Governatorato del Paraguay

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Governatorato del Paraguay (in spagnolo:Gobernación del Paraguay), chiamato inizialmente Governatorato del Guayrá, fu un organo amministrativo coloniale dell'Impero spagnolo il cui nucleo diede origine alla Repubblica del Paraguay.

Antecedenti[modifica | modifica wikitesto]

La capitolazione (contratto in cui una delle parti fisse era la Corona di Spagna)[1] stipulata tra Pedro de Mendoza e la stessa Corona nel 1534 aveva di fatto creato il primo Governatorato Gigante delle Indie che ebbe come centro più importante la città di Asunción, fondata con ogni probabilità nel 1537 da Juan de Salazar y Espinosa. Questo governatorato dai confini vaghi, che si estendevano grosso modo dall'Amazzonia al Río Negro in Patagonia,[1] venne in seguito chiamato indistintamente "del Río de la Plata" o "del Paraguay".[2]

La rapida e produttiva colonizzazione spagnola del Perù tolse presto ogni autonomia al nuovo governatorato, che fu giudicato territorio minore e incorporato al Viceregno del Perù; la pressione dei forti interessi dei mercanti stabilitisi a Lima rinchiuse il Río de la Plata in una prigione economica, con il divieto di negoziare direttamente sia con la Spagna che con le altre entità dell'impero. Sotto il piano giuridico, il governatorato fu sottoposto alla competenza dell'Audiencia di Charcas.[3]

Nel frattempo, nel 1560 il territorio interessato aveva subito uno smembramento con la creazione da parte del Viceré Andrés Hurtado de Mendoza del Governatorato di Santa Cruz de la Sierra.[2]

Creazione dei governatorati del Río de la Plata e del Guayrá[modifica | modifica wikitesto]

La cedola reale promulgata il 16 dicembre 1617 da Filippo III divise l'antico Governatorato del Río de la Plata e del Paraguay in due nuovi governatorati, chiamati Governatorato del Río de la Plata e Governatorato del Guayrá o del Paraguay.[4]

Con due successive cedole reali, rilasciate negli anni 1625 e 1626, il re stabilì di aggregare al Governatorato del Río de la Plata le riduzioni gesuite del Paraná e del Paraguay.[5]

Nel 1724 una cedola reale incaricò i vescovi di Asunción e di Buenos Aires di stabilire definitivamente i confini tra i due governatorati e i due episcopati.[4] Nel 1750 il Trattato di Madrid stabilì i confini tra Spagna e Portogallo abolendo il precedente Trattato di Tordesillas; per il governatorato del Paraguay ciò comportò la perdita del Guayrá (territorio compreso tra il fiume Paraná e l'Oceano Atlantico), la provincia di Itatín e la regione di Cuyabá.[6]

I confini tra i due governatorati furono modificati ancora nel 1761. Nel 1776 un'altra cedola reale creò il Viceregno del Río de la Plata, che comprendeva i territori di Argentina, Uruguay, Bolivia, Paraguay e Rio Grande do Sul; Buenos Aires fu designata come capitale della nuova entità. Il territorio del viceregno fu diviso in 4 governatorati militari e 8 intendenze, tra le quali l'Intendenza del Paraguay.[2]

Governatori del Paraguay[7][modifica | modifica wikitesto]

Gobernador Año
Manuel de Frías 1618 - 1625
Pedro de Lugo y Navarra 1625 - 1631
Luis de Céspedes García Xeria 1631 - 1636
Martín de Ledesma Valderrama 1636 - 1641
Gregorio de Hinestrosa 1641 - 1645
Diego de Escobar Osorio 1645
Bernardino de Cárdenas 1645
Sebastián de León y Zárate 1646 - 1650
Antonio Garabito de León 1650 - 1653
Cristóbal de Garay y Saavedra 1653 - 1656
Juan Antonio Blázquez de Valverde 1656 - 1659
Alonso Sarmiento de Sotomayor y Figueroa 1659 - 1663
Juan Díaz de Andino 1663 - 1671
Francisco Reja Corvalán 1671 - 1676
Diego Ibáñez de Farías 1676 - 1681
Juan Díaz de Andino 1681 - 1684
Antonio de Vera Mujica 1684
Alonso Fernández Marcial 1684 - 1685
Francisco de Monfort 1685 - 1692
Sebastián Félix de Mendiola 1692 - 1696
Juan Rodríguez Cota 1696 - 1702
Antonio de Escobar y Gutiérrez 1702 - 1705
Sebastián Félix de Mendiola 1705 - 1706
Baltazar García Ros 1706 - 1707
Manuel de Robles Lorenzana 1707 - 1713
Juan Gregorio Bazán de Pedraza 1713 - 1716
Andrés Ortiz de Ocampo 1716 - 1717
Diego de los Reyes Balmaceda 1717 - 1721
José de Antequera y Castro 1721 - 1722
Diego de los Reyes Balmaceda 1722
José de Antequera y Castro 1722 - 1725
Bruno Mauricio de Zabala 1725
Martín de Barúa 1725 - 1731
Rivolta dei comuneros 1731 -1733
Manuel Agustín de Ruiloba y Calderón 1733
Juan de Arregui Zábala y Gutiérrez 1733 - 1734
Cristóbal Domínguez de Ovelar 1734 - 1735
Bruno Mauricio de Zabala 1735
José Martín de Echauri 1735 - 1741
Rafael de la Moneda 1741 - 1747
Marcos José Larrazábal 1747 - 1750
Jaime Sanjust 1750 - 1761
José Martínez Fontes 1761 - 1764
Fulgencio Yegros y Ledesma 1765 - 1766
Carlos Morphi 1766 - 1772
Agustín Fernando de Pinedo 1772 - 1778
Pedro Melo de Portugal 1778 - 1783

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (ES) Juan Bautista Rivarola Paoli - La economia colonial. URL consultato il 30-12-2010.
  2. ^ a b c (ES) Hipólito Sánchez Quell – Estructura y función del Paraguay Colonial. URL consultato il 30-12-2010.
  3. ^ (ES) Juan Bautista Rivarola Paoli - La economia colonial. URL consultato il 30-12-2010.
  4. ^ a b (ES) Alejandro Audibert - Los limites de la antigua Provincia del Paraguaycap. IX. URL consultato il 30-12-2010.
  5. ^ (ES) Alejandro Audibert - Los limites de la antigua Provincia del Paraguay, cap. VIII. URL consultato il 30-12-2010.
  6. ^ (ES) Alfredo Boccia Romañach – Paraguay y Brasil, Crónica de sus conflictos. URL consultato il 30-12-2010.
  7. ^ (EN) World Statesmen - Paraguay. URL consultato il 30-12-2010.


Conquista spagnola delle Americhe Portale Conquista spagnola delle Americhe: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Conquista spagnola delle Americhe