Graciliano Ramos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Graciliano Ramos de Oliveira (Quebrangulo, 27 ottobre 1892Rio de Janeiro, 20 marzo 1953) è stato uno scrittore brasiliano.

Prefetto di Palmeira dos Indios, descrisse nel suo primo romanzo, Caetés (1933), la ferocia dei rapporti sociali in una cit­tadina del Nordeste, attraverso le metafore dello «sciacallo» e dell'indio antropofago (caeté); seguì, con analoga tematica, San Bernardo (Sao Bernardo. 1934).

La partecipazione ai drammi degli oppressi gli costò la persecuzione politica: arrestato «per sovver­sione», durante la prigionia scrisse Angoscia (Angu­stia, 1936), uno dei suoi romanzi più sofferti. Riacqui­stata la libertà, pubblicò il romanzo più noto, Vite sec­che (Vidas sécas, 1938), descrizione della dura vita di una famiglia di contadini nomadi nelle terre incle­menti del nordest brasiliano. Pubblicò ancora Infanzia (Infancia, 1945), i racconti di Insonnia (Insònia, 1947) e Memorie del carcere (Memorias de càrcere, 1953).

La narrazione di Ramos più che soffermarsi sulla descrizione di paesaggio o intrecci fra i personaggi, descrive l'individuo, inserito in un orizzonte ostile.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Caetés (1933)
  • São Bernardo (1934)
  • Angústia (1936)
  • Vidas Secas (1938)
  • A Terra dos Meninos Pelados (1939)
  • Brandão Entre o Mar e o Amor (1942)
  • Histórias de Alexandre (1944)
  • Infância (1945)
  • Histórias Incompletas (1946)
  • Insônia (1947)
  • Memórias do Cárcere, postumo (1953)
  • Viagem, postumo (1954)
  • Linhas Tortas, postumo (1962)
  • Viventes das Alagoas, postumo (1962)
  • Alexandre e outros Heróis, postumo (1962)
  • Cartas, postumo (1980)
  • O Estribo de Prata, postumo (1984)
  • Cartas à Heloísa, postumo (1992)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 66485924 LCCN: n78090515