Gottes Zeit ist die allerbeste Zeit

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gottes Zeit ist die allerbeste Zeit
Bach.jpg
Johann Sebastian Bach
Compositore Johann Sebastian Bach
Tipo di composizione cantata
Numero d'opera BWV 106
Epoca di composizione 1707
Prima esecuzione 1707
Durata media circa 16 minuti
Organico

soprano solista, tenore solista, basso solista, coro, flauto I e II, viola da gamba I e II e basso continuo.

Movimenti

8

Gottes Zeit ist die allerbeste Zeit (in tedesco, "Il tempo di Dio è il tempo migliore") BWV 106, conosciuta anche con il titolo di Actus Tragicus, è una cantata di Johann Sebastian Bach.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La cantata venne quasi certamente composta come lavoro funebre, forse per le esequie di Tobias Lämmerwirt, morto nell'agosto 1707. Nota anche come Actus Tragicus, venne probabilmente scritta a Mühlhausen, città della Turingia dove Bach lavorò come organista nel 1707-1708. Il testo si compone di un gruppo di versi biblici e di strofe, queste ultime scritte da uno autore sconosciuto, formando una sequenza di otto movimenti.

Struttura[modifica | modifica sorgente]

La Gottes Zeit ist die allerbeste Zeit è scritta per soprano solista, tenore solista, basso solista, coro, flauto I e II, viola da gamba I e II e basso continuo.

Nell'organico usato da Bach le viole da gamba erano accordate sul chorton (tono del coro, che era quello dell'organo, a 465 Hz), più acuto del La attuale (440 Hz), mentre gli strumenti a fiato erano intonati sul cammerton (tono da camera, da 415 Hz): la differenza di intonazione poteva essere addirittura di una terza minore. Di conseguenza, le parti degli strumenti a fiato sono composte in una tonalità diversa da quella delle altre parti. L'insolita strumentazione di due flauti (strumento associato all'oltretomba), due viole da gamba e basso continuo sottolinea la gravità della cantata, che si apre con una sonatina strumentale.

Il secondo movimento si sviluppa in una vivace sezione fugata corale. Un arioso del tenore solista enuncia la brevità della vita terrena. Il coro al centro della cantata elabora questo tema, ma poi accoglie il pensiero della morte con le parole Sì, vieni Signore Gesù. L'idea del trapasso viene poi ripreso dall'aria del contralto. Il basso canta poi le parole di Cristo al peccatore sulla croce, prima che la cantata si concluda con il corale In gehoffet ich hab dich, Herr e con una fuga sulla parola Amen, portando questo lavoro ad una conclusione inaspettatamente esuberante.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica