Gran Premio d'Australia 1994

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Australia Gran Premio d'Australia 1994
564º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 16 di 16 del Campionato 1994
Adelaide (long route).svg
Data 13 novembre 1994
Nome ufficiale LIX Australian Grand Prix
Circuito Circuito di Adelaide
Percorso 3.780 km / 2.362 US mi
Circuito cittadino
Distanza 81 giri, 306.180 km/ 191.362 US mi
Clima Soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito Nigel Mansell Germania Michael Schumacher
Williams-Renault in 1:16.179 Benetton-Ford in 1:17.140
(nel giro 29)
Podio
1. Regno Unito Nigel Mansell
Williams-Renault
2. Austria Gerhard Berger
Ferrari
3. Regno Unito Martin Brundle
McLaren-Peugeot

Il Gran Premio d'Australia 1994 fu una gara di Formula 1, disputatasi il 13 novembre 1994 sul Circuito di Adelaide. Fu la sedicesima ed ultima prova del mondiale 1994 e vide la vittoria di Nigel Mansell. Il mondiale fu vinto da Michael Schumacher su Benetton-Ford. Fu anche l'ultimo gran premio disputato dalla Lotus.

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

Pos N Pilota Costruttore/Motore Tempo Gap
1 2 Regno Unito Nigel Mansell Williams-Renault 1:16.179
2 5 Germania Michael Schumacher Benetton-Ford 1:16.197 +0.018
3 0 Regno Unito Damon Hill Williams-Renault 1:16.830 +0.651
4 7 Finlandia Mika Häkkinen McLaren-Peugeot 1:16.992 +0.813
5 14 Brasile Rubens Barrichello Jordan-Hart 1:17.537 +1.358
6 15 Regno Unito Eddie Irvine Jordan-Hart 1:17.667 +1.488
7 6 Regno Unito Johnny Herbert Benetton-Ford 1:17.727 +1.548
8 27 Francia Jean Alesi Ferrari 1:17.801 +1.622
9 8 Regno Unito Martin Brundle McLaren-Peugeot 1:17.950 +1.771
10 30 Germania Heinz-Harald Frentzen Sauber-Mercedes 1:17.962 +1.783
11 28 Austria Gerhard Berger Ferrari 1:18.070 +1.891
12 26 Francia Olivier Panis Ligier-Renault 1:18.072 +1.893
13 4 Regno Unito Mark Blundell Tyrrell-Yamaha 1:18.237 +2.058
14 12 Italia Alessandro Zanardi Lotus-Mugen-Honda 1:18.331 +2.152
15 3 Giappone Ukyo Katayama Tyrrell-Yamaha 1:18.411 +2.232
16 24 Italia Michele Alboreto Minardi-Ford 1:18.755 +2.576
17 29 Finlandia Jyrki Järvilehto Sauber-Mercedes 1:18.806 +2.627
18 23 Italia Pierluigi Martini Minardi-Ford 1:18.957 +2.778
19 9 Brasile Christian Fittipaldi Footwork-Ford 1:19.061 +2.882
20 25 Francia Franck Lagorce Ligier-Renault 1:19.153 +2.974
21 10 Italia Gianni Morbidelli Footwork-Ford 1:19.610 +3.431
22 11 Finlandia Mika Salo Lotus-Mugen-Honda 1:19.844 +3.665
23 19 Giappone Hideki Noda Larrousse-Ford 1:20.145 +3.966
24 31 Australia David Brabham Simtek-Ford 1:20.442 +4.263
25 20 Svizzera Jean-Denis Délétraz Larrousse-Ford 1:22.422 +6.243
26 32 Italia Domenico Schiattarella Simtek-Ford 1:22.529 +6.350
DNQ 33 Francia Paul Belmondo Pacific-Ilmor 1:24.087 +7.908
DNQ 34 Belgio Bertrand Gachot Pacific-Ilmor 7:40.317 +6:42.138

Gara[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

Al via sia Schumacher che Hill riescono a scavalcare Mansell, portandosi quindi in prima e seconda posizione; posizione mantenuta anche dopo il primo pit-stop. Al 35º giro il pilota tedesco va fuori pista alla curva East Terrace, urta il muretto con la gomma anteriore destra e danneggia la sospensione; rientrando in pista, chiude la traiettoria al sopraggiungente Damon Hill, causando un contatto. La vettura di Schumacher si solleva da terra, ricade nella via di fuga e si scontra con un muretto. Il tedesco si ritira, mentre Hill tenta di continuare: raggiunge i box a fatica, ma è costretto al ritiro per via di un grave danno al braccio del quadrilatero della sospensione anteriore sinistra. Schumacher conquista così il suo primo titolo. L'incidente, al centro di numerose polemiche sulla presunta intenzionalità del pilota tedesco di danneggiare volontariamente il suo rivale, fu giudicato un normale contatto di gara.[1]
La gara vide la vittoria di Mansell, che conquistò così l'ultima delle sue 31 vittorie in F1, nel suo ultimo gran premio.[2]

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Pos N. Pilota Costruttore/Motore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 2 Regno Unito Nigel Mansell Williams-Renault 81 1:47:51.480 1 10
2 28 Austria Gerhard Berger Ferrari 81 +2.511 11 6
3 8 Regno Unito Martin Brundle McLaren-Peugeot 81 +52.487 9 4
4 14 Brasile Rubens Barrichello Jordan-Hart 81 +1:10.530 5 3
5 26 Francia Olivier Panis Ligier-Renault 80 +1 Giro 12 2
6 27 Francia Jean Alesi Ferrari 80 +1 Giro 8 1
7 30 Germania Heinz-Harald Frentzen Sauber-Mercedes 80 +1 Giro 10  
8 9 Brasile Christian Fittipaldi Footwork-Ford 80 +1 Giro 19  
9 23 Italia Pierluigi Martini Minardi-Ford 79 +2 Giri 18  
10 29 Finlandia Jyrki Järvilehto Sauber-Mercedes 79 +2 Giri 17  
11 25 Francia Franck Lagorce Ligier-Renault 79 +2 Giri 20  
12 7 Finlandia Mika Häkkinen McLaren-Peugeot 76 Freni 4  
Ret 24 Italia Michele Alboreto Minardi-Ford 69 Sospensioni 16  
Ret 4 Regno Unito Mark Blundell Tyrrell-Yamaha 66 Incidente 13  
Ret 20 Svizzera Jean-Denis Délétraz Larrousse-Ford 56 Cambio 25  
Ret 11 Finlandia Mika Salo Lotus-Mugen-Honda 49 Problema elettrico 22  
Ret 31 Australia David Brabham Simtek-Ford 49 Motore 24  
Ret 12 Italia Alessandro Zanardi Lotus-Mugen-Honda 40 Acceleratore 14  
Ret 0 Regno Unito Damon Hill Williams-Renault 35 Collisione 3  
Ret 5 Germania Michael Schumacher Benetton-Ford 35 Collisione 2  
Ret 32 Italia Domenico Schiattarella Simtek-Ford 21 Cambio 26  
Ret 3 Giappone Ukyo Katayama Tyrrell-Yamaha 19 Testacoda 15  
Ret 19 Giappone Hideki Noda Larrousse-Ford 18 Perdita olio 23  
Ret 10 Italia Gianni Morbidelli Footwork-Ford 17 Perdita olio 21  
Ret 15 Regno Unito Eddie Irvine Jordan-Hart 15 Testacoda 6  
Ret 6 Regno Unito Johnny Herbert Benetton-Ford 13 Cambio 7  
DNQ 34 Belgio Bertrand Gachot Pacific-Ilmor    
DNQ 33 Francia Paul Belmondo Pacific-Ilmor    

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Storia della Formula 1: il contatto tra Schumacher e Hill che decise il Mondiale 1994, 17 maggio 2008. URL consultato il 15 gennaio 2014.
  2. ^ Gran Premio d'Australia 1994: L'ultimo Ruggito del Leone. URL consultato il 15 gennaio 1994.

Salvo indicazioni diverse le classifiche sono tratte da Sito di The Official Formula 1. URL consultato il 13 maggio 2009.

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1994
Flag of Brazil.svg Flag of the Pacific Community.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Europe.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1993
Gran Premio d'Australia
Edizione successiva:
1995
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1