Grammatica funzionale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Grammatica funzionale è il nome che viene dato a ciascuno degli approcci allo studio scientifico del linguaggio che danno peso primariamente alle funzionalità del linguaggio. Un esempio tipico è fornito dal modello di grammatica sviluppato da Simon C. Dik; un'altra figura di rilievo del recente funzionalismo è Talmy Givón.

Dik caratterizza la grammatica funzionale nel modo seguente:

Nel paradigma funzionale un linguaggio è per prima cosa concettualizzato come strumento di interazione tra esseri umani, utilizzato con l'intenzione di stabilire relazioni comunicative. Nell'ambito di questo paradigma si cerca di rivelare la strumentalità del linguaggio rispetto a quello che le persone fanno e conseguono con esso nella interazione sociale. In altre parole, un linguaggio naturale viene visto come parte integrata della competenza comunicativa di chi si serve del linguaggio naturale. (The Theory of Functional Grammar - Part I p. 3)

In conseguenza della sua enfasi sull'utilizzo, sulla funzione comunicativa e sul contesto sociale del linguaggio, la grammatica funzionale differisce significativamente dalle altre teorie linguistiche che insistono su approcci alle grammatiche puramente formali, come ad esempio la grammatica generativa alla Noam Chomsky. La grammatica funzionale risulta fortemente collegata alla scuola di tipologia linguistica che si richiama al lavoro di Joseph Greenberg.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  1. Simon C. Dik (1989): The Theory of Functional Grammar (Part I: The Structure of the clause)