Glossario di speleologia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Questa lista è suscettibile di variazioni e potrebbe non essere aggiornata.


Il presente glossario contiene termini usati nel campo della speleologia, con questa impostazione:

  • del carsismo vengono riportate solamente le voci più strettamente attinenti alle grotte, tralasciando quelle riguardanti i fenomeni di superficie (es. campi carreggiati);
  • non vengono riportate le voci relative alle attrezzature che hanno la stessa funzione di quando vengono utilizzate in alpinismo o nelle immersioni subacquee (es. spit, muta).

Nell’ambito delle descrizioni, sono scritte in corsivo le parole che sono richiamate nel glossario stesso (ad eccezione di “grotta”, che ricorre troppo spesso).


Indice
0 - 9 A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z ?


A[modifica | modifica sorgente]

abisso
grotta o tratto di grotta a sviluppo verticale, di elevata profondità. Può essere formata da più pozzi in successione.
accrescimento
il lento formarsi delle concrezioni.
acetilene
gas che viene generato nella lampada a carburo ed utilizzato per l'illuminazione in grotta.
alveolo
piccolo incavo, generalmente scavato dall’acqua, più piccolo di una nicchia.
anticlinale
piega degli strati rocciosi con la convessità rivolta in alto, cioè al contrario del sinclinale.
antro
caverna poco profonda.
armare
disporre l’attrezzatura occorrente al superamento di un ostacolo.
assicurazione
vedi sicura.
attiva
o viva, si dice di grotta ove le concrezioni sono ancora in crescita, ci sono cioè ancora acque sotterranee in movimento. Contrario di fossile.

B[modifica | modifica sorgente]

baratro
precipizio con pareti ripide, ma non verticali come un pozzo, e con apertura più ampia di quest’ultimo.
biospeologia o biospeleologia
vedi speleobiologia.
breccia
roccia sedimentaria formata da elementi clastici a spigoli vivi, cementati da argilla o calcare.
breccia ossifera
breccia che contiene anche reperti ossei preistorici.
burrone
avvallamento scosceso e profondo.

C[modifica | modifica sorgente]

calcare
roccia sedimentaria formata prevalentemente da carbonato di calcio.
calcite
forma cristallina del carbonato di calcio.
camera
zona di una grotta più ampia di una galleria, ma meno vasta di una sala.
camino
apertura lunga e stretta che dalla volta di una grotta sale verso l’alto, senza però raggiungere la superficie. Se ci si arrampica servendosi solamente di mani, piedi e schiena si dice “pulire il camino”.
canne d’organo
grande e spettacolare concrezione che scende lungo tutta una parete in forma di canne accostate.
cannula
forma iniziale e particolare di stalattite, che si presenta come un sottile tubicino semitrasparente di calcite, attraverso il quale passano le gocce d'acqua. È una struttura molto fragile, ma che può raggiungere anche alcuni metri di lunghezza. Se ne pendono tante dalla volta della grotta, dal basso si ha la sensazione di una cascata di spaghetti.
carburo
carburo di calcio: è contenuto nella parte inferiore della lampada a carburo, dove a contatto con l’acqua che gocciola dal serbatoio della parte superiore reagisce formando l’acetilene che poi viene convogliato all’ugello, dove brucia generando luce.
Carso
vasto territorio, formato prevalentemente da rocce calcaree, attualmente suddiviso tra Italia (zone di Trieste e Gorizia), Slovenia e Croazia. Comprende migliaia di grotte, ed ha dato il nome al fenomeno del carsismo.
carsismo
fenomeno di dissoluzione delle rocce calcaree da parte dell’acqua meteorica arricchita di anidride carbonica, che origina particolari formazioni in superficie dovute alla corrosione. Le acque così arricchite filtrano quindi nel sottosuolo, dove generano le concrezioni nelle grotte a seguito del deposito di carbonato di calcio.
cascata
vedi colata.
casco
dispositivo di protezione individuale indispensabile per proteggersi dalle cadute di pietre dall’alto e dagli urti contro le pareti e le concrezioni durante la progressione in grotta.
catasto grotte
il luogo ove vengono catalogate e conservate le informazioni relative alle singole grotte.
caverna
grotta composta da un grande vano in cui le tre dimensioni sono abbastanza similari, facilmente accessibile dall’esterno. Se invece si riferisce ad un tratto interno di grotta, è un ambiente ancor più ampio di una sala.
caverna ossifera
caverna in cui si ritrovano anche reperti ossei preistorici.
cavernicolo
vedi troglodita.
cengia
sporgenza pianeggiante in parete, sulla quale si riesce a sostare.
china detritica
pendio formato da detriti che spesso si trova all'accesso della grotta.
clastiche
dicesi di rocce formate da un conglomerato di detriti.
clessidra
la forma che assumono certe colonne.
colata
caratteristica concrezione di media dimensione, che si forma sui piani inclinati, sulle gobbe delle pareti, o su massi preesistenti.
colonna
formazione derivante dal congiungimento di una stalattite con una stalagmite. Può assumere dimensioni notevoli.
concrezione
nome generico con il quale si designano tutte le formazioni calcaree che si trovano nelle grotte. Sono dovute alla ritrasformazione del bicarbonato di calcio, contenuto nelle acque che sono filtrate attraverso il suolo, in carbonato di calcio, che si deposita formando le concrezioni.
cono detritico
ammasso di rocce di varia pezzatura che si trova sul fondo di un pozzo e che denota il crollo della volta.
corrente d’aria
si riscontra spesso tra l’imboccatura della grotta e l’esterno ed è dovuta alla differenza di temperatura tra i due ambienti, oppure, dove scorrono acque, al movimento delle stesse. Se da un anfratto soffia aria, è indicativo del fatto che lì dietro possa trovarsi una nuova grotta da scoprire.
corridoio
vedi galleria.
corrosione
vedi carsismo.
cortina
concrezione che pende dalla volta della grotta, in forma di lama di poco spessore, simile ad un drappeggio. Si sviluppa quando l’acqua filtra da un fessura. Spesso sono così sottili che ponendoci dietro una fonte di luce si possono osservare in trasparenza le variegate colorazioni.
cunicolo
stretto passaggio nel quale non si può procedere in posizione eretta, ma piegati, carponi o strisciando.

D[modifica | modifica sorgente]

depigmentazione
mancanza di colore nella fauna troglodita, come ad esempio nel proteo.
deposito di riempimento
materiale che ha coperto o riempito una zona della grotta.
diaclasi
fessura, frattura della roccia.
discensore
strumento utilizzato per frenare le discese su corda.
dissoluzione
il processo di scioglimento di un solido in un liquido.
dolina
avvallamento del terreno a forma di imbuto, nel cui fianco spesso si apre l’ imboccatura di una grotta. È uno dei principali fenomeni carsici.
drappeggio
vedi cortina.
duomo
alta sala con volta a cupola

E[modifica | modifica sorgente]

epigeo
superficiale (aggettivo), situato sopra al suolo. Contrario di ipogeo.
erosione
azione disgregatrice della roccia. Può essere meccanica o dovuta a corrosione.

F[modifica | modifica sorgente]

faglia
frattura di uno strato roccioso, con dislivello dei bordi dovuto a scorrimento relativo tra le due parti.
falda freatica
acqua sotterranea che impregna uno strato di roccia poroso, sostenuta da uno strato impermeabile e con pelo libero a pressione atmosferica.
fessura
grotta a sezione lunga e stretta.
finestra
apertura verso l'esterno situata in alto rispetto al pavimento della grotta.
fiori di grotta
piccole concrezioni, formate da cristalli, simili a coralli, che si possono trovare sul pavimento delle grotte.
fiume sotterraneo
fiume che scorre nel sottosuolo. Se torna in superficie dà luogo ad una risorgiva.
fluorescina
un colorante utilizzato come tracciante.
frana
spesso nelle grotte si trovano cumuli detritici dovuti a frane.
fossile
si dice di grotta ove le concrezioni non sono più in crescita, non ci sono cioè più acque sotterranee in movimento. Anche “inattiva”, contrario di attiva.

G[modifica | modifica sorgente]

galleria
grotta o tratto di grotta a sviluppo orizzontale, non molto ampia, ma nella quale si riesce a procedere in posizione eretta.
geoidrologia
vedi idrogeologia.
grotta
cavità naturale sotterranea o insieme di più cavità.
grotta di ghiaccio
o glaciale, o ghiacciata: che al suo interno contiene imponenti formazioni di ghiaccio.
grotta di ghiacciaio
che si sviluppa all’interno di un ghiacciaio.
grotta eolica
scavata dall’azione erosiva delle particelle portate dal vento, detta “deflazione”.
grotta marina
che ha l’imboccatura a livello del mare.
grotta semplice
quella formata da un unico vano.
grotta singenetica
che si è originata assieme alla roccia nella quale si trova. È il caso ad esempio del tunnel di lava. È detta anche cavità primaria, in contrapposizione alla cavità secondaria che si è formata successivamente.
grotta sommersa
che ha l’imboccatura sotto il livello del mare o dell’acqua dolce.
grotta sperimentale
quella in cui sono installate strumentazioni scientifiche di rilevazione.
grotte di guerra
quelle adattate ed utilizzate a scopi bellici.
grottista
chi esplora le grotte.
gruppo speleologico
o gruppo grotte: insieme di persone che si dedicano all'esplorazione ed allo studio delle grotte.

I[modifica | modifica sorgente]

idrogeologia
la branca dell’idrologia che si occupa delle acque sotterranee.
idrografia sotterranea
il complesso delle acque che scorre nel sottosuolo.
imboccatura
l’apertura attraverso cui si accede alla grotta.
infiorescenze
vedi fiori di grotta.
inghiottitoio
cavità sul fondo di un avvallamento in superficie, nella quale si riversa un corso d’acqua o le acque meteoriche.
ipogeo
sotterraneo (aggettivo). Contrario di epigeo.

L[modifica | modifica sorgente]

lampada a carburo
dispositivo portatile di illuminazione ad acetilene. Una singola carica di carburo garantisce già una buona autonomia.
lampada frontale
quella che si porta sul casco, lasciando così libere le mani.

M[modifica | modifica sorgente]

magnesio
veniva utilizzato per illuminare le grotte ai tempi delle prime fotografie. Oggi viene ancora usato dalle guide per illuminare i grossi blocchi di ghiaccio nel corso delle visite alle grotte di ghiaccio.
massi di crollo
grossi macigni che si trovano talvolta sul pavimento delle caverne, dovuti a crolli dalle pareti o dalla volta.
meandro
serie di strettoie successive ad andamento tortuoso.
muschio
tappezza spesso l’imboccatura di un grotta.

N[modifica | modifica sorgente]

nicchia
incavo nella parete, più grande di un alveolo.

O[modifica | modifica sorgente]

orecchio di porco
particolare forma di concrezione che assomiglia molto all’orecchio di un suino.
ooliti
come le pisoliti, ma di diametro inferiore.
orso delle caverne
orso speleo, orso di grossa taglia vissuto in epoca preistorica nelle caverne, ove si sono trovati numerosi reperti.

P[modifica | modifica sorgente]

palo da scalata
palo smontabile, sulla cui cima veniva attaccata una scala. Permetteva di superare dislivelli di alcuni metri in punti difficoltosi o senza piantare chiodi.
panneggio
vedi cortina.
percolazione
il lento filtrare delle acque attraverso il suolo.
perle di grotta
formazioni pisolitiche in forma di piccola sfera che si possono trovare sul suolo della grotta.
pila di piatti
forma caratteristica assunta dalle stalagmiti quando le gocce cadono da una considerevole altezza.
pilastro
vedi colonna.
pipistrello
chirottero che si trova frequentemente nella parte iniziale di grandi caverne aperte all’esterno.
pisolite
vedi perle di grotta.
portale d'ingresso
imboccatura particolarmente ampia di una caverna.
pozzo
grotta o tratto di grotta a sviluppo verticale, di diverse decine di metri, ma di profondità minore di un abisso. Viene detto “esterno” se comunica con l’esterno, ed “interno” negli altri casi.
pozzo cieco
che non ha altri sbocchi, che lì la cavità finisce con il suo fondo.
proteo
piccolo animaletto troglobio anfibio, simile ad una lucertola dalla pelle color rosa, che si trova nelle grotte dell’area del Carso.

Q[modifica | modifica sorgente]

quota d’ingresso
la quota altimetrica dell’ imboccatura della grotta.

R[modifica | modifica sorgente]

rami
le varie diramazioni in cui si articola una grotta.
rilievo
operazione di mappatura della grotta.
risorgiva
il punto in cui le acque riappaiono in superficie dopo un percorso sotterraneo.

S[modifica | modifica sorgente]

sala
parte di una grotta di particolare ampiezza in tutte le direzioni. La sala è più ampia di una camera ma meno di una caverna. Generalmente le sale sono ben concrezionate.
sala di crollo
zona più ampia a causa di un locale crollo della volta, con conseguenti massi di crollo sul pavimento.
schiena d’asino
conformazione a gobba di una parete verticale che rende particolarmente difficoltosa la discesa.
scala
attrezzatura essenziale per la discesa in grotta. Aveva i montanti in cavetto d’acciaio ed i pioli in lega leggera, e si arrotolava per il trasporto. Il suo utilizzo è stato soppiantato dalle tecniche di discesa su sola corda.
sicura
prevenzione delle cadute durante la discesa su scala, effettuata con una corda di sicurezza convenientemente trattenuta da un compagno in superficie, o qualunque altra tecnica volta a garantire la sicurezza nella progressione in grotta.
sifone
in una grotta contenente acqua, un punto della galleria ove la volta si abbassa fin sotto il livello dell’acqua, per cui per procedere bisogna immergersi con apposite attrezzature.
sinclinale
piega degli strati rocciosi con la convessità rivolta il basso, cioè al contrario dell’ anticlinale.
spaghetti
vedi cannula.
speleobiologia
branca della speleologia che si occupa delle condizioni e delle forme di vita animale e vegetale nelle grotte. Si può dividere anche in speleobotanica e speleozoologia.
speleoetnografia
branca della speleologia che si occupa dello studio sull’utilizzazione delle grotte da parte degli uomini.
speleogenesi
il modo in cui si è formata una grotta.
speleoidrologia
vedi idrogeologia.
speleologia
lo studio e l’esplorazione delle grotte.
speleologia urbana
branca della speleologia che si occupa dell’esplorazione e dello studio delle cavità artificiali.
speleologia subacquea
branca della speleologia che si occupa dell’esplorazione delle cavità sommerse.
speleologo
chi si occupa di speleologia.
speleopaleontologia
branca della speleologia che studia i reperti fossili ritrovati nelle grotte.
speleopaletnologia
branca della speleologia che studia i reperti ritrovati nelle grotte relativi all’attività umana.
speleosub
il subacqueo che si immerge nelle grotte allagate.
spelonca
antro oscuro.
stalagmite
concrezione a forma di colonna che si innalza dal suolo della grotta.
stalattite
concrezione di forma allungata che pende dalla volta della grotta.
stalattite tubolare
vedi cannula.
strettoia
passaggio angusto.
stillicidio
il lento gocciolamento delle acque dalla volta della grotta.
strato
insieme omogeneo di sedimenti rocciosi.

T[modifica | modifica sorgente]

tettonico
dovuto a modificazioni della crosta terrestre.
tracciante
sostanza colorante o di altro tipo che viene versata in un corso d’acqua sotterraneo per scoprire dove sbuca e quindi ricostruire il percorso ipogeo.
troglodita
che abita nelle caverne.
troglobio
essere vivente che vive e si riproduce solamente nelle grotte. È il troglodita vero e proprio.
troglofilo
essere vivente che è adattato a vivere anche nelle grotte. È il troglodita d’elezione.
troglosseno
essere vivente che solo occasionalmente ed accidentalmente si trova nelle grotte.
tunnel di lava
grotte che si formano nella lava durante le eruzioni.

V[modifica | modifica sorgente]

vacuo
spazio vuoto.
vadosa
dicesi di acqua meteorica che penetra nel sottosuolo e vi scorre.
valchiusana
un tipo intermittente di sorgente carsica.
vani
termine generico per indicare le varie cavità che formano una grotta.
vaschetta
caratteristica concrezione che si forma su piani leggermente inclinati, con bordi rialzati e frastagliati che trattengono piccoli bacini d’acqua.
voragine
pozzo od abisso ma con amplissima apertura, nella quale spesso precipitano acque torrentizie di superficie.
vulcanospeleologia
branca della speleologia che si occupa dell’esplorazione delle grotte vulcaniche.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]