le prime due posizioni. Mark Webber riesce a entrare nella fase decisiva pur con il KERS non funzionante. La fase è molto serrata e solo negli ultimi istanti si determinano i dieci che passano alla Q3. Vengono esclusi Jenson Button, le due Williams, Adrian Sutil, Nico Hülkenberg e Jean-Éric Vergne.

In Q3 Lewis Hamilton conquista la pole position all'ultimo tentativo, prevalendo su Sebastian Vettel per soli 38 millesimi; per il britannico è la trentesima partenza al palo nel mondiale. La seconda fila è conquistata da Romain Grosjean e Nico Rosberg. In questa fase Webber non ha effettuato giri cronometrati per il problema al KERS riscontrato in Q2.[26]

Al termine delle prove la Lotus E21 di Romain Grosjean viene trovata inizialmente non conforme al regolamento. Il fondo piatto nella parte anteriore risulta più flessibile del dovuto di 5 millimetri.[27] Il problema è sorto per la rottura dello splitter in quella parte della vettura, dovuta al passaggio di un cordolo della monoposto.[28] Considerando accidentale tale rottura e perciò non voluta la maggiore flessibilità del muso della vettura, la FIA decide di riammettere in seconda fila Grosjean.[29]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualifica[30] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia
1 10 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'20"363 1'19"862 1'19"388 1
2 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull Racing-Renault 1'20"646 1'19"992 1'19"426 2
3 8 Francia Romain Grosjean Regno Unito Lotus-Renault 1'20"447 1'20"101 1'19"595 3
4 9 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'20"350 1'19"778 1'19"720 4
5 3 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'20"652 1'20"183 1'19"791 5
6 7 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito Lotus-Renault 1'20"867 1'20"243 1'19"851 6
7 4 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 1'21"004 1'20"460 1'19"929 7
8 19 Australia Daniel Ricciardo Italia STR-Ferrari 1'21"181 1'20"527 1'20"641 8
9 6 Messico Sergio Pérez Regno Unito McLaren-Mercedes 1'21"612 1'20"545 1'22"398 9
10 2 Australia Mark Webber Austria Red Bull Racing-Renault 1'21"264 1'20"503 senza tempo 10
11 15 Germania Adrian Sutil India Force India-Mercedes 1'21"471 1'20"569 11
12 11 Germania Nico Hülkenberg Svizzera Sauber-Ferrari 1'21"028 1'20"580 12
13 5 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'21"131 1'20"777 13
14 18 Francia Jean-Éric Vergne Italia STR-Ferrari 1'21"345 1'21"029 14
15 16 Venezuela Pastor Maldonado Regno Unito Williams-Renault 1'20"816 1'21"133 15
16 17 Finlandia Valtteri Bottas Regno Unito Williams-Renault 1'21"135 1'21"219 16
17 12 Messico Esteban Gutiérrez Svizzera Sauber-Ferrari 1'21"724 17
18 14 Regno Unito Paul di Resta India Force India-Mercedes 1'22"043 18
19 20 Francia Charles Pic Malesia Caterham-Renault 1'23"007 19
20 21 Paesi Bassi Giedo van der Garde Malesia Caterham-Renault 1'23"333 20
21 22 Francia Jules Bianchi Russia Marussia-Cosworth 1'23"787 21
22 23 Regno Unito Max Chilton Russia Marussia-Cosworth 1'23"997 22
Tempo limite 107%: 1'25"974

Con i tempi in grassetto sono visualizzate le migliori prestazioni in Q1, Q2 e Q3.

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

In partenza Lewis Hamilton mantiene il comando, seguito da Sebastian Vettel, che battaglia con Romain Grosjean. Fernando Alonso passa subito quarto mentre, più dietro, Felipe Massa ha un contatto con Nico Rosberg. Il tedesco esce di pista, e rientra solo dodicesimo. Quinto è così Massa, seguito da Kimi Räikkönen, Mark Webber, Jenson Button e Daniel Ricciardo.

Tra il decimo e il quattordicesimo giro vanno al cambio gomme tutti i migliori. In testa si ritrova così Mark Webber che monta gomme medie e ha una diversa strategia. La classifica vede, dietro all'australiano, Lewis Hamilton, seguito da Jenson Button (anche lui non ha cambiato), poi Vettel, Grosjean, Alonso e Pérez. Vettel tenta il sorpasso su Button ma senza riuscirvi. Il tedesco danneggia anche l'ala, e viene avvicinato da Grosjean e Alonso.

Al ventiquattresimo giro Webber va al suo primo cambio gomme: Hamilton torna leader della corsa. Sebastian Vettel riesce a passare Button, in difficoltà con gli pneumatici, tanto che nello stesso giro l'inglese della McLaren è passato anche da Romain Grosjean e da Fernando Alonso. Due giri dopo Grosjean, terzo, è costretto a un nuovo cambio gomme. Scende in settima posizione. Il francese però guadagna presto una posizione su Massa. Al giro 32 Lewis Hamilton effettua il secondo cambio gomme. Passa a condurre Vettel. L'inglese della McLaren, poco dopo essere rientrato in pista, sorpassa Webber, e conquista la terza posizione. Col cambio gomme di Vettel e Alonso, che lo precedono, il britannico della Mercedes torna in testa al giro 35.

Al 38º giro Romain Grosjean è costretto a un drive through per un contatto con Jenson Button. Ora la classifica vede primo Hamilton, seguito da Mark Webber, Kimi Räikkönen, Sebastian Vettel e Fernando Alonso. Tra il giro 43 e il 44 vanno al secondo pit stop anche Webber e Räikkönen. L'australiano rientra in gara terzo, mentre il finlandese si trova ora sesto, dietro a Alonso e Grosjean.

Tra il giro 48 e il 51 vanno al terzo cambio gomme Grosjean, Alonso e Hamilton. Lo spagnolo rientra in pista davanti a Button e lo stesso francese della Lotus. Quando, al giro 56, anche Vettel effettua il suo ultimo cambio gomme, Lewis Hamilton riprende il comando della gara. Vettel è quarto, dietro a Webber e Räikkönen, ma davanti ad Alonso.

Webber, a dieci giri dalla bandiera a scacchi, effettua ancora un cambio degli pneumatici, e scende in quarta posizione, dietro a Sebastian Vettel e Kimi Räikkönen. Fino all'arrivo, nelle prime posizioni, non ci sono altri cambiamenti. Lewis Hamilton conquista la sua ventiduesima affermazione nel mondiale, la prima con la Mercedes.[31]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del Gran Premio[32] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 10 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 70 1h42'29"445 1 25
2 7 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito Lotus-Renault 70 +10"938 6 18
3 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull Racing-Renault 70 +12"459 2 15
4 2 Australia Mark Webber Austria Red Bull Racing-Renault 70 +18"044 10 12
5 3 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 70 +31"411 5 10
6 8 Francia Romain Grosjean Regno Unito Lotus-Renault 70 +52"295[33] 3 8
7 5 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 70 +53"819 13 6
8 4 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 70 +56"447 7 4
9 6 Messico Sergio Pérez Regno Unito McLaren-Mercedes 69 +1 giro 9 2
10 16 Venezuela Pastor Maldonado Regno Unito Williams-Renault 69 +1 giro 15 1
11 11 Germania Nico Hülkenberg Svizzera Sauber-Ferrari 69 +1 giro 12
12 18 Francia Jean-Éric Vergne Italia STR-Ferrari 69 +1 giro 14
13 19 Australia Daniel Ricciardo Italia STR-Ferrari 69 +1 giro 8
14 21 Paesi Bassi Giedo van der Garde Malesia Caterham-Renault 68 +2 giri 20
15 20 Francia Charles Pic Malesia Caterham-Renault 68 +2 giri 19
16 22 Francia Jules Bianchi Russia Marussia-Cosworth 67 +3 giri 21
17 23 Regno Unito Max Chilton Russia Marussia-Cosworth 67 +3 giri 22
18 14 Regno Unito Paul di Resta India Force India-Mercedes 66 Problema idraulico[34] 18
19 9 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 64 Motore[34] 4
Rit 17 Finlandia Valtteri Bottas Regno Unito Williams-Renault 42 Problema idraulico 16
Rit 12 Messico Esteban Gutiérrez Svizzera Sauber-Ferrari 28 Cambio 17
Rit 15 Germania Adrian Sutil India Force India-Mercedes 19 Problema idraulico 11

Classifiche mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Decisioni della FIA[modifica | modifica wikitesto]

La Scuderia Ferrari è multata di 15.000 perché Fernando Alonso ha utilizzato in gara un DRS al quale la scuderia non aveva modificato il funzionamento, lasciando quindi al pilota la possibilità di attivare liberamente il sistema, come avviene in qualifica. Lo spagnolo, che ha utilizzato per tre volte il meccanismo quando non consentito, ovvero quando la distanza con il pilota che lo precedeva non era inferiore al secondo, non è stato penalizzato nel tempo di gara visto il ridotto guadagno di tempo ottenuto.[35]

Al termine della gara Romain Grosjean è stato penalizzato di venti secondi per il contatto con Jenson Button. Tale penalizzazione però non ha influito sul suo posizionamento in classifica.[33]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Matteo Nugnes, La Marussia annuncia l'accordo per i motori Ferrari, omnicorse.it, 16 luglio 2013. URL consultato il 16 luglio 2013.
  2. ^ F1: dal 2014 torna Gran Premio d'Austria, ansa.it, 23 luglio 2013. URL consultato il 23 luglio 2013.
  3. ^ La FIA nega il quarto giorno per i test di Silverstone in omnicorse.it, 9 luglio 2013. URL consultato il 17 luglio 2013.
  4. ^ Luca Ferrari, F1 Alonso: “Non vado ai test perché non è possibile provare” in f1passion.it, 17 luglio 2013. URL consultato il 17 luglio 2013.
  5. ^ Luca Manacorda, F1-Ultim’ora: Pirelli, tornano kevlar e costruzione 2012, f1passion.it, 2 luglio 2013. URL consultato il 2 luglio 2013.
  6. ^ Matteo Nugnes, La Pirelli sceglie mescole più morbide per l'Ungheria, omnicorse.it, 11 luglio 2013. URL consultato il 13 luglio 2013.
  7. ^ Matteo Nugnes, Nuove regole per migliorare la sicurezza in pitlane, omnicorse.it, 10 luglio 2013. URL consultato il 13 luglio 2013.
  8. ^ Personale Tv bandito dalla pitlane in tutte le sessioni, omnicorse.it, 11 luglio 2013. URL consultato il 13 luglio 2013.
  9. ^ Matteo Nugnes, Approvate le nuove regole relative alla pitlane, omnicorse.it, 22 luglio 2013. URL consultato il 23 luglio 2013.
  10. ^ Importanti restrizioni per i giornalisti in pitlane, omnicorse.it, 25 luglio 2013. URL consultato il 26 luglio 2013.
  11. ^ Matteo Nugnes, Pat Symonds lascia la Marussia e passa alla Williams, omnicorse.it, 16 luglio 2013. URL consultato il 16 luglio 2013.
  12. ^ La FIA raddoppia le "DRS Zone" anche a Budapest, omnicorse.it, 23 luglio 2013. URL consultato il 23 luglio 2013.
  13. ^ Deroga per la sospensione Lotus fino a Spa, omnicorse.it, 28 luglio 2013. URL consultato il 29 luglio 2013.
  14. ^ Matteo Nugnes, Hulkenberg si libera dalla Sauber, omnicorse.it, 9 luglio 2013. URL consultato il 9 luglio 2013.
  15. ^ Franco Nugnes, E' ufficiale: i russi diventano partner della Sauber, omnicorse.it, 15 luglio 2013. URL consultato il 16 luglio 2013.
  16. ^ Franco Nugnes, Finalmente c'è la firma sul Patto della Concordia!, omnicorse.it, 27 luglio 2013. URL consultato il 29 luglio 2013.
  17. ^ Allan McNish commissario FIA in Ungheria, omnicorse.it, 24 luglio 2013. URL consultato il 24 luglio 2013.
  18. ^ a b Franco Nugnes, Ungheria, Libere 1: Vettel manda in orbita la Red Bull, omnicorse.it, 26 luglio 2013. URL consultato il 26 luglio 2013.
  19. ^ Franco Nugnes, FIA: la ruota fissata male costa 10 posizioni in griglia, omnicorse.it, 27 luglio 2013. URL consultato il 29 luglio 2013.
  20. ^ Alonso con il lutto al braccio per le vittime di Santiago, omnicorse.it, 25 luglio 2013. URL consultato il 26 luglio 2013.
  21. ^ Franco Nugnes, Ungheria, Libere 2: Alonso c'è dietro alle Red Bull!, omnicorse.it, 26 luglio 2013. URL consultato il 29 luglio 2013.
  22. ^ Franco Nugnes, Ungheria, Libere 3: Grosjean svetta davanti alla Ferrari, omnicorse.it, 27 luglio 2013. URL consultato il 29 luglio 2013.
  23. ^ Prima sessione di prove libere del venerdì
  24. ^ Seconda sessione di prove libere del venerdì
  25. ^ Sessione di prove libere del sabato
  26. ^ Franco Nugnes, Hamilton centra la terza pole di seguito in Ungheria, omnicorse.it, 27 luglio 2013. URL consultato il 29 luglio 2013.
  27. ^ Franco Nugnes, Sulla Lotus di Grosjean flette il fondo: è irregolare?, omnicorse.it, 27 luglio 2013. URL consultato il 29 luglio 2013.
  28. ^ Franco Nugnes, Lo splitter Lotus si era rotto su un cordolo!, omnicorse.it, 27 luglio 2013. URL consultato il 29 luglio 2013.
  29. ^ Franco Nugnes, FIA: è accidentale la rottura dello splitter Lotus, omnicorse.it, 27 luglio 2013. URL consultato il 29 luglio 2013.
  30. ^ Sessione di qualifica
  31. ^ Budapest - La cronaca live-Hamilton vince a mani basse, italiaracing.net, 28 luglio 2013. URL consultato il 29 luglio 2013.
  32. ^ Risultati del gran premio
  33. ^ a b Romain Grosjean è stato penalizzato di venti secondi sul suo tempo di gara, per il contatto con Jenson Button. Grosjean penalizzato 20" per il contatto con Button, omnicorse.it, 28 luglio 2013. URL consultato il 29 luglio 2013.
  34. ^ a b Paul di Resta e Nico Rosberg risultano ugualmente classificati avendo coperto, come previsto dal regolamento, almeno il 90% della distanza totale.
  35. ^ Antonio Caruccio, Budapest – Ferrari multata di 15.000€, italiaracing.net, 28 luglio 2013. URL consultato il 29 luglio 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2013
Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of South Korea.svg Flag of Japan.svg Flag of India.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2012
Gran Premio d'Ungheria
Edizione successiva:
2014
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1