Gott mit uns

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Incisione sulla fibbia delle cinture dell'esercito tedesco durante la Prima guerra mondiale che contiene il motto Gott mit uns

Gott mit uns (in italiano Dio con noi) era in origine il motto dell'Ordine Teutonico. Dopo la caduta dello stato dei Cavalieri Teutonici, divenne il motto dei re di Prussia fino a divenire motto degli Imperatori tedeschi.

Il motto pare abbia origine dell'urlo di battaglia romano Deus nobiscum, utilizzato anche delle truppe di Bisanzio e compare anche durante la guerra dei trent'anni (usato da Gustavo II Adolfo di Svezia).

Dopo essere stato motto ufficiale degli elettori di Prussia, accompagna la dinastia degli Hohenzollern fino alla loro ascesa alla guida del Reich tedesco. Terminato il conflitto e decaduta la monarchia, il piccolo esercito della neonata Repubblica di Weimar, la Reichswehr, mantiene il motto sulle fibbie dei cinturoni e al centro viene inserita l'aquila simbolo della Germania. Con l'avvento del Nazismo (1933), la fibbia rimane inalterata fino al 1936, quando al posto dell'aquila di Weimar viene inserita un'aquila in posizione di riposo che ha negli artigli una svastica, lasciando inalterato il motto dell'esercito prussiano per non accentuare i già forti dubbi della classe degli ufficiali tedeschi verso il regime. Dopo il conflitto la fibbia non riporterà più tale motto sostituito da quello della Repubblica Federale Tedesca, e l'aquila della Repubblica di Weimar farà nuovamente la sua comparsa.

Il motto, in cirillico (Съ нами богъ!), fu utilizzato anche dall'Impero Russo.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]