Gran Premio d'Olanda 1953

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paesi Bassi Gran Premio d'Olanda 1953
26º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 3 di 9 del Campionato 1953
Il circuito di Zandvoort
Il circuito di Zandvoort
Data 7 giugno 1953
Nome ufficiale V Grote Prijs van Nederland
Circuito Circuito di Zandvoort
Percorso 4,193 km
Distanza 90 giri, 377,370 km
Clima Sereno
Risultati
Pole position Giro più veloce
Italia Alberto Ascari Italia Luigi Villoresi
Ferrari in 1'51.1 Ferrari in 1'52.8
Podio
1. Italia Alberto Ascari
Ferrari
2. Italia Nino Farina
Ferrari
3. Argentina José Froilán González
Maserati

Il Gran Premio d'Olanda 1953 fu la terza gara della stagione 1953 del Campionato mondiale di Formula 1, disputata il 7 giugno sul Circuito di Zandvoort. La manifestazione vide la vittoria di Alberto Ascari su Ferrari, seguito dal compagno di squadra Nino Farina e dalla Maserati co-pilotata da Felice Bonetto e José Froilán González.

Contesto[modifica | modifica sorgente]

A differenza dell'anno precedente, la gara fu anticipata da agosto a giugno. La Ferrari, che assegnava le vetture di gara in gara, iscrisse gli stessi quattro piloti della gara di Buenos Aires, cioè Alberto Ascari, Luigi Villoresi, Nino Farina e Mike Hawthorn, mentre il francese Louis Rosier era alla guida di una Ferrari privata. La più fiera opposizione alle vetture di Maranello proveniva dalla Maserati, che si presentò a Zandvoort con tre dei quattro piloti del GP d'Argentina: Juan Manuel Fangio, José Froilán González e Felice Bonetto, affiancati dalla Maserati privata del team di Enrico Platé con lo svizzero Toulo de Graffenried al volante. Anche la Gordini si presentò con tre vetture, con Maurice Trintignant, Harry Schell e Roberto Mieres, che debuttava nei Gran Premi.

La Connaught confermò Kenneth McAlpine e Stirling Moss, che avevano già preso parte alla precedente gara europea, il Gran Premio d'Italia, affiancati dall'inglese Roy Salvadori e dalla vettura privata di Johnny Claes. Anche la HWM confermò i piloti di Monza, Peter Collins e Lance Macklin, mentre il parco partenti era completato dalla Cooper-Bristol privata di Ken Wharton.

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

Ascari conquistò la sua quinta pole position consecutiva (se si esclude la Indy 500, a cui non parteciparono le scuderie europee) e fu affiancato in prima fila - allora erano composte da tre vetture - dalla Maserati di Fangio e dalla Ferrari di Farina. In seconda fila (due vetture) si qualificarono Villoresi e González, mentre in terza c'erano Hawthorn in compagnia dei "privati" de Graffenried e Rosier. Bonetto, con la sua Maserati ufficiale, riuscì a qualificarsi solo tredicesimo, in quinta fila.

Griglia di partenza[modifica | modifica sorgente]

Pos Pilota Auto Squadra Tempo Distacco
1 2 Italia Alberto Ascari Ferrari 500 Scuderia Ferrari 1:51.1 -
2 12 Argentina Juan Manuel Fangio Maserati A6GCM Officine Alfieri Maserati 1:52.7 +1.6
3 6 Italia Nino Farina Ferrari 500 Scuderia Ferrari 1:53.0 +1.9
4 4 Italia Luigi Villoresi Ferrari 500 Scuderia Ferrari 1:53.7 +2.6
5 14 Argentina José Froilán González Maserati A6GCM Officine Alfieri Maserati 1:54.1 +3.0
6 8 Regno Unito Mike Hawthorn Ferrari 500 Scuderia Ferrari 1:54.9 +3.8
7 18 Svizzera Toulo de Graffenried Maserati A6GCM Privato 1:58.7 +7.6
8 10 Francia Louis Rosier Ferrari 500 Ecurie Rosier 1:59.5 +8.4
9 34 Regno Unito Stirling Moss Connaught A-Lea-Francis Connaught Engineering 2:00.0 +8.9
10 20 Stati Uniti Harry Schell Gordini T16 Equipe Gordini 2:00.1 +9.0
11 26 Regno Unito Roy Salvadori Connaught A-Lea-Francis Connaught Engineering 2:00.5 +9.4
12 24 Francia Maurice Trintignant Gordini T16 Equipe Gordini 2:01.2 +10.1
13 16 Italia Felice Bonetto Maserati A6GCM Officine Alfieri Maserati 2:01.5 +10.4
14 28 Regno Unito Kenneth McAlpine Connaught A-Lea-Francis Connaught Engineering 2:01.9 +10.8
15 38 Regno Unito Lance Macklin HWM-Alta HW Motors 2:02.4 +11.3
16 36 Regno Unito Peter Collins HWM-Alta HW Motors 2:03.1 +12.0
17 30 Belgio Johnny Claes Connaught A-Lea-Francis Ecurie Belge 2:03.9 +12.8
18 32 Regno Unito Ken Wharton Cooper T23-Bristol Privato 2:06.4 +15.3
19 22 Argentina Roberto Mieres Gordini T16 Equipe Gordini 2:08.5 +17.4
DNS 40 Stati Uniti Fred Wacker Gordini T16 Equipe Gordini - -

Gara[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

La gara si volse in condizioni fdifficili, con la pista che offriva poca aderenza. Le Ferrari avevano una migliore tenuta di strada e ancora una volta Ascari condusse dall'inizio alla fine, mentre ci fu aspra lotta tra i suoi compagni di squadra Farina e Villoresi per la seconda piazza. Alla fina prevalse Farina, mentre Villoresi fu costretto al ritiro per problemi all'acceleratore dopo aver segnato il giro più veloce in gara e guadagnato il conseguente punto per il campionato mondiale. Anche González fu costretto al ritiro da un guaio alle sospensioni, ma tre giri dopo salì sull'auto di Bonetto e duellò duramente con Mike Hawthorn, impedendo così un'altra tripletta Ferrari of a 1-2-3, pertanto González e Bonetto si divisero i quattro punti del terzo posto. Fangio si ritirò per la rottura dell'assale posteriore mentre al quarto posto seguiva il terzetto di Ferrari al comando. Toulo de Graffenried fu l'ultimo dei piloti a punti, anrrivando al quinto posto, interrompendo il suo digiuno di punti mondiali che durava dal Gran Premio di Svizzera 1951[1].

L'ottava vittoria consecutiva in campionato di Ascari (sempre ignorando la Indy 500) gli diede un chiaro margine di comando nella classifica, con otto punti di vantaggio su Bill Vukovich, che aveva vinto a Indianapolis, coi più concreti rivali Villoresi e Farina rispettivamente in terza e quarta posizione, respectively. Anche González e Hawthorn erano a pari punti con Farina, a undici punti da Ascari.

Classifica[modifica | modifica sorgente]

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Causa Ritiro Pos. griglia Punti
1 2 Italia Alberto Ascari Ferrari 90 2:53:35.8 1 8
2 6 Italia Nino Farina Ferrari 90 + 10.4 3 6
3 16 Italia Felice Bonetto
Argentina José Froilán González
Maserati 89 + 1 Giro 13 2
2
4 8 Regno Unito Mike Hawthorn Ferrari 89 + 1 Giro 6 3
5 18 Svizzera Toulo de Graffenried Maserati 88 + 2 Giri 7 2
6 24 Francia Maurice Trintignant Gordini 87 + 3 Giri 12  
7 10 Francia Louis Rosier Ferrari 86 + 4 Giri 8  
8 36 Regno Unito Peter Collins HWM-Alta 84 + 6 Giri 16  
9 34 Regno Unito Stirling Moss Connaught-Lea-Francis 83 + 7 Giri 9  
Ret 4 Italia Luigi Villoresi Ferrari 67 Acceleratore 4 1
Ret 28 Regno Unito Kenneth McAlpine Connaught-Lea-Francis 63 Motore 14  
Ret 20 Stati Uniti Harry Schell Gordini 59 Trasmissione 10  
NC 30 Belgio Johnny Claes Connaught-Lea-Francis 52 Non classificato 17  
Ret 12 Argentina Juan Manuel Fangio Maserati 36 Albero motore 2  
Ret 22 Argentina Roberto Mieres Gordini 28 Trasmissione 19  
Ret 14 Argentina José Froilán González Maserati 22 Albero motore 5  
Ret 32 Regno Unito Ken Wharton Cooper-Bristol 19 Problemi fisici 18  
Ret 26 Regno Unito Roy Salvadori Connaught-Lea-Francis 14 Motore 11  
Ret 38 Regno Unito Lance Macklin HWM-Alta 7 Acceleratore 15  

Classifica Mondiale (prime 5 posizioni)[modifica | modifica sorgente]

Pos. Pilota Punti
1 Italia Alberto Ascari 17
2 Stati Uniti Bill Vukovich 9
3 Italia Luigi Villoresi 7
4 Italia Nino Farina 6
Stati Uniti Art Cross 6

Note[modifica | modifica sorgente]

  • Risultati di gara tratti dal sito ufficiale Formula 1.com. URL consultato il 27 settembre 2008.
  • Informazioni aggiuntive da allf1.info. URL consultato il 7 ottobre 2008.
    Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1953
    Flag of Argentina.svg Flag of Indianapolis.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Switzerland (Pantone).svg Flag of Italy.svg
      Fairytale up blue.png

    Edizione precedente:
    1952
    Gran Premio d'Olanda
    Edizione successiva:
    1955
    Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1