Gorgonopsia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Gorgonopsia
Inostrancevia DB.jpg
Inostrancevia
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Tetrapoda
Classe Synapsida
Ordine Therapsida
Sottordine Gorgonopsia

I gorgonopsi (Gorgonopsia) sono un sottordine di rettili - mammiferi, vissuti tra il Permiano medio e il Permiano superiore (tra 260 e 240 milioni di anni fa).

Aspetto da Gorgone[modifica | modifica sorgente]

Il nome del gruppo deriva da quello di uno dei generi più conosciuti, Gorgonops, che significa "aspetto da Gorgone" (dal nome dei mostri della mitologia greca). In effetti, l'aspetto di questi animali doveva essere impressionante: alti sulle forti zampe, i gorgonopsi erano dotati di una grande testa allungata, con una dentatura notevole. Erano provvisti di lunghi canini ricurvi, che in alcune forme assomigliavano a vere e proprie sciabole. Tutti i denti, comunque, erano aguzzi. Tra le caratteristiche che dimostrano la loro parentela con i mammiferi ci sono lo sviluppo completo della finestra temporale e l'evoluzione delle ossa dell'orecchio.

Predatori differenziati[modifica | modifica sorgente]

I gorgonopsi erano i principali predatori del Permiano superiore, e i loro resti sono particolarmente abbondanti in Sudafrica e in Russia. Molti gorgonopsi non superavano il metro e mezzo di lunghezza (Lycaenops, Leontocephalus, Arctognathus), ma altri raggiunsero dimensioni impressionanti. In sostanza, andarono a occupare varie nicchie ecologiche, come quella dei predatori di medie dimensioni e quella dei superpredatori. Il gigantesco Inostrancevia, della Russia, era lungo anche 4,5 metri. Altre forme piuttosto grandi erano Sauroctonus e Dinogorgon.

Estinzione[modifica | modifica sorgente]

Appartenenti al gruppo di rettili - mammiferi noti come teriodonti, i gorgonopsi sono considerati più evoluti dei precedenti dinocefali. Come questi, però, si estinsero alla fine del Permiano, mentre altri gruppi più specializzati, come i dicinodonti, i cinodonti e i terocefali, sopravvissero anche nel Triassico.

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Bakker, R.T. (1986), The Dinosaur Heresies, Kensington Publishing Corp.
  • Cox, B. and Savage, R.J.G. and Gardiner, B. and Harrison, C. and Palmer, D. (1988) The Marshall illustrated encyclopedia of dinosaurs & prehistoric animals, 2nd Edition, Marshall Publishing
  • Fenton, C.L. and Fenton, M.A. (1958) The Fossil Book, Doubleday Publishing
  • Hore, P.M. (2005), The Dinosaur Age, Issue #18. National Dinosaur Museum
  • Sigogneau-Russell, D., 1989, "Theriodontia I - Phthinosuchia, Biarmosuchia, Eotitanosuchia, Gorgonopsia" Part 17 B I, Encyclopedia of Paleoherpetology, Gutsav Fischer Verlag, Stuttgart and New York
  • Ward, P.D. (2004), Gorgon, Viking Penguin

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

rettili Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili