Gossamer Albatross

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gossamer Albatross
L'Albatross II in volo
L'Albatross II in volo
Descrizione
Tipo aereo sperimentale a propulsione umana
Equipaggio 1
Progettista Paul B. MacCready
Costruttore Stati Uniti AeroVironment
Data primo volo 1979
Matricola GA-II
Esemplari 2
Sviluppato dal Gossamer Condor
Dimensioni e pesi
Tavole prospettiche
Lunghezza 10,36 m (34 ft 0 in)
Apertura alare 29,77 m (98 ft 0 in)
Altezza 4,88 m (16 ft 0 in)
Superficie alare 45,34 (488 ft²)
Peso a vuoto 31,75 kg (70 lb)
Peso carico 97,52 kg (215 lb)
Prestazioni
Velocità max 28,97 km/h (18 mph, 15,64 kt)
Autonomia 56,31 km (35 mi)
Note dati relativi all'Albatross II

i dati sono estratti da Museum of Flight[1]

voci di aeroplani sperimentali presenti su Wikipedia

Il Gossamer Albatross è un velivolo a propulsione umana costruito dall'ingegnere aeronautico Paul B. MacCready. Il 12 giugno 1979 ha attraversato il canale inglese della Manica, vincendo il secondo Premio Kremer.

Il velivolo era spinto attraverso l'uso di pedali che azionavano un'elica a due pale e che permetteva un volo fino ad un massimo di metà dell'apertura alare, in quanto prodotto tramite effetto suolo. Pilotato dal ciclista non professionista Bryan Allen, il Gossamer Albatross percorse 38,5 km in 2 ore e 49 minuti, raggiungendo la velocità massima di 29 km/h ad un'altezza media di 1,5 metri.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il velivolo venne disegnato e costruito dal team guidato da Paul B. MacCready, un noto ingegnere aeronautico statunitense, oltre che designer e progettista del secondo velivolo a propulsione umana. Il primo è stato il Gossamer Condor, che vinse il primo premio Kremer il 23 agosto 1977, completando una figura "ad otto".

Il team di MacCready ha costruito due Albatross: l'aereo di riserva è stato testato congiuntamente dai laboratori della NASA Langley e Dryden in un programma di ricerca svolto nel 1980.

L'aereo di riserva venne testato nell'autodromo di Houston, il primo volo indoor controllato nella storia dei mezzi a propulsione umana. L'Albatross II è esibito attualmente al Museo del Volo di Seattle. Il velivolo utilizzato nella traversata della Manica è esposto invece allo Smithsonian. Una ulteriore versione europea è conservata al Deutsches Museum di Monaco.

Varianti ad energia solare[modifica | modifica wikitesto]

Un successore dell'Albatross fu il Gossamer Penguin del 1980, che sfruttava l'energia solare. La struttura è stata realizzata dal team di MacCready per tentare il terzo attraversamento della Manica. La maggior parte dei suoi parametri erano ¾ delle dimensioni del Gossamer Albatross. Esso era stato concepito come alternativa più veloce (in quanto più potente) a quest'ultimo nel caso fosse stato precluso il successo nella traversata al più lento Albatross.

Nonostante fosse fragile e poco pratico, il Penguin aprì la strada ad un velivolo più evoluto, il Solar Challenger (letteralmente lo "sfidante solare"). Il Solar Challenger aveva un'apertura alare di 14,7 metri e il peso di 90 kg. Le sue ali erano ricoperte da ben 16 128 celle fotovoltaiche, per un totale di 2 600 Watt di potenza utile. Il Solar Challenger era capace di raggiungere un'altitudine di 3 660 metri e nel luglio 1981 compì un volo di 262 km da Parigi a Manston, nel Regno Unito.

Descrizione tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Cabina del Gossamer Albatross

L'aereo ha una configurazione insolita, usando lo stabilizzatore davanti alla cabina del pilota, come nel Flyer dei Fratelli Wright. Il Gossamer Albatross era costituito da un telaio in fibra di carbonio, con la struttura alare in polistirene espanso. L'intera struttura alare era avvolta da una sottile pellicola trasparente di PET. Il peso a vuoto della struttura era di soli 32 kg, nonostante il peso lordo del velivolo per la traversata della Manica fosse di oltre 100 kg. Il velivolo era dotato di ali molto lunghe per il sostenimento in aria, simili a quelle degli alianti, in modo da utilizzare la minima potenza necessaria per decollare. Una volta in volo, la potenza necessaria era di 200 Watt, sebbene la minima turbolenza poteva rendere questo valore più elevato.

Esemplari attualmente esistenti[modifica | modifica wikitesto]

L'Albatross esposto allo Steven F. Udvar-Hazy Center.

I due Albatross costruiti sono conservati ed esposti presso due strutture museali in territorio statunitense.

Il primo Albatross costruito, l'esemplare utilizzato per oltrepassare la Manica in volo, è visibile al pubblico presso lo Steven F. Udvar-Hazy Center, sezione dello Smithsonian National Air and Space Museum situata in prossimità dell'Aeroporto Internazionale di Washington-Dulles.

L'Albatross II è situato nelle strutture del Museum of Flight presso l'aeroporto Internazionale di King County, nello stato di Washington.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gossamer Albatross II in Museum of Flight.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Allen, Bryan. Winged Victory of "Gossamer Albatross". National Geographic, November 1979, vol. 156, n. 5, p. 640-651

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Aviazione Portale Aviazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Aviazione