Graffetta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Graffetta.
Punto metallico.

La graffetta è un piccolo oggetto di metallo (in genere) che serve per tenere unite due parti. Il più della volte ci si riferisce con questo termine a quella che in lingua inglese è definita clip, ovvero un fermaglio formato da un filo di metallo curvato a formare due anse elastiche che unisce alcuni fogli di carta in modo non permanente.

Graffetta viene anche chiamato il punto metallico (in inglese staple) applicato con una macchina graffettatrice che unisce in modo semi-permanente alcuni fogli di carta, forandoli e ripiegandosi su se stessa, consentendo di formare un piccolo fascicolo.

La parola viene anche utilizzata per indicare il punto chirurgico che unisce le labbra di una ferita o taglio evitando di dare punti di sutura. Al rimarginarsi della ferita la graffetta viene tolta.

Le graffette in plastica vengono utilizzate per unire parti di preparazioni alimentari quali, ad esempio, i prosciutti disossati.

L'invenzione della graffetta è attribuita all'americano Samuel B. Fay. Tuttavia, l'inventore norvegese Johan Vaaler, ignorando l'esistenza della graffetta di Fay, chiese ed ottenne il brevetto per un suo modello. Questo episodio fece conoscere erroneamente Vaaler come l'inventore della graffetta.

Riferimenti nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

  • Durante l'occupazione nazista della Norvegia, i norvegesi, riferendosi all'invenzione di Vaaler, iniziarono in segno di protesta ad indossare graffette sui risvolti delle giacche
  • Nel software Microsoft Office, la forma di default dell'assistente di Office è una graffetta chiamata "Clippit" o "Clippy".

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]