Gobius niger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ghiozzo nero
Gobius niger (Stefano Guerrieri).jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Osteichthyes
Superordine Acanthopterygii
Ordine Perciformes
Sottordine Gobioidei
Famiglia Gobiidae
Sottofamiglia Gobiinae
Genere Gobius
Specie G. niger
Nomenclatura binomiale
Gobius niger
Linneaus, 1758
Sinonimi

Gobius brittanicus Thompson, 1837
Gobius fuliginosus M'Coy, 1841
Gobius gorgione Rafinesque, 1810
Gobius iozo Linnaeus, 1758
Gobius longiradiatus Risso, 1827
Gobius punctulatus Cocco, 1884-1885
Gobius viridis Otto, 1821

Gobius niger, conosciuto comunemente come ghiozzo nero è un pesce di mare, appartenente alla famiglia dei Gobiidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è diffusa lungo tutte le coste (e foci fluviali) europee, dal Mar Baltico, all'Atlantico a nord fino alla Norvegia, al Mediterraneo, fino al Mar Nero ed al mar Baltico.
Vive sui fondali scogliosi, sabbiosi o fangosi di acque vicine a riva. È particolarmente comune nei porti data la sua particolare resistenza alle acque inquinate. Essendo una specie fortemente eurialina può vivere anche in acque salmastre ed è comune in foci e lagune.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il corpo è tipico dei Gobiidae, allungato, con occhi sporgenti e larga bocca dalle labbra carnose. Si riconosce dai congeneri principalmente per la presenza di scaglie sulla nuca e per le caratteristiche delle prima pinna dorsale, allungata e con raggi sporgenti.
La livrea è bruno marmorizzata con macchie scure sui fianchi, estremamente variabile. Il maschio adulto riproduttore è nero intenso. Alcuni maschi in riproduzione non sono neri, si è parlato per questi esemplari di "varietà albescens", di nessun valore tassonomico.
Non supera i 15 cm di lunghezza.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

È in grado di sopravvivere per molto tempo in acqua stagnante o con scarsa ossigenazione.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si ciba prevalentemente di crostacei (piccoligranchi e gamberetti), molluschi, vermi marini e larvedi pesci.

Esemplare maschio della "varietà" albescens

Pesca[modifica | modifica sorgente]

Abbocca con voracità a qualunque esca animale (anche un pezzo di mortadella può andar bene) ma il valore delle sue carni è modesto. Si presta a far parte di ottime fritture.

Esemplare maschile

Acquariofilia[modifica | modifica sorgente]

Questo pesce è commercializzato (anche se raramente) per l'allevamento in acquario. Più diffusa la sua presenza negli acquari civici.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Fu la prima specie di Gobiidae descritta da Linneo.
  • In Toscana ghiozzo è un appellativo che si rivolge a persone di non spiccata intelligenza e prontezza di pensiero, in allusione alla facilità con cui il pesce abbocca ad esche anche grossolane.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Costa F. Atlante dei pesci dei mari italiani Mursia 1991 ISBN 88-425-1003-3
  • Louisy P., Trainito E. (a cura di) Guida all'identificazione dei pesci marini d'Europa e del Mediterraneo. Milano, Il Castello, 2006. ISBN 88-8039-472-X

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci