Gracula

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Gracula
Gracula.svg
Distribuzione e aspetto delle specie ascritte al genere
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Oscines
Infraordine Passerida
Superfamiglia Muscicapoidea
Famiglia Sturnidae
Genere Gracula
Linnaeus, 1758
Sinonimi

Eulabes

Gracula Linnaeus, 1758 è un genere di uccelli passeriformi della famiglia degli Sturnidi, comprendente varie specie di uccelli onnivori di taglia medio-piccola diffusi nel subcontinente indiano e nel sud-est asiatico e noti col nome comune di "merli parlanti" per il loro aspetto esteriore e per l'abilità con la quale sono in grado di ripetere ed imitare i suoni.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Ai tempi della prima stesura del Systema Naturae linneano, a questo genere vennero ascritte anche altre specie, fra cui ad esempio il nostrano martin pescatore, che attualmente viene classificato in un proprio genere (Alcedo) abbastanza distante filogeneticamente. Per molto tempo al genere è stata ascritta un'unica specie, G. religiosa, con numerose sottospecie che col tempo sono state elevate al rango di specie a sé stanti: ancora oggi, alcuni studiosi sono per l'elevazione a specie di tre delle sottospecie di Gracula religiosa.
Il genere Gracula appartiene alla famiglia degli sturnidi, nell'ambito della quale appare affine agli storni tristi del genere Acridotheres e con la gracula coronata (Ampeliceps coronatus).

Attualmente al genere vengono ascritte cinque specie:[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Sturnidae in IOC World Bird Names (ver 4.1), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 21 gennaio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Grimmett, Inskipp and Inskipp, Birds of India. ISBN 0-691-04910-6.
  • (EN) Feares C., Craig A., Starlings and Mynas, Princeton University Press, 1999. ISBN 0-7136-3961-X.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli