Gran Premio d'Italia 1982

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Italia Gran Premio d'Italia 1982
372º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 15 di 16 del Campionato 1982
Monza 1976.jpg
Data 12 settembre 1982
Nome ufficiale LIII Gran Premio d'Italia
Circuito Autodromo Nazionale di Monza
Percorso 5,800 km
Circuito stradale
Distanza 52 giri, 301,600 km
Clima Soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Stati Uniti Mario Andretti Francia René Arnoux
Ferrari in 1'28"473 Renault in 1'33.619
(nel giro 25)
Podio
1. Francia René Arnoux
Renault
2. Francia Patrick Tambay
Ferrari
3. Stati Uniti Mario Andretti
Ferrari

Il Gran Premio d'Italia 1982 è stata la quindicesima prova della stagione 1982 del Campionato mondiale di Formula 1. Si è corsa domenica 12 settembre 1982 sul Circuito di Monza. La gara è stata vinta dal francese René Arnoux su [Renault F1|Renault]]; per il vincitore si trattò del quarto successo nel mondiale. Ha preceduto sul traguardo il connazionale Patrick Tambay e lo statunitense Mario Andretti, entrambi su Ferrari.

Vigilia[modifica | modifica sorgente]

Sviluppi futuri[modifica | modifica sorgente]

Mario Andretti tornò alla Scuderia Ferrari per sostituire l'infortunato Didier Pironi.

Prima della penultima gara della stagione 1982, erano già noti gli accordi tra i piloti e le squadre. René Arnoux per la Ferrari, mentre il suo posto in Renault viene preso da Eddie Cheever.

Aspetti sportivi[modifica | modifica sorgente]

Dopo che al Gran Premio di Svizzera la Ferrari non era riuscita a schierare nessuna monoposto, viste le condizioni di Didier Pironi, ormai impossibilitato a riprendere l'attività per l'anno 1982, e il dolore muscolare che aveva afflitto Patrick Tambay, venne prospettata l'ipotesi che la scuderia italiana potesse non partecipare alle ultime due gare stagionali, pur essendo in testa al campionato riservato ai costruttori. Venne comunque avvicinato all'ingaggio il pilota britannico della March Rupert Keegan,[1] anche se la scuderia italiana confermò solo l'interessamento per l'ex campione del mondo Alan Jones. Le condizioni di Tambay, ricoverato in una clinica di Losanna, però erano in miglioramento tanto che non veniva messa in dubbio la sua partecipazione alla gara di Monza.[2]

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

Mario Andretti conquista la pole position per la gioia dei tifosi italiani, davanti Nelson Piquet, Patrick Tambay, Riccardo Patrese, Alain Prost e René Arnoux.

Gara[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

Una fase della partenza.

Al via Piquet prende il comando seguito Tambay e Arnoux , nelle retrovie alla Roggia Henton perde il controllo della sua Tyrrell e va a colpire Warwick e Daly, tutti e tre sono costretti al ritiro. Alla fine del primo giro Tambay e Arnoux superano Piquet e subito dopo Arnoux sul rettilineo del traguardo supera Tambay. Piquet sembra essere in difficoltà e viene superato anche da altri piloti. Al 6º giro si ritira Patrese a causa di un guasto alla frizione mentre era terzo e il giro dopo si ferma il compagno di squadra Piquet a causa dell'ennesimo guasto al motore. Arnoux continua a mantenere il comando seguito da Tambay inseguito da Prost, poi c'è Andretti in 4ª posizione. Al 10º giro Jarier alla frenata della prima variate finisce fuori pista dopo aver perso la ruota posteriore sinistra. Al 27º giro Prost finisce in testacoda alla prima variante ed è costretto al ritiro rinunciando definitivamente alle poche speranze di lottare ancora per il Mondiale. In testa non ci sono cambiamenti, vince Arnoux davanti a Tambay e Andretti. 4° è Watson che può ancora giocarsi il Mondiale con Rosberg, 5° Alboreto, 6° Cheever.

Risultati[modifica | modifica sorgente]

I risultati del gran premio[3] furono i seguenti:

Pos No Pliota Team Giri Tempo Pos.Griglia Punti
1 16 Francia René Arnoux Renault 52 1:22:25.734 6 9
2 27 Francia Patrick Tambay Ferrari 52 + 14.064 3 6
3 28 Stati Uniti Mario Andretti Ferrari 52 + 48.452 1 4
4 7 Regno Unito John Watson McLaren-Ford 52 + 1:27.845 12 3
5 3 Italia Michele Alboreto Tyrrell-Ford 51 + 1 giro 11 2
6 25 Stati Uniti Eddie Cheever Ligier-Matra 51 + 1 giro 14 1
7 12 Regno Unito Nigel Mansell Lotus-Ford 51 + 1 giro 23  
8 6 Finlandia Keke Rosberg Williams-Ford 50 + 2 giri 7  
9 10 Cile Eliseo Salazar ATS-Ford 50 + 2 giri 25  
10 22 Italia Andrea de Cesaris Alfa Romeo 50 + 2 giri 9  
11 20 Brasile Chico Serra Fittipaldi-Ford 49 + 3 giri 26  
12 30 Italia Mauro Baldi Arrows-Ford 49 + 3 giri 24  
NC 14 Colombia Roberto Guerrero Ensign-Ford 40 Non classificato 18  
Ret 11 Italia Elio de Angelis Lotus-Ford 33 Cambio 17  
Ret 23 Italia Bruno Giacomelli Alfa Romeo 32 Tenuta di strada 8  
Ret 29 Svizzera Marc Surer Arrows-Ford 28 Alimentazione 19  
Ret 15 Francia Alain Prost Renault 27 Iniezione 5  
Ret 8 Austria Niki Lauda McLaren-Ford 21 Freni 10  
Ret 31 Francia Jean-Pierre Jarier Osella-Ford 10 Ruota 15  
Ret 1 Brasile Nelson Piquet Brabham-BMW 7 Motore 2  
Ret 2 Italia Riccardo Patrese Brabham-BMW 6 Frizione 4  
Ret 26 Francia Jacques Laffite Ligier-Matra 5 Cambio 21  
Ret 36 Italia Teo Fabi Toleman-Hart 2 Motore 22  
Ret 5 Irlanda Derek Daly Williams-Ford 0 Collisione 13  
Ret 35 Regno Unito Derek Warwick Toleman-Hart 0 Collisione 16  
Ret 4 Regno Unito Brian Henton Tyrrell-Ford 0 Collisione 20  
DNQ 17 Stati Uniti Rupert Keegan March-Ford    
DNQ 9 Germania Manfred Winkelhock ATS-Ford    
DNQ 18 Brasile Raul Boesel March-Ford    
DNQ 33 Irlanda Tommy Byrne Theodore-Ford        

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ercole Colombo, Ferrari ancora in cerca di un pilota adesso si parla dell'inglese Keegan in Stampa Sera, 30 agosto 1982, p. 16.
  2. ^ Cristiano Chiavegato, Ferrari, caccia a un pilota? in La Stampa, 31 agosto 1982, p. 19.
  3. ^ Risultati del gran premio
Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1982
Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of the United States.svg Flag of San Marino.svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of France.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Switzerland (Pantone).svg Flag of Italy.svg Flag of Las Vegas, Nevada.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1981
Gran Premio d'Italia
Edizione successiva:
1983
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1