Grammatica danese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

1leftarrow.pngVoce principale: Lingua danese.

La grammatica danese è lo studio sistematico delle regole sintattiche che permettono il regolare uso della lingua danese.

Sostantivi[modifica | modifica wikitesto]

Genere[modifica | modifica wikitesto]

In danese sono presenti solamente due generi degli originali tre delle lingue indoeuropee, il caso neutro e quello comune, che riunisce i nomi di genere maschile e femminile in molte altre lingue. Per riconoscere se un nome appartiene al genere neutro o comune, si guarda l'articolo che lo accompagna, en per i nomi comuni, et per quelli neutri.

Il danese, come le altre lingue scandinave, possiede un articolo enclitico, ossia che si unisce a fine parola quando è nella forma determinativa.

Genere Singolare Plurale Significato
Indefinito Definito Indefinito Definito
Comune en dreng
en sag
en kvinde
en ske
drengen
sagen
kvinden
skeen
drenge
sager
kvinder
skeer
drengene
sagerne
kvinderne
skeerne

"ragazzo"
"caso"
"donna"
"cucchiaio"

Neutro et fængsel
et æble
et lyn
fængslet
æblet
lynet
fængsler
æbler
lyn
fængslerne
æblerne
lynene

"prigione"
"mela"
"lampo"

Numero[modifica | modifica wikitesto]

Il plurale in danese è normalmente formato aggiungendo -er alla parola, più raramente solo -e. Se una parola al singolare finisce per -er, -el, -en oppure -e, la e presente in tutte queste desinenze viene eliminata. Questa regola è conosciuta come apocope. I neutri monosillabici in genere non aggiungono alcun suffisso nel plurale.

Il danese come tutte le lingue, possiede anche un certo numero di parole con il plurale irregolare, qui sono riportate le più comuni.

Genere Singolare Plurale Significato
Indefinito Definito Indefinito Definito
Comune en mand
en bonde
en drink
en sten
en risiko
manden
bonden
drinken
stenen
risikoen
mænd
bønder
drinks
sten
risici
mændene
bønderne
drinksene
stenene
risiciene

"uomo"
"contadino"
"bevanda"
"pietra"
"rischio"

Neutro et barn
et hus
et våben
barnet
huset
våbnet
børn
huse
våben
børnene
husene
våbnene

"bambino/a"
"casa"
arma

Casi grammaticali[modifica | modifica wikitesto]

In danese non esistono più casi grammaticali, ad eccezione del genitivo, che si ottiene aggiungendo una -s a fine parola, ovvero un apostrofo se la parola finisce già per s.

  • Pigens jakke = la giacca della ragazza
  • Rasmus' jakke = la giacca di Rasmus

L'ordine delle parole, è sempre quello possessore - posseduto, esattamente come per il genitivo sassone dell'inglese.

Articolo[modifica | modifica wikitesto]

L'articolo danese come detto prima è enclitico, cioè si attacca a fine parola. Esso può presentarsi nelle forme -en per nomi di genere comune, -et per i neutri, -ne per tutti i plurali. Tuttavia, se il nome si presenta accompagnato da un aggettivo qualificativo, invece dell'articolo enclitico si usa un equivalente preposizionale:

  • Den per i nomi di genere comune
  • Det per i nomi neutri
  • De per i plurali
Articolo indefinito Nessun articolo Articolo definito
Postpositivo Prepositivo
Comune en bog
en billig bog
Lones bog
Lones billige bog
bogen

den billige bog
Neutro et hus
et stort hus
Peters hus
Peters store hus
huset

det store hus
Plurale bøger
billige bøger
Lones bøger
Lones billige bøger
bøgerne

de billige bøger

Aggettivi[modifica | modifica wikitesto]

Gli aggettivi in danese si accordano con il sostantivo che modificano in genere e numero, e le regole per le concordanze sono abbastanza semplici.

  • Al comune singolare l'aggettivo non prende alcuna desinenza.
  • Al neutro l'aggettivo prende una -t.
  • Al plurale l'aggettivo prende una -e qualunque sia il genere del sostantivo che modifica.

La seguente tabella mostra l'aggettivo god (buono) nelle varie forme di concordanza con un sostantivo di genere comune e neutro al singolare ed al plurale.

genere comune singolare genere neutro singolare plurale
god godt gode

Esistono ovviamente delle eccezioni che consistono in:

  • gli aggettivi terminanti in -sk, -t, in vocale (eccezion fatta per ny (nuovo) e fri (libero)), -s e gli aggettivi glad (felice) e fremmed (strano, forestiero) non prendono la -t finale quando concordano col genere neutro.
  • gli aggettivi terminanti in -s o vocale (sempre eccezion fatta per ny e fri) non prendono la -e al plurale.
  • gli aggettivi terminanti in -et cambiano la terminazione in -ede quando prendono la -e del plurale.
  • aggettivi monosillabi terminanti in consonante la raddoppiano quando aggiungono

la -e del plurale.

Comparativo[modifica | modifica wikitesto]

Il comparativo in danese è formato aggiungendo:

  • -ere (-re sel'aggettivo termina per e) per il comparativo di maggioranza
  • -st per il superlativo assoluto.

Inoltre molti aggettivi subiscono un umlaut quando sono posti al comparativo (stor => grande / større => maggiore - più grande / størst => massimo)

Pronomi[modifica | modifica wikitesto]

Caso nominativo Caso obliquo Possessivo
Comune Neutro Plurale
Singolare
Prima persona jeg mig min mit mine Io
Seconda persona informale du dig din dit dine Tu
formale De Dem Deres
Terza persona
(personale)
maschile han ham hans egli/lui
femminile hun hende hendes ella/lei
Terza persona
(impersonale)
comune den den dens Egli
neutro det det dets
Riflessivi - sig sin sit sine si
Plurale
Prima persona vi os vor vort vore noi
vores
Seconda persona informale I jer jeres voi (tutti)
formale De Dem Deres
Terza persona de dem deres essi/loro
Riflessivi - sig deres

Verbi[modifica | modifica wikitesto]

Il danese è una delle poche lingue al mondo che non coniuga i verbi in base alla persona e al numero, ma soltanto al tempo e al modo.

Modi[modifica | modifica wikitesto]

L'infinito di un verbo danese si presenta sempre nella forma preposizionale:

  • at (forma base del verbo)-e

Il danese possiede cinque tempi al modo indicativo: presente, preterito, passato prossimo, trapassato remoto, futuro. La formazione dei tempi è abbastanza regolare:

  • Al presente si aggiunge alla forma base del verbo il suffisso -er
  • Il preterito può essere formato in due modi diversi entrambi regolari: alcuni verbi prendono un suffisso in -ede, altri in -te.
  • Il passato prossimo è formato con il verbo have (avere) al presente (har) più il participio passato del verbo.
  • Il trapassato prossimo è formato con il verbo have (avere) al preterito (havde) più il participio passato del verbo.
  • Il futuro è formato dalle voci al presente dei verbi ville o skulle più la forma base del verbo in -e (cfr. l'inglese will/shall più il presente).
Forme finite
Presente venter aspetto/aspetti/ecc. ventes, bliver ventet è aspettato/ si aspetta
Preterito ventede aspettavo/aspettai/ecc. ventedes, blev ventet era aspettato/si aspettava
Passato prossimo har ventet ho aspettato/ecc.
Trapassato remoto havde ventet ebbi aspettato/ecc.
Futuro vil/skal vente aspetterò/aspetterai/ecc

Sono chiaramente presenti anche dei verbi che non seguono una coniugazione regolare per la formazione del preterito, tra questi vanno notati tutti i verbi ausiliari che formano il preterito e del participio passato irregolarmente.

Poiché il verbo non distingue la persona, è necessario che esso sia sempre accompagnato da un sostantivo o da un pronome soggetto.

Preposizioni[modifica | modifica wikitesto]

Il sistema delle preposizioni danesi ricorda moltissimo quello delle altre lingue germaniche e scandinave, e come nel caso di tutte le lingue il loro uso possiede molte sfumature di significato e spesso vanno imparate caso per caso. La seguente è una lista delle preposizioni danesi e del loro utilizzo generale.

  • af: di, da.
  • ad: attraverso, lungo (di movimento).
  • bag, bagved: dietro.
  • (i) blandt: tra.
  • efter: dopo.
  • for: per.
  • foran: di fronte a, prima (stato in luogo).
  • før: prima (tempo).
  • fra: da (moto da luogo).
  • (i) gennem: attraverso.
  • hos: con (compagnia).
  • med: con (compagnia, strumentale).
  • mellem: tra.
  • mod: verso, contro.
  • nær: vicino a.
  • om: circa, riguardo a.
  • omkring: attorno a.
  • over: sopra, su.
  • over for: opposto.
  • på: su.
  • til: a, verso, per (complemento di termine).
  • uden: senza.
  • i: in, a (stato in luogo).
  • inden: prima (stato in luogo).
  • inden for: dentro.
  • indtil: fino a.
  • uden for: fuori da (stato in luogo).
  • under: sotto.
  • ved: con, grazie a.

Numerali[modifica | modifica wikitesto]

Il danese a differenza della quasi totalità delle lingue europee ha un sistema numerale vigesimale, è il venti, non il dieci la base per creare le decine, per esempio il numero 60 si dirà tres abbreviazione per tresindstyve (ossia tre volte 20) mentre 50 si dirà halvtreds, abbreviazione per halvtredsindstyve (metà [di venti sottratto da] venti moltiplicato per tre, vale a dire 60-10)[1]. La seguente tabella mostra i numerali danesi e la loro formazione.

Numero Cardinale Ordinale
Nome Pronuncia Nome Pronuncia
0 nul nulte
1 en : et [ˈe:ˀn] : [ed̥] første [ˈfɶ(ɐ)sd̥ə]
2 to [ˈtˢo:ˀ] anden : andet [ˈann̩] : [ˈanəð̪]
3 tre [ˈtˢʁa:ˀ] tredje [ˈtˢʁað̪jə:ˀ]
4 fire [ˈfi:ɐ] fjerde [ˈfjɛ:ɐ]
5 fem [ˈfɛmˀ] femte [ˈfɛmd̥ə]
6 seks [ˈsɛg̊s] sjette [ˈɕɛ:d̥ə]
7 syv [ˈsyʊ̯ˀ] syvende [ˈsyʊ̯ˀnə]
8 otte [ˈɔ:d̥ə] ottende [ˈʌd̥nə]
9 ni [ˈni:ˀ] niende [ˈni:ˀnə]
10 ti [ˈtˢi:ˀ] tiende [ˈtˢi:ˀnə]
11 elleve [ˈɛlʋə] ellevte [ˈɛlfd̥ə]
12 tolv [ˈtˢʌlˀ] tolvte [ˈtˢʌld̥ə]
13 tretten [ˈtˢʁɑd̥n̩] trettende [ˈtˢʁɑd̥nə]
14 fjorten [ˈfjoɐ̯d̥n̩] fjortende [ˈfjoɐ̯d̥nə]
15 femten [ˈfɛmd̥n̩] femtende [ˈfɛmd̥nə]
16 seksten [ˈsajsd̥n̩] sekstende [ˈsajs(d̥)nə]
17 sytten [ˈsød̥n̩] syttende [ˈsød̥nə]
18 atten [ˈad̥n̩] attende [ˈad̥nə]
19 nitten [ˈned̥n̩] nittende [ˈned̥nə]
20 tyve [ˈtˢy:ʊ] tyvende [ˈtˢy:ʊ̯nə]
21 enogtyve [ˈe:ˀnɐˌtˢy:ʊ] enogtyvende [ˈe:ˀnɐˌtˢy:ʊ̯nə]
22 toogtyve [ˈtˢo:ˀɐˌtˢy:ʊ] toogtyvende [ˈtˢo:ˀɐˌtˢy:ʊ̯nə]
30 tredive [ˈtˢʁɑð̪ʋə] tredivte [ˈtˢʁɑð̪fd̥ə]
40 fyrre (arch. fyrretyve) [ˈfɶ:ɐ] ([ˈfɶ:ɐˌtˢy:ʊ]) fyrretyvende [ˈfɶ:ɐˌtˢy:ʊ̯nə]
50 halvtreds (arch. halvtredsindstyve) [halˈtˢʁas] ([halˈtˢʁasn̩sˌtˢy:ʊ]) halvtredsindstyvende [halˈtˢʁasn̩sˌtˢy:ʊ̯nə]
60 tres (arch. tresindstyve) [ˈtˢʁas] ([ˈtˢʁasn̩sˌtˢy:ʊ]) tresindstyvende [ˈtˢʁasn̩sˌtˢy:ʊ̯nə]
70 halvfjerds (arch. halvfjerdsindstyve) [halˈfjä(ɐ)s] ([halˈfjä(ɐ)sn̩sˌtˢy:ʊ]) halvfjerdsindstyvende [halˈfjä(ɐ)sn̩sˌtˢy:ʊ̯nə]
80 firs (arch. firsindstyve) [ˈfiɐ̯ˀs] ([ˈfiɐ̯ˀsn̩sˌtˢy:ʊ]) firsindstyvende [ˈfiɐ̯ˀsn̩sˌtˢy:ʊ̯nə]
90 halvfems (arch. halvfemsindstyve) [halˈfɛmˀs] ([halˈfɛmˀsn̩sˌtˢy:ʊ]) halvfemsindstyvende [halˈfɛmˀsn̩sˌtˢy:ʊ̯nə]
100 hundred(e), et hundred(e) [ˈhun(ʁ)ɐð̪(ð̪), (ˈed̥) ˈhun(ʁ)ɐð̪(ð̪)] hundrede, et hundrede [ˈhun(ʁ)ɐð̪(ð̪), (ˈed̥) ˈhun(ʁ)ɐð̪(ð̪)]
101 (et) hundred(e) (og) en [(ˈed̥) ˈhun(ʁ)ɐð̪ (ɐ) ˈe:ˀn] (et) hundred(e) (og) første [(ˈed̥) ˈhun(ʁ)ɐð̪ (ɐ) ˈfɶ(ɐ)sd̥ə]
200 to hundred(e) [ˈtˢo:ˀ ˈhun(ʁ)ɐð̪(ð̪)] to hundrede [ˈtˢo:ˀ ˈhun(ʁ)ɐð̪(ð̪)]
1 000 tusind, et tusind [ˈtˢu:ˀsn̩, ˈed̥ ˈtˢu:ˀsn̩] tusinde, et tusinde [ˈtˢu:ˀsnə, ˈed̥ ˈtˢu:ˀsnə]
1 100 et tusind et hundred(e) [ˈed̥ ˈtˢu:ˀsn̩ ˈed̥ ˈhun(ʁ)ɐð̪(ð̪)] et tusind et hundrede [ˈtˢu:ˀsnə ˈed̥ ˈhun(ʁ)ɐð̪(ð̪)]
2 000 to tusind [ˈtˢo:ˀ ˈtˢu:ˀsn̩] to tusinde [ˈtˢo:ˀ ˈtˢu:ˀsnə]
1 000 000 en million, en million [ˈe:ˀn mil(i)ˈjo:ˀn] millonte [mil(i)ˈjo:ˀnd̥ə]
2 000 000 to millioner [ˈtˢo:ˀ mil(i)ˈjo:ˀnɐ] to millonte [ˈtˢo:ˀ mil(i)ˈjo:ˀnd̥ə]
1 000 000 000 en milliard [ˈe:ˀn mil(i)ˈjɑ:ˀd̥] milliardte [mil(i)ˈjɑ:ˀd̥ə]
2 000 000 000 to milliarder [ˈtˢo:ˀ mil(i)ˈjɑ:ˀd̥ɐ] to milliardte [ˈtˢo:ˀ mil(i)ˈjɑ:ˀd̥ə]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gaetano Frisoni, Grammatica ed esercizi pratici della lingua danese-norvegiana (rist. anast. 1920), Hoepli, 1979

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Grammatica ed esercizi pratici della lingua danese norvegiana, Gaetano Frisoni