Gran Cammeo di Francia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gran Cammeo di Francia
Gran Cammeo di Francia
Autore sconosciuto
Data 23 d.C. circa
Materiale onice
Dimensioni 31 cm × 26,5 cm 
Ubicazione Cabinet des médailles, Parigi

Il Gran Cammeo di Francia (Grand Camée de France) è un cammeo lavorato a cinque strati di onice, databile al 23 d.C. circa e conservato al Cabinet des médailles di Parigi. Si tratta del più grande cammeo antico pervenutoci.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il cammeo compare nel tesoro della Sainte-Chapelle di Parigi a partire dal 1279. Su ordine di Luigi XVI venne trasferito al Cabinet des médailles il 1 maggio 1791, dove si trova tutt'oggi (inv. 264).

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il fregio è diviso in tre registri. Nel registro inferiore si trovano barbari prigionieri. In quello centrale si vedono i personaggi all'epoca viventi della dinastia giulio-claudia: Tiberio imperatore, al centro, accompagnato dalla madre Livia di fronte a lui vi è Nerone Cesare, figlio maggiore di Germanico, con al fianco la moglie Giulia, figlia di Druso Minore e Livilla, quest'ultima raffigurata alle spalle di Nerone. Accanto a Livilla, vestito con una uniforme militare, vi è un giovanissimo Caio Cesare, il futuro imperatore Caligola.

Ai piedi dell'imperatore un barbaro rappresenterebbe probabilmente la Partia nemica acerrima dell'impero. Alle spalle di Tiberio e Livia troviamo Druso Cesare secondogenito di Germanico e la madre Agrippina Maggiore che insieme al figlio volge lo sguardo in direzione dell'avo Augusto. Nel registro superiore si vedono membri scomparsi quali Augusto al centro (vestito da pontifex maximus), sorretto da una figura che dovrebbe essere Giulio, il figlio di Enea, capostipite della Gens Giulia, alle sue spalle Druso Minore, figlio di Tiberio, morto nel 23 d.C., di fronte a lui in groppa a Pegaso vi è Germanico, figlio adottivo ed erede di Tiberio morto in Siria nel 19 d.C.

Il senso generale della scena è marcare la continuità tra Augusto e i successivi membri della dinastia giulio-claudia.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Babelon, Ernest. Catalogue des Camées antiques et modernes de la Bibliothèque Nationale. Paris: E. Leroux, 1897, n° 264.
  • Bibliothèque nationale de France. Trésors de la Bibliothèque nationale de France, I: Mémoires et merveilles. Paris: BNF, 1996, n° 25.
  • Giard, Jean-Baptiste. Le grand camée de France, Paris, 1998

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]