Go (linguaggio di programmazione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Go
Autore Google
Data di origine 2009
Utilizzo Generico (alta efficienza[senza fonte])
Paradigmi Linguaggi compilati, Programmazione concorrente, programmazione strutturata, programmazione imperativa
Tipizzazione Statica, Fortemente Tipizzata
Estensioni comuni .go
Influenzato da C, Limbo, Modula, Newsqueak, Oberon, Pascal, Python

Go è un linguaggio di programmazione open source sviluppato da Google. Il lavoro su Go nacque nel settembre 2007 da Robert Griesemer, Rob Pike e Ken Thompson basandosi su un precedente lavoro correlato con il sistema operativo Inferno. Secondo gli autori, l'esigenza di creare un nuovo linguaggio di programmazione nasce dal fatto che non esiste un linguaggio di programmazione che soddisfi le esigenze di una compilazione efficiente, di un'esecuzione veloce e di una facilità di programmazione[1]. Go viene annunciato ufficialmente nel novembre 2009.

Sistemi operativi[modifica | modifica sorgente]

I compilatori sono disponibili per i seguenti sistemi operativi

Caratteristiche principali[modifica | modifica sorgente]

Go soddisfa le esigenze della programmazione concorrente ed è stato progettato per ottimizzare i tempi di compilazione anche per hardware modesti. La sintassi è vicina al C eccetto per la dichiarazione dei tipi e per la mancanza di parentesi nei costrutti for e if. Ha un sistema di garbage collection che si occupa autonomamente della gestione della memoria. Non include l'intercettazione di eccezioni, l'eredità dei tipi, la programmazione generica, le asserzioni e l'overloading dei metodi.

Esempio[modifica | modifica sorgente]

Hello World in Go:

package main

import "fmt"

func main()
{
        fmt.Printf("Hello, World\n")
}

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Go è stato eletto "Programming Language of the Year" 2009 dalla TIOBE Software, azienda che si occupa di monitorare la popolarità e la diffusione dei linguaggi di programmazione informatici.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Go FAQ
  2. ^ Sito web della TIOBE Software.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]