Goccia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Goccia (disambigua).
Acqua che gocciola da un rubinetto

Una goccia o gocciolina è un piccolo volume di liquido, limitato completamente o quasi completamente da superfici libere.

Tensione superficiale[modifica | modifica sorgente]

Il modo più semplice per formare una goccia è permettere al liquido di scorrere lentamente dalla parte inferiore di un tubo di piccolo diametro. Quando la goccia pendente supera una certa dimensione non è più stabile e si stacca. Le gocce si possono formare anche dalla condensazione di un vapore sottoraffreddato o dalla atomizzazione di una più grande massa di liquido. Il peso della goccia più grande che può pendere dalla fine di un tubo di raggio a è circa:

\,mg = 2 \pi a \lambda \cos \alpha

Dove λ è la tensione superficiale del liquido e α è l'angolo di contatto con il tubo. Questa relazione è la base di un metodo pratico per il calcolo della tensione superficiale, comunemente utilizzato nell'industria del petrolio.

Ottica[modifica | modifica sorgente]

A causa dell'indice di rifrazione differente dell'acqua rispetto all'aria, rifrazione e riflessione avvengono sulla superficie delle gocce di pioggia, portando alla formazione dell'arcobaleno.

Suono[modifica | modifica sorgente]

La sorgente maggiore del rumore quando una gocciolina colpisce la superficie di un liquido è la risonanza delle bolle eccitate intrappolate sotto l'acqua. Queste bolle oscillanti sono responsabili per la maggior parte dei suoni provenienti dai liquidi, come l'acqua corrente o gli spruzzi, poiché effettivamente consistono in molte collisioni di gocce-liquide.

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

fisica Portale Fisica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fisica