Gran Premio d'Argentina 1955

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Argentina Gran Premio d'Argentina 1955
42º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 1 di 7 del Campionato 1955
Il circuito di Buenos Aires
Il circuito di Buenos Aires
Data 16 gennaio 1955
Nome ufficiale III Gran Premio de la Republica Argentina
Circuito Circuito di Buenos Aires
Percorso 3,912 km
Distanza 96 giri, 375,587 km
Clima Sereno, caldo torrido
Risultati
Pole position Giro più veloce
Argentina José Froilán González Argentina Juan Manuel Fangio
Ferrari in 1'43.1 Mercedes in 1'48.3
Podio
1. Argentina Juan Manuel Fangio
Mercedes
2. Argentina [[José Froilán González

Italia Nino Farina

Francia Maurice Trintignant]]
Ferrari
3. Italia [[Nino Farina

Francia Maurice Trintignant

Italia Umberto Maglioli]]
Ferrari

Il Gran Premio d'Argentina 1955 fu la prima gara della stagione 1955 del Campionato mondiale di Formula 1, disputata il 16 gennaio sul Circuito di Buenos Aires.

La manifestazione fu vinta da Juan Manuel Fangio su Mercedes.

A causa del caldo torrido (circa 35 °C all'ombra e 55° in pista) molti piloti si avvicendarono sulle vetture durante la gara creando situazioni curiose nella classificazione finale: al secondo posto terminarono González, Farina e Trintignant su Ferrari. Sul gradino più basso del podio di nuovo Farina e Trintignant insieme a Maglioli sempre alla guida di una Ferrari.

La gara[modifica | modifica wikitesto]

Nelle prove ufficiali, Alberto Ascari spreme ciò che può dalla sua Lancia D50 ma la pole position va alla Ferrari di Froilan Gonzalez. Ascari segna un tempo di mezzo secondo superiore ed è in seconda posizione, affiancato da Juan Manuel Fangio su Mercedes, quarta la Maserati di Jean Behra.

La Mercedes di Juan Manuel Fangio è la più lesta al via e si porta in testa, seguita dalla Ferrari di Gonzalez e dalla D50 di Ascari. Al 3º giro inaugura la serie dei ritiri delle Lancia la D50 di Villoresi, che accusa la rottura dei condotti del carburante. Al termine del quarto giro, Gonzalez forza l'andatura e supera Fangio, mantenendo il comando fino al 10º giro. In questa fase, anche Ascari supera Fangio, cosicché al termine del 10º giro abbiamo questa situazione: 1° Gonzalez (Ferrari), 2° Ascari (Lancia) a 1”9/10, 3° Fangio (Mercedes) a 3”8/10 e 4° Moss (Mercedes) a 9”9/10. Eugenio Castellotti prosegue attardatissimo, anche perché sofferente a causa dell'elevata temperatura. All'11º giro, Ascari supera Gonzalez e si porta al primo posto; frattanto, al 16º giro, Eugenio Castellotti, vittima di una insolazione, non riesce a proseguire, si ferma al box e cede la sua vettura all'appiedato Villoresi. Non sarà che uno dei numerosissimi avvicendamenti di piloti alla guida di una macchina: a causa del caldo, infatti, soltanto Juan Manuel Fangio e Roberto Mieres riusciranno stoicamente a completare il Gran Premio senza farsi dare cambi. La D50 di Ascari riesce con un po' di fatica a mantenere la testa e la situazione, al termine di 20 giri, lo vede al primo posto con circa 2” di margine su Gonzalez e 13” su Fangio. Ma arriva il fatale 22º giro, allorché Ascari finisce fuori di strada dopo un testa coda: la vera ragione della piroetta non sarà mai accertata, dal momento che se la versione semi-ufficiale parla di una macchia d'olio, molti propendono a credere che la causa risieda nell'estrema instabilità della D50.

Villoresi dopo aver rilevato la D50 attardatissima di Castellotti tenta faticosamente un recupero, che viene però interrotto al 36º giro, quando a sua volta esce di strada. A poco più di un terzo di gara, ecco dunque che tutte e tre le Lancia sono fuori gioco. Il Gran Premio prosegue con Fangio che percorre in testa l'ultima metà di gara aggiudicandosi la corsa con 1 minuto e mezzo di vantaggio sulla Ferrari di Gonzalez, condotta anche da Nino Farina e da Maurice Trintignant, e addirittura due (o più) giri sugli altri cinque equipaggi superstiti.

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Auto Squadra Tempo Distacco
1 12 Argentina José Froilán González Ferrari 625 Scuderia Ferrari 1:43.1 -
2 32 Italia Alberto Ascari Lancia D50 Scuderia Lancia 1:43.6 +0.5
3 2 Argentina Juan Manuel Fangio Mercedes-Benz W196 Daimler-Benz AG 1:43.6 +0.5
4 16 Francia Jean Behra Maserati 250F Officine Alfieri Maserati 1:43.8 +0.7
5 10 Italia Nino Farina Ferrari 625 Scuderia Ferrari 1:43.8 +0.7
6 14 Germania Karl Kling Mercedes W196 Daimler-Benz AG 1:44.1 +1.0
7 28 Stati Uniti Harry Schell Maserati 250F Officine Alfieri Maserati 1:44.3 +1.2
8 16 Regno Unito Stirling Moss Mercedes W196 Daimler-Benz AG 1:44.4 +1.3
9 40 Argentina Pablo Birger Gordini T16 Equipe Gordini 1:44.8 +1.7
10 8 Germania Hans Herrmann Mercedes W196 Daimler-Benz AG 1:44.8 +1.7
11 34 Italia Luigi Villoresi Lancia D50 Scuderia Lancia 1:45.2 +2.1
12 36 Italia Eugenio Castellotti Lancia D50 Scuderia Lancia 1:45.3 +2.2
13 24 Argentina Carlos Menditeguy Maserati 250F Officine Alfieri Maserati 1:45.4 +2.3
14 14 Francia Maurice Trintignant Ferrari 625 Scuderia Ferrari 1:45.8 +2.7
15 38 Francia Elie Bayol Gordini T16 Equipe Gordini 1:46.1 +3.0
16 18 Argentina Roberto Mieres Maserati 250F Officine Alfieri Maserati 1:46.3 +3.2
17 42 Argentina Jesús Iglesias Gordini T16 Equipe Gordini 1:46.4 +3.3
18 22 Italia Luigi Musso Maserati 250F Officine Alfieri Maserati 1:46.5 +3.4
19 20 Italia Sergio Mantovani Maserati 250F Officine Alfieri Maserati 1:47.6 +4.5
20 26 Argentina Clemar Bucci Maserati 250F Officine Alfieri Maserati 1:48.8 +5.7
21 30 Uruguay Alberto Uria Maserati A6GCM Privato 1:51.2 +8.1

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Auto Giri Tempo/Causa Ritiro Pos. griglia Punti
1 2 Argentina Juan Manuel Fangio Mercedes 96 3:00:38.6 3 9
2 12 Argentina José Froilán González
Italia Nino Farina
Francia Maurice Trintignant
Ferrari 96 +1:29.6 1 2
2
2
3 10 Italia Nino Farina
Francia Maurice Trintignant
Italia Umberto Maglioli
Ferrari 94 +2 Giri 5 1.33
1.33
1.33
4 8 Germania Hans Herrmann
Germania Karl Kling
Regno Unito Stirling Moss
Mercedes 94 +2 Giri 10 1
1
1
5 18 Argentina Roberto Mieres Maserati 91 +5 Giri 16 2
6 28 Stati Uniti Harry Schell
Francia Jean Behra
Maserati 88 +8 Giri 7
7 22 Italia Luigi Musso
Italia Sergio Mantovani
Stati Uniti Harry Schell
Maserati 83 +13 Giri 18
Ret 20 Italia Sergio Mantovani
Francia Jean Behra
Italia Luigi Musso
Maserati 54 Motore 19
Ret 26 Argentina Clemar Bucci
Stati Uniti Harry Schell
Argentina Carlos Menditeguy
Maserati 54 Pressione carburante 20
Ret 42 Argentina Jesús Iglesias Gordini 38 Trasmissione 17
Ret 14 Francia Maurice Trintignant Ferrari 36 Motore 14
Ret 36 Italia Eugenio Castellotti
Italia Luigi Villoresi
Lancia 35 Incidente 12
Ret 16 Regno Unito Stirling Moss Mercedes 29 Sistema alim. carburante 8
Ret 30 Uruguay Alberto Uria Maserati 22 Senza benzina 21
Ret 32 Italia Alberto Ascari Lancia 21 Incidente 2
Ret 38 Francia Elie Bayol Gordini 7 Trasmissione 15
Ret 16 Francia Jean Behra Maserati 2 Incidente 4
Ret 14 Germania Karl Kling Mercedes 2 Incidente 6
Ret 34 Italia Luigi Villoresi Lancia 2 Perdita carburante 11
Ret 40 Argentina Pablo Birger Gordini 1 Incidente 9
Ret 24 Argentina Carlos Menditeguy Maserati 1 Incidente 13

Note[modifica | modifica wikitesto]

  • Risultati gara dal sito ufficiale formula1.com. URL consultato il 10 ottobre 2008.
  • Informazioni sulla corsa da F1db.com. URL consultato il 10 ottobre 2008.
  • Informazioni aggiuntive da allf1.info. URL consultato il 10 ottobre 2008.
Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1955
Flag of Argentina.svg Flag of Monaco.svg Flag of Indianapolis.svg Flag of Belgium.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Italy.svg
Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1954
Gran Premio d'Argentina
Edizione successiva:
1956
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1