Gran Premio d'Italia 1955

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Italia Gran Premio d'Italia 1955
48º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 7 di 7 del Campionato 1955
Il circuito di Monza
Il circuito di Monza
Data 11 settembre 1955
Nome ufficiale 26º Gran Premio d'Italia
Circuito Autodromo Nazionale Monza
Percorso 10 km
Distanza 50 giri, 500 km
Clima Sereno
Risultati
Pole position Giro più veloce
Argentina Juan Manuel Fangio Gran Bretagna Stirling Moss
Mercedes in 2'46.5 Mercedes in 2'46.9
Podio
1. Argentina Juan Manuel Fangio
Mercedes
2. Italia Piero Taruffi
Mercedes
3. Italia Eugenio Castellotti
Ferrari

Il Gran Premio d'Italia 1955 fu la settima ed ultima gara della stagione 1955 del Campionato mondiale di Formula 1, disputata l'11 settembre all'Autodromo Nazionale di Monza. La manifestazione vide la vittoria di Juan Manuel Fangio su Mercedes, seguito dal compagno di squadra Piero Taruffi e da Eugenio Castellotti su Ferrari.

La cronaca[modifica | modifica sorgente]

Il 26 luglio la Lancia che aveva deciso per il ritiro dalle competizioni a seguito della morte di Alberto Ascari, aveva ceduto tutto il materiale residuo alla Scuderia Ferrari. Quest'ultima decise quindi di portare a Monza quattro Lancia D50, una delle quali con funzioni di muletto: le tre unità da gara sono affidate ad Eugenio Castellotti, a Nino Farina ed a Luigi Villoresi. Oltre a queste, la scuderia iscrisse anche tre Ferrari 625.

Il responso delle prove assegna un margine notevole alle Mercedes-Benz, che segnano i migliori tempi con Juan Manuel Fangio (già matematicamente Campione del Mondo 1955 e poleman della gara), Stirling Moss e Karl Kling. Dal canto loro, le D50 si comportano onorevolmente: Castellotti segna il quarto tempo, Farina il quinto, Villoresi l'ottavo. La migliore tra le Ferrari 4 cilindri del tipo 625 è appena dodicesima, con Umberto Maglioli. Purtroppo però le D50, che in questa occasione adottano le gomme Englebert utilizzate dalla Ferrari ma che finora hanno sempre montato gomme Pirelli, sono vittime di molteplici dechappaggi; la Ferrari può soltanto utilizzare gli pneumatici contrattualmente previsti, per cui alla fine si finisce con l'optare per il ritiro delle D50 dalla corsa, preferendo giustamente evitare qualsiasi rischio.

Eugenio Castellotti, comunque, prende il via utilizzando una Ferrari 625, un muletto con cui ha partecipato ad una parte delle prove, ponendosi al 4º posto dello schieramento e sfruttando così la prestazione ottenuta con la D50 (una mossa consentita dal regolamento in vigore).

Il Gran Premio, che quell'anno si corse lungo il circuito completo di km 10 comprendente l'anello di alta velocità appena ultimato, viene dominato dalla Mercedes di Juan Manuel Fangio, che parte dalla pole position e non abbandona più la posizione di testa fino al termine della galoppata di 50 giri per 500 chilometri. La Mercedes (che mette in lizza le vetture del tipo carenato) fa corsa a sé e Piero Taruffi, dopo i ritiri di Moss e di Kling, ottiene un bel secondo posto; terzo Castellotti con la Ferrari 625.

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

Pos Pilota Auto Squadra Tempo Distacco
1 18 Argentina Juan Manuel Fangio Mercedes-Benz W196 Daimler-Benz AG 2:46.5 -
2 16 Regno Unito Stirling Moss Mercedes W196 Daimler-Benz AG 2:46.8 +0.3
3 20 Germania Karl Kling Mercedes W196 Daimler-Benz AG 2:48.3 +1.8
4 4 Italia Eugenio Castellotti Ferrari 555 Scuderia Ferrari 2:49.6 +3.1
5 2 Italia Nino Farina Ferrari-Lancia D50 Scuderia Ferrari 2:49.9 +3.4
6 36 Francia Jean Behra Maserati 250F Officine Alfieri Maserati 2:50.1 +3.7
7 28 Argentina Roberto Mieres Maserati 250F Officine Alfieri Maserati 2:51.1 +4.6
8 10 Italia Luigi Villoresi Ferrari D50 Scuderia Ferrari 2:51.6 +5.1
9 14 Italia Piero Taruffi Mercedes W196 Daimler-Benz AG 2:51.8 +5.3
10 30 Italia Luigi Musso Maserati 250F Officine Alfieri Maserati 2:52.1 +6.6
11 32 Regno Unito Peter Collins Maserati 250F Officine Alfieri Maserati 2:55.3 +8.8
12 12 Italia Umberto Maglioli Ferrari 555 Scuderia Ferrari 2:55.4 +8.9
13 42 Stati Uniti Harry Schell Vanwall Vandervell Products Ltd 2:55.5 +9.0
14 6 Regno Unito Mike Hawthorn Ferrari 555 Scuderia Ferrari 2:56.2 +9.7
15 8 Francia Maurice Trintignant Ferrari 555 Scuderia Ferrari 2:56.3 +9.8
16 34 Argentina Carlos Menditeguy Maserati 250F Officine Alfieri Maserati 2:58.4 +11.9
17 44 Regno Unito Ken Wharton Vanwall Vandervell Products Ltd 2:59.5 +13.0
18 22 Brasile Hernando da Silva Ramos Gordini T16 Equipe Gordini 2:59.8 +13.3
19 26 Francia Jacques Pollet Gordini T16 Equipe Gordini 2:59.9 +13.4
20 40 Stati Uniti John Fitch Maserati 250F Stirling Moss Ltd 3:03.1 +16.6
21 38 Regno Unito Horace Gould Maserati 250F Officine Alfieri Maserati 3:05.2 +18.7
22 24 Francia Jean Lucas Gordini T32 Equipe Gordini 3:15.9 +29.4
23 46 Italia Luigi Piotti Arzani-Volpini F1-Maserati Scuderia Volpini - +

Gara[modifica | modifica sorgente]

Pos Pilota Auto Giri Tempo/Causa Ritiro Pos. griglia Punti
1 18 Argentina Juan Manuel Fangio Mercedes 50 1:25:04.4 1 8
2 14 Italia Piero Taruffi Mercedes 50 +0.7 9 6
3 4 Italia Eugenio Castellotti Ferrari 50 +46.2 4 4
4 36 Francia Jean Behra Maserati 50 +3:57.5 6 3
5 34 Argentina Carlos Menditeguy Maserati 49 +1 Giro 16 2
6 12 Italia Umberto Maglioli Ferrari 49 +1 Giro 12
7 28 Argentina Roberto Mieres Maserati 48 +2 Giri 7
8 8 Francia Maurice Trintignant Ferrari 47 +3 Giri 15
9 40 Stati Uniti John Fitch Maserati 46 +4 Giri 20
10 6 Regno Unito Mike Hawthorn Ferrari 38 Cambio 14
Ret 20 Germania Karl Kling Mercedes 32 Cambio 3
Ret 30 Italia Luigi Musso Maserati 31 Cambio 10
Ret 38 Regno Unito Horace Gould Maserati 31 Sospensioni 21
Ret 16 Regno Unito Stirling Moss Mercedes 27 Motore 2 1
Ret 26 Francia Jacques Pollet Gordini 26 Motore 19
Ret 22 Brasile Hernando da Silva Ramos Gordini 23 Sistema alim. carburante 18
Ret 32 Regno Unito Peter Collins Maserati 22 Sospensioni 11
Ret 42 Stati Uniti Harry Schell Vanwall 7 Sospensioni 13
Ret 24 Francia Jean Lucas Gordini 7 Motore 22
Ret 44 Regno Unito Ken Wharton Vanwall 0 Accensione 17
DNS 2 Italia Nino Farina Ferrari Gomme 5
DNS 10 Italia Luigi Villoresi Ferrari Gomme 8
DNS 46 Italia Luigi Piotti Arzani-Volpini-Maserati Motore

Note[modifica | modifica sorgente]

  • Risultati di gara tratti dal sito ufficiale Formula 1.com. URL consultato il 24 ottobre 2008.
  • Informazioni qualifiche da f1db.com. URL consultato il 24 ottobre 2008.
  • Informazioni aggiuntive da allf1.info. URL consultato il 24 ottobre 2008.
Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1955
Flag of Argentina.svg Flag of Monaco.svg Flag of Indianapolis.svg Flag of Belgium.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Italy.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1954
Gran Premio d'Italia
Edizione successiva:
1956
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1