Golfo di Morbihan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mappa del golfo
Immagine dal satellite
Il porto de l'Île aux Moines
Caratteristiche case rosa presso Vannes

Il golfo di Morbihan è un porto naturale sulla costa del dipartimento francese di Morbihan nella Britannia meridionale, in Francia. In bretone l'area è chiamata in maniera più appropriata Ar Mor Bihan, che significa 'piccolo mare' (simile peraltro al gallese y môr bychan), opposto all'Oceano Atlantico sul quale sporge (Ar Mor Bras). Una leggenda vuole che in questo luogo ci siano 365 isole (una per ogni giorno dell'anno), anche se ad ogni modo le isole qui presenti sono solo 40, di differenti grandezze. Molte isole sono di proprietà privata ad eccezione de l'Île-aux-Moines e de l'Île-d'Arz.

L'area attorno al golfo è un proliferare di monumenti megalitici. Vi sono molti dolmen, piramidi a gradoni con camere sotterranee, cerchi di pietre oltre che a numerosi menhir di grandi dimensioni. L'area meglio conosciuta della zona in senso archeologico è indubbiamente Carnac, le cui rovine si estendono per dieci chilometri. Altri ritrovamenti rilevanti sono quelli di Gavrinis, su una piccola isola del golfo, ove le rovine sono state datate al 3300 a.C., 200 anni prima di Stonehenge.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Il golfo è gittante direttamente sull'Oceano Atlantico con la penisola di Rhuys, ove però vi è uno stretto di circa 1 km, tra Port-Navalo (nel comune di Arzon) e Kerpenhir (comune di Locmariaquer), il quale crea delle forti correnti anche all'interno dell'insenatura. Qui il vento arriva sino a 9,4 nodi.

Comuni del golfo[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Coordinate: 47°36′N 2°48′W / 47.6°N 2.8°W47.6; -2.8