Gran Premio d'Australia 1991

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Australia Gran Premio d'Australia 1991
516º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 16 di 16 del Campionato 1991
Adelaide (long route).svg
Data 3 novembre 1991
Circuito Circuito di Adelaide
Percorso 3,780 km / 2,362 US mi
circuito cittadino
Distanza 14 (81)[1] giri, 52,920 (306,180)[1] km/ 32,880 [1] US mi
Clima pioggia
Note Gara interrotta per pioggia e incidenti al 14º giro con punteggi finali dimezzati
Risultati
Pole position Giro più veloce
Brasile Ayrton Senna Austria Gerhard Berger
McLaren - Honda in 1:14,041 McLaren - Honda in 1:41,141
(nel giro 14)
Podio
1. Brasile Ayrton Senna
McLaren - Honda
2. Regno Unito Nigel Mansell
Williams - Renault
3. Austria Gerhard Berger
McLaren - Honda

Il Gran Premio d'Australia 1991 è stato un Gran Premio di Formula 1 disputato il 3 novembre 1991 sul circuito cittadino di Adelaide. La gara è stata interrotta dopo soli sedici giri sugli ottantuno previsti per via di avverse condizioni meteo; la classifica finale è stata stilata in base all'ordine dei piloti al termine della 14ª tornata, rendendo la gara il più corto Gran Premio di Formula 1 mai disputato.

La gara è stata vinta da Ayrton Senna, su McLaren, davanti a Mansell e Berger; il pilota inglese non partecipa però alla cerimonia del podio dopo essersi ferito in un incidente nelle ultime fasi della corsa. Essendo stato percorso meno del 75% della distanza originariamente prevista, i piloti e le scuderie ricevono solo metà del punteggio.

Prima della gara[modifica | modifica wikitesto]

Prove e qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Sia le prove che le qualifiche si svolgono con pista asciutta e sole. Nelle prequalifiche rimangono esclusi Tarquini e Hattori; il primo è rallentato dalla rottura della sospensione posteriore destra, che ne limita il tempo in pista, mentre il secondo fallisce nell'impresa di prequalificare la sua Coloni, cosa mai riuscita al piccolo team italiano in tutta la stagione 1991. Per Hattori si tratta dell'ultima apparizione in Formula 1.

Nella sessione principale di qualifica Suzuki ha un violento incidente alla prima curva; il tempo perso per le riparazioni contribuisce alla sua mancata qualifica. Anche il nuovo compagno di squadra del giapponese, Gachot, non si qualifica per il Gran Premio. Non si qualificano neanche van de Poele e Brundle.

Nelle prime posizioni, la McLaren conquista l'intera prima fila, con Senna in pole position davanti al compagno di squadra Berger; i piloti di Williams e Benetton si dividono rispettivamente seconda e terza fila, con Mansell terzo davanti a Patrese e Piquet quinto davanti a Schumacher.

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos No Pilota Costruttore Tempo Distacco
1 1 Brasile Ayrton Senna McLaren - Honda 1:14.041
2 2 Austria Gerhard Berger McLaren - Honda 1:14.385 +0.344
3 5 Regno Unito Nigel Mansell Williams - Renault 1:14.822 +0.781
4 6 Italia Riccardo Patrese Williams - Renault 1:15.057 +1.016
5 20 Brasile Nelson Piquet Benetton - Ford 1:15.291 +1.250
6 19 Germania Michael Schumacher Benetton - Ford 1:15.508 +1.467
7 28 Francia Jean Alesi Ferrari 1:15.545 +1.504
8 27 Italia Gianni Morbidelli Ferrari 1:16.203 +2.162
9 4 Italia Stefano Modena Tyrrell - Honda 1:16.253 +2.212
10 23 Italia Pierluigi Martini Minardi - Ferrari 1:16.359 +2.318
11 22 Finlandia Jyrki Järvilehto Scuderia Italia - Judd 1:16.871 +2.830
12 33 Italia Andrea de Cesaris Jordan - Ford 1:17.050 +3.009
13 21 Italia Emanuele Pirro Scuderia Italia - Judd 1:17.342 +3.301
14 15 Brasile Maurício Gugelmin Leyton House - Ilmor 1:17.344 +3.303
15 9 Italia Michele Alboreto Footwork - Ford 1:17.355 +3.314
16 32 Italia Alessandro Zanardi Jordan - Ford 1:17.362 +3.321
17 8 Regno Unito Mark Blundell Brabham - Yamaha 1:17.365 +3.324
18 24 Brasile Roberto Moreno Minardi - Ferrari 1:17.639 +3.598
19 34 Italia Nicola Larini Modena Team - Lamborghini 1:17.936 +3.895
20 25 Belgio Thierry Boutsen Ligier - Lamborghini 1:17.969 +3.958
21 12 Regno Unito Johnny Herbert Lotus - Judd 1:18.091 +4.050
22 26 Francia Érik Comas Ligier - Lamborghini 1:18.112 +4.071
23 10 Italia Alex Caffi Footwork - Ford 1:18.157 +4.116
24 3 Giappone Satoru Nakajima Tyrrell - Honda 1:18.216 +4.175
25 11 Finlandia Mika Häkkinen Lotus - Judd 1:18.271 +4.230
26 16 Austria Karl Wendlinger Leyton House - Ilmor 1:18.282 +4.241
NQ 30 Giappone Aguri Suzuki Larrousse - Ford 1:18.393 +4.352
NQ 7 Regno Unito Martin Brundle Brabham - Yamaha 1:18.855 +4.814
NQ 35 Belgio Eric van de Poele Modena Team - Lamborghini 1:19.000 +4.959
NQ 29 Belgio Bertrand Gachot Larrousse - Ford 1:19.274 +5.233
NPQ 14 Italia Gabriele Tarquini Fondmetal - Ford 1:18.184 +4.143
NPQ 31 Giappone Naoki Hattori Coloni - Ford 1:22.852 +8.811

Gara[modifica | modifica wikitesto]

La gara parte sotto una pioggia torrenziale, ma il via si svolge senza incidenti; Senna mantiene la testa della corsa, davanti a Berger e Mansell, mentre Patrese perde due posizioni. Al terzo giro Berger esce di pista, cedendo la posizione a Mansell; l'inglese recupera rapidamente su Senna, ma non riesce a superarlo, in parte a causa delle bandiere gialle esposte per i diversi incidenti. Al sesto giro, ad esempio, Mansell tenta di attaccare il rivale sul rettilineo Brabham, ma deve rinunciare per via delle bandiere gialle esposte per segnalare la presenza delle vetture incidentate di Larini e Alesi, usciti di pista a poca distanza l'uno dall'altro.

La pioggia aumenta ancora di intensità e al 10º passaggio la Minardi di Martini va in acquaplaning sul rettilineo Brabham; la vettura dell'italiano attraversa tutta la pista prima di uscire dalla traiettoria.

Nel frattempo, Patrese ha difficoltà nel controllare la propria vettura, sotto la quale si è infilato l'alettone anteriore di un'altra vettura; l'italiano riesce però a rimanere in pista, mentre il suo compagno di squadra Mansell va a sbattere contro le barriere nel rettilineo di Wakefield Road, nel corso del 16º passaggio. Anche Alboreto esce di strada nel corso del 15º giro, così come Modena, che rimane però in gara. Al termine della 16a tornata anche Berger, che era appena riuscito a rientrare sul tracciato dopo un'uscita di pista alla curva Malthouse, finisce nella via di fuga. Passando sul traguardo, Senna rivolge degli evidenti gesti ai commissari di gara, chiedendo la sospensione della corsa[3]. Pochi istanti più tardi, mentre il brasiliano sta percorrendo il 17º passaggio, la gara viene interrotta; alla fine del giro precedente, Senna era in testa davanti a Piquet, Morbidelli, de Cesaris, Zanardi e Modena.

Nonostante le regole in vigore nel 1991 imponessero di stilare la classifica finale in base a quella del giro precedente l'interruzione della gara, i commissari di gara decidono di tornare indietro al 14º giro; un avvenimento simile si sarebbe verificato nel controverso Gran Premio del Brasile 2003, il cui ordine d'arrivo fu determinato dal sistema di cronometraggio un giro prima del dovuto.

Inizialmente si pensa di far ripartire la gara, tanto che i commissari mostrano il segnale di dieci minuti dal via[3]; tuttavia, dopo veementi proteste da parte di Senna e Patrese presso gli stessi commissari, la gara viene sospesa definitivamente. Senna è quindi dichiarato vincitore davanti a Mansell, Berger, Piquet, Patrese e Morbidelli[4]; in parco chiuso commenterà: "Questa non è stata una corsa. Bisognava solo pensare a stare in pista e non era proprio il caso di spingere"[5].

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos No Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Partenza Punti
1 1 Brasile Ayrton Senna McLaren - Honda 14 24:34.899 1 5
2 5 Regno Unito Nigel Mansell Williams - Renault 14 + 1.259 3 3
3 2 Austria Gerhard Berger McLaren - Honda 14 + 5.120 2 2
4 20 Brasile Nelson Piquet Benetton - Ford 14 + 30.103 5 1,5
5 6 Italia Riccardo Patrese Williams - Renault 14 + 50.537 4 1
6 27 Italia Gianni Morbidelli Ferrari 14 + 51.069 8 0,5
7 21 Italia Emanuele Pirro Scuderia Italia - Judd 14 + 52.361 13
8 33 Italia Andrea de Cesaris Jordan - Ford 14 + 1:00.431 12
9 32 Italia Alessandro Zanardi Jordan - Ford 14 + 1:15.567 16
10 4 Italia Stefano Modena Tyrrell - Honda 14 + 1:20.370 9
11 12 Regno Unito Johnny Herbert Lotus - Judd 14 + 1:22.073 21
12 22 Finlandia Jyrki Järvilehto Scuderia Italia - Judd 14 + 1:38.519 11
13 9 Italia Michele Alboreto Footwork - Ford 14 + 1:39.303 15
14 15 Brasile Maurício Gugelmin Leyton House - Ilmor 13 + 1 giro 14
15 10 Italia Alex Caffi Footwork - Ford 13 + 1 giro 23
16 24 Brasile Roberto Moreno Minardi - Ferrari 13 + 1 giro 18
17 8 Regno Unito Mark Blundell Brabham - Yamaha 13 + 1 giro 17
18 26 Francia Érik Comas Ligier - Lamborghini 13 + 1 giro 22
19 11 Finlandia Mika Häkkinen Lotus - Judd 13 + 2 giri 25
20 16 Austria Karl Wendlinger Leyton House - Ilmor 12 + 2 giri 26
Ritirato 23 Italia Pierluigi Martini Minardi - Ferrari 8 Uscita di pista 10
Ritirato 19 Germania Michael Schumacher Benetton - Ford 5 Uscita di pista 6
Ritirato 28 Francia Jean Alesi Ferrari 5 Incidente 7
Ritirato 34 Italia Nicola Larini Modena Team - Lamborghini 5 Uscita di pista 19
Ritirato 25 Belgio Thierry Boutsen Ligier - Lamborghini 5 Incidente 20
Ritirato 3 Giappone Satoru Nakajima Tyrrell - Honda 4 Uscita di pista 24
NQ 30 Giappone Aguri Suzuki Larrousse - Ford
NQ 7 Regno Unito Martin Brundle Brabham - Yamaha
NQ 35 Belgio Eric van de Poele Modena Team - Lamborghini
NQ 29 Belgio Bertrand Gachot Larrousse - Ford
NPQ 14 Italia Gabriele Tarquini Fondmetal - Ford
NPQ 31 Giappone Naoki Hattori Coloni - Ford
  • - Ordine d'arrivo dopo quattordici giri di gara; i piloti ne completano 16 in tutto.

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Team Punti
1 Regno Unito McLaren - Honda 139
2 Regno Unito Williams - Renault 125
3 Italia Ferrari 55,5
4 Regno Unito Benetton - Ford 38,5
5 Irlanda Jordan - Ford 13
6 Regno Unito Tyrrell - Honda 12
7 Italia Minardi - Ferrari 6
8 Italia Scuderia Italia - Judd 5
9 Regno Unito Lotus - Judd 3
9 Regno Unito Brabham - Yamaha 3
11 Francia Larrousse - Ford 2
12 Regno Unito Leyton House - Ilmor 1

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c La gara viene sospesa dopo sedici giri per la pioggia torrenziale che si abbatte sul circuito; la classifica finale viene stabilita in base all'ordine dei piloti dopo quattordici giri di gara
  2. ^ (EN) Sports People: Auto Racing; Prost is dropped from Ferrari team in The New York Times, 30 ottobre 1991. URL consultato il 24/05/2009.
  3. ^ a b  Walker, Murray (Commentatore). Classic F1 - Australian Grand Prix 1991. BBC, London, England. URL consultato in data 2009-03-241991-11-03.
  4. ^ The Official Formula 1 Website. URL consultato il 24 maggio 2009.
  5. ^ Acqua, sabbia e neve: quando la natura si ribella alla Formula 1, F1WEB.it, 19 dicembre 2011. URL consultato il 04 gennaio 2012.
Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1991
Flag of the United States.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Mexico.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1990
Gran Premio d'Australia
Edizione successiva:
1992
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1