Grammatica normativa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La grammatica normativa (chiamata anche grammatica prescrittiva) espone una serie di "norme" fondate essenzialmente sul modello di lingua che viene proposto dalle persone colte e dalla scuola. Essa pertanto comprende la fonologia, la morfologia e la sintassi di una lingua.

La linguistica moderna distingue tra fonetica, che analizza i suoni del linguaggio o foni (dal greco φωνή fonè = voce, suono) nel loro aspetto fisico, dalla fonologia che si interessa dei suoni distintivi di una lingua al cui cambiamento corrisponde un cambiamento di significato, come ad esempio nella serie care, dare, fare, mare, pare, rare le cui unità distintive si chiamano fonemi.

I fonemi si rappresentano nella scrittura per mezzo di segni chiamati grafemi (a, b, c, d, e, f, g, h, ecc.).

Per scrivere in modo corretto in una determinata lingua si utilizza l'ortografia, dal greco orthòs (corretto) e grafìa (scrittura).

Le norme ortografiche sono molto rigorose e un qualunque enunciato della lingua italiana si scrive in una sola maniera.


linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica