Gran Premio (film 1944)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gran Premio
Titolo originale National Velvet
Paese di produzione USA
Anno 1944
Durata 123 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere Commedia drammatica, sportivo
Regia Clarence Brown
Soggetto Enid Bagnold
Sceneggiatura Theodore Reeves e Helen Deutsch
Produttore Pandro S. Berman per MGM
Fotografia Leonard Smith
Montaggio Robert Kern
Musiche Herbert Stothart
Scenografia Cedric Gibbons, Urie McCleary e Edwin B. Willis
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Doppiaggio originale (1949):

Ridoppiaggio (anni settanta):

Gran Premio è un film del 1944 diretto da Clarence Brown.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Inghilterra, anni '20. Ultimo giorno di scuola per le sorelle Brown: Edwina, la maggiore, sogna l'amore, mentre Velvet, la più piccola, nutre una grande passione per i cavalli. Sulla strada di casa Velvet incontra Mi, un giovane vagabondo che da suo padre ha ereditato solo un taccuino nel quale sono annotati il nome e l'indirizzo di Mrs Brown, madre di Velvet. La donna è un'ex-campionessa di nuoto ed è stata, a suo tempo, allenata dal padre di Mi. Dopo l'iniziale riluttanza di Mr Brown, la famiglia decide di dargli ospitalità. Nel frattempo in città scoppia il subbuglio a causa di un cavallo imbizzarito che sta distruggendo tutto. Il proprietario, per disfarsene, lo mette come premio di una lotteria ed è proprio Velvet ad aggiudicarselo. La ragazzina, che chiama il cavallo "Pie", è l'unica persona che riesce a domare l'animale; dopo averlo allenato con l'aiuto di Mi, anche lui esperto di cavalli, i due trovano un fantino e decidono di iscrivere Pie al Gran Premio di Londra. Velvet saluta così la sua famiglia e si reca a Londra con Mi; la sera prima della corsa la ragazzina scopre che anche Mi in passato era stato un abile fantino, ritiratosi in seguito ad un incidente. Il giorno del Gran Premio Velvet, non trovando un fantino, si traveste da uomo e partecipa alla corsa classificandosi al primo posto. Scoperta la sua identità, la giovane viene squalificata, ma ormai lei e Pie hanno acquistato notorietà e fama internazionale; Velvet è pronta a tornare a casa per riabbracciare la sua famiglia.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003 il film è stato scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.[1]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Per il ruolo dei genitori di Velvet (Taylor) erano stati presi in considerazione Spencer Tracy e Katherine Hepburn, coppia d'oro di Hollywood.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Librarian of Congress Adds 25 Films to National Film Registry, Library of Congress, 16 dicembre 2003. URL consultato il 7 gennaio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema