Gran Premio d'Italia 2002

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Italia Gran Premio d'Italia 2002
695º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 15 di 17 del Campionato 2002
Monza track map.svg
Data 15 settembre 2002
Circuito Autodromo di Monza
Percorso 5.793 km
circuito permanente
Distanza 53 giri, 306,719 km
Clima sereno
Risultati
Pole position Giro più veloce
Colombia Juan Pablo Montoya Brasile Rubens Barrichello
Williams - BMW in 1'20"264 Ferrari in 1'23"657
(nel giro 15)
Podio
1. Brasile Rubens Barrichello
Ferrari
2. Germania Michael Schumacher
Ferrari
3. Regno Unito Eddie Irvine
Jaguar - Ford

Il Gran Premio d'Italia 2002 è stato un Gran Premio di Formula 1 disputato il 15 settembre 2002 all'autodromo di Monza. La gara fu vinta da Rubens Barrichello su Ferrari, davanti al compagno di squadra Michael Schumacher e ad Eddie Irvine su Jaguar.

Vigilia[modifica | modifica sorgente]

Aspetti sportivi[modifica | modifica sorgente]

Alex Yoong riprese il suo posta alla Minardi dopo essere stato sostituito per due gare dal collaudatore Anthony Davidson.

Aspetti tecnici[modifica | modifica sorgente]

Nella terzultima gara stagionale, sulla veloce pista di Monza, le scuderie si concentrarono principalmente sulla ricerca di un assetto con un bassissimo carico aerodinamico che non penalizzasse troppo le vetture nelle violente frenate che caratterizzano il tracciato italiano. Tutte le squadre portarono in pista alettoni posteriori con profili molto ridotti, mentre alcune scuderie, tra le quali Williams e McLaren, introdussero soluzioni inedite anche per quanto riguardava l'alettone anteriore.[1] Diversi motoristi fornirono ai propri team di riferimento delle versioni potenziate dei rispettivi propulsori; si mise in luce la BMW, che dichiarò di aver fatto raggiungere al proprio motore una potenza massima di 900 cavalli a 19000 giri al minuto.[1]

Prove libere[modifica | modifica sorgente]

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Nella prima sessione di prove di venerdì i risultati furono i seguenti:[2]

Pos No Pilota Costruttore Tempo
1 1 Germania Michael Schumacher Ferrari 1'22"869
2 6 Colombia Juan Pablo Montoya Williams - BMW 1'23"668
3 5 Germania Ralf Schumacher Williams - BMW 1'24"115

Nella seconda sessione di prove di venerdì i risultati furono i seguenti:[2]

Pos No Pilota Costruttore Tempo
1 1 Germania Michael Schumacher Ferrari 1'22"433
2 2 Brasile Rubens Barrichello Ferrari 1'22"658
3 4 Finlandia Kimi Räikkönen McLaren - Mercedes 1'23"016

Nella sessione di prove di sabato mattina i risultati furono i seguenti:[2]

Pos No Pilota Costruttore Tempo
1 6 Colombia Juan Pablo Montoya Williams - BMW 1'21"319
2 1 Germania Michael Schumacher Ferrari 1'21"328
3 2 Brasile Rubens Barrichello Ferrari 1'21"754

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

Montoya sfruttò la grande potenza del motore BMW da qualifica per conquistare la settima pole position stagionale. Il pilota colombiano effettuò la sua migliore prestazione ad una velocità media di 259,827 km/h, la più alta mai fatta registrare su un giro fino a quel momento: il record precedente, 258,983 km/h di media, era stato fatto segnare da Keke Rosberg nelle prove del Gran Premio di Gran Bretagna 1985, alla guida di una Williams - Honda.[3] Alle spalle di Montoya si piazzarono Michael Schumacher, Ralf Schumacher e Barrichello.

Irvine fece segnare la migliore prestazione stagionale per la Jaguar, conquistando la quinta posizione in griglia davanti alle McLaren di Räikkönen (penalizzato per un incidente con Sato durante le prove libere) e Coulthard ed al compagno di squadra De la Rosa. Le Renault, penalizzate dalla scarsa potenza del propulsore, furono relegate nella seconda parte dello schieramento, con Trulli dodicesimo e Button diciassettesimo.

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Pos No Pilota Costruttore Pneumatici Tempo Distacco
1 6 Colombia Juan Pablo Montoya Williams - BMW M 1'20"264
2 1 Germania Michael Schumacher Ferrari B 1'20"521 +0"257
3 5 Germania Ralf Schumacher Williams - BMW M 1'20"542 +0"278
4 2 Brasile Rubens Barrichello Ferrari B 1'20"706 +0"442
5 16 Regno Unito Eddie Irvine Jaguar - Ford M 1'21"606 +1"342
6 4 Finlandia Kimi Räikkönen McLaren - Mercedes M 1'21"712 +1"448
7 3 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes M 1'21"803 +1"539
8 17 Spagna Pedro de la Rosa Jaguar - Ford M 1'21"960 +1"696
9 11 Canada Jacques Villeneuve BAR - Honda B 1'22"126 +1"862
10 24 Finlandia Mika Salo Toyota M 1'22"318 +2"054
11 14 Italia Jarno Trulli Renault M 1'22"383 +2"119
12 9 Italia Giancarlo Fisichella Jordan - Honda B 1'22"515 +2"251
13 25 Regno Unito Allan McNish Toyota M 1'22"521 +2"257
14 8 Brasile Felipe Massa Sauber - Petronas B 1'22"565 +2"301
15 7 Germania Nick Heidfeld Sauber - Petronas B 1'22"601 +2"337
16 12 Francia Olivier Panis BAR - Honda B 1'22"645 +2"381
17 15 Regno Unito Jenson Button Renault M 1'22"714 +2"450
18 10 Giappone Takuma Sato Jordan - Honda B 1'23"166 +2"902
19 23 Australia Mark Webber Minardi - Asiatech M 1'23"794 +3"130
20 22 Malesia Alex Yoong Minardi - Asiatech M 1'25"111 +4"487

Warm up[modifica | modifica sorgente]

Nel warm up di domenica mattina i migliori tempi furono i seguenti:[2]

Pos No Pilota Costruttore Tempo
1 5 Germania Ralf Schumacher Williams - BMW 1'24"480
2 2 Brasile Rubens Barrichello Ferrari 1'24"636
3 6 Colombia Juan Pablo Montoya Williams - BMW 1'24"738

Gara[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

All'avvio del giro di formazione Trulli ebbe un problema che lo costrinse a partire dal fondo dello schieramento. Al via Michael Schumacher scattò meglio di Montoya, che però lo chiuse con decisione. Entrambi furono sopravanzati da Ralf Schumacher, che però tagliò la prima variante, imitato dal compagno di squadra. Più indietro Coulthard tamponò il suo compagno di squadra, rompendo l'alettone anteriore e scivolando nelle retrovie. Al termine del primo passaggio Ralf Schumacher si trovava in testa davanti a Montoya, Barrichello, Michael Schumacher, Räikkönen, Irvine e McNish. Barrichello mise immediatamente pressione a Montoya, che faticò a contenere l'attacco del brasiliano, mentre la Williams comunicò a Ralf Schumacher che, per via del taglio della prima variante subito dopo la partenza, avrebbe dovuto dare strada al compagno di squadra per non incorrere in penalità. Il pilota tedesco eseguì l'ordine nel corso del quinto passaggio, ma pochi attimi dopo il motore della sua Williams cedette, costringendolo al ritiro.

Nel frattempo Barrichello passò Montoya, cominciando subito a girare con un ritmo molto più veloce di quello del rivale. Una tornata più tardi anche Michael Schumacher sopravanzò il colombiano della Williams. Più indietro Panis conquistò la settima posizione ai danni di Salo, entrando in zona punti al 12º passaggio, quando McNish, autore fino a quel momento di un'ottima gara al sesto posto, dovette abbandonare la gara per un guasto ad una sospensione. Al 15º giro Massa e De la Rosa, in lotta per il dodicesimo posto, vennero a contatto: il pilota brasiliano fu ritenuto responsabile della collisione dai commissari, che gli inflissero dieci posizioni di penalità sulla griglia di partenza nel successivo Gran Premio degli Stati Uniti.

Al 19º giro Barrichello, in testa con un vantaggio di oltre sedici secondi sul compagno di squadra, rientrò ai box per la prima sosta, tornando in pista in seconda posizione. Il pilota brasiliano era tra i pochi, insieme a Panis e Heidfeld, ad avere scelto una strategia sulle due soste. Al 28º giro si fermò ai box Michael Schumacher: il pilota tedesco rientrò in pista in seconda posizione davanti a Montoya, che effettuò il proprio rifornimento nel corso del 30º passaggio. Nella stessa tornata sulla McLaren di Räikkönen cedette il motore. Tre giri più tardi anche Montoya fu costretto al ritiro per il cedimento di una sospensione. Dietro a Barrichello e Michael Schumacher vennero quindi a trovarsi Irvine, Panis, Trulli e Button. Al 37º giro Barrichello effettuò il secondo pit stop, rientrando in pista davanti al compagno di squadra. Panis si fermò per la sua seconda sosta al 41º passaggio, scendendo in sesta posizione. Negli ultimi giri i piloti della Ferrari rallentarono per effettuare un arrivo in parata: Barrichello vinse davanti a Schumacher, Irvine (che portò la Jaguar-Ford a podio per la seconda volta dopo il Gran Premio di Monaco dell'anno precedente), Trulli, Button e Panis, che negli ultimi giri resistette agli attacchi del rimontante Coulthard.

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Pos No Pilota Costruttore Pneumatici Giri Tempo/Ritiro e posizione al ritiro Partenza Punti
1 2 Brasile Rubens Barrichello Ferrari B 53 1h16'19"982 4 10
2 1 Germania Michael Schumacher Ferrari B 53 +0"255 2 6
3 16 Regno Unito Eddie Irvine Jaguar - Ford M 53 +52"279 5 4
4 14 Italia Jarno Trulli Renault M 53 +58"219 11 3
5 15 Regno Unito Jenson Button Renault M 53 +1'07"770 17 2
6 12 Francia Olivier Panis BAR - Honda B 53 +1'08"491 16 1
7 3 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes M 53 +1'09"047 7
8 9 Italia Giancarlo Fisichella Jordan - Honda B 53 +1'10"891 12
9 11 Canada Jacques Villeneuve BAR - Honda B 53 +1'21"068 9
10 7 Germania Nick Heidfeld Sauber - Petronas B 53 +1'22"046 15
11 24 Finlandia Mika Salo Toyota M 52 +1 giro 10
12 10 Giappone Takuma Sato Jordan - Honda B 52 +1 giro 18
13 22 Malesia Alex Yoong Minardi - Asiatech M 47 +6 giri 20
Ritirato 6 Colombia Juan Pablo Montoya Williams - BMW M 33 Sospensione (3°) 1
Ritirato 4 Finlandia Kimi Räikkönen McLaren - Mercedes M 29 Motore (4°) 6
Ritirato 23 Australia Mark Webber Minardi - Asiatech M 20 Elettronica (12°) 19
Ritirato 8 Brasile Felipe Massa Sauber - Petronas B 16 Incidente (12°) 14
Ritirato 17 Spagna Pedro de la Rosa Jaguar - Ford M 15 Incidente (12°) 8
Ritirato 25 Regno Unito Allan McNish Toyota M 13 Sospensione (19°) 13
Ritirato 5 Germania Ralf Schumacher Williams - BMW M 4 Motore (3°) 3

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Costruttori[modifica | modifica sorgente]

Pos. Team Punti
1 Ferrari 189
2 Williams - BMW 86
3 McLaren - Mercedes 57
4 Renault 20
5 Sauber - Petronas 11
6 Jaguar - Ford 8
7 Jordan - Honda 7
8 BAR - Honda 6
9 Minardi - Asiatech 2
9 Toyota 2
9 Arrows - Cosworth 2

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Giorgio Piola, «Quattro staccate da gestire». Autosprint n.38, 17-23 settembre 2002, pagg.32-34
  2. ^ a b c d «I tempi delle prove», Autosprint n.38, 17-23 settembre 2002, pag.25
  3. ^ Alberto Sabbatini, «Mai così veloce!». Autosprint n.38, 17-23 settembre 2002, pag.20

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Tutti i dati statistici sono tratti da Autosprint n.38/2002

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2002
Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Austria.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of France.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2001
Gran Premio d'Italia
Edizione successiva:
2003
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1